Pappamolle o bastardo scoprilo con i nostri psico-test
Cerchi la tua metà?
www.chicercatrova.com
SEGNALA UN SITO AGGIUNGI NUTILLA FRA I TUOI PREFERITI CONTATTA LO STAFF
Siamo in 112
» HOME

» PAUSACAFFE'
· GameBox
· La Sai l'Ultima su?
· I Test(icoli)
· Gli Scherzi on-line
· Oroscopo


» PAZZOWEB
·VideoFun
·Immagini Pazze
·Notizie Pazze
·Sfondi Pazzi


» COM.(M)UNITY
·La Messaggeria
·Chat-ti-amo


» UTILITY
·Utility-Desktop
·Buoncompleanno
 Cards

·Bad Cards


» ADULT ZONE

» WEBMASTER


FILMISSIMI
Comodamente davanti
al tuo PC goditi questi bellissimi films hardcore della durata di circa 30 minuti.


FACCIAMOLO COSI'
In quale posizione preferisci fare sesso?
Scegli la tua, vota e lascia un commento...!


ADULT TV
La Tv hardcore
con 9 canali e una programmazione
24ore non stop


WEBCAMS
Bellissime ragazze si spogliano davanti la loro webcam

Ragazza si fa un ditalino in mezzo alla strada


Sexy
Cartoons

Mamma e figlia non ne perdono una...
» Una a caso:
Perche' il sesso assomiglia molto al bridge? Perche' non c'e' bisogno di avere un partner se hai una buona mano. ...[continua]


Nutilla on Facebook


Home > Adult Zone > Racconti Erotici > silvia e sun scoperta eccezionale


  
 RACCONTI EROTICI

» silvia e sun scoperta eccezionale
inviato da: vannino03
Letto 8.319 volte
Al 230° posto in questo momento con 289 voti.
Hanno votato in 20 giorni 77 amici (35 donne e 42 uomini).


Sun e Silvia e la loro eccezionale scoperta.
( di Vannino)

Silvia a 14 anni si considerava orribile: piccola di statura, magra, seno piatto, capelli dritti biondi slavati ed a causa di una forte miopia  era costretta a portare degli occhiali spessi che sembravano fondi di bottiglia. Alle sfortune fisiche, così lei le chiamava, si aggiungeva quella di essere la prima della classe a scuola, ciò la faceva detestare dai compagni che la consideravano una secchione. Nessuno la invitava alle feste o in discoteca al sabato pomeriggio, non tanto perché la odiassero, quanto perché davano per scontato che la cosa non l’avrebbe interessata.
Silvia si sentiva, quindi, tremendamente sola, senz’amicizia e trascorreva la maggior parte del tempo libero attaccata ad internet cercando amici nel Web, dove invece ne aveva tanti senza temere confronti.

Sun, coetanea di Silvia, coreana, viveva con i genitori in un’altra città italiana. dall’età di tre anni.  A causa del suo aspetto diverso, orientale, piuttosto rotondetta, con un seno spropositato per la sua età, bravissima a scuola, aveva sempre dovuto subire i dileggi dei compagni, ciò la faceva soffrire ed isolarsi.
Anche Sun passava ore sul Web dove conobbe Silvia, le due allacciarono un’amicizia che nel tempo diventò indissolubile.
Le due ragazze chattavano   insieme per ore, aprendo i loro cuori, si confidandosi sogni e desideri, scambiandosi ogni sorta di curiosità senza veli per due adolescenti che si affacciavano al mondo dei grandi.
Immancabilmente i discorsi sfociarono sul sesso con morbosità per entrambi ancora sessualmente innocenti.
Sun era la più intraprendente e fu lei  a confidare per primo  all’amica le sensazioni di piacere che provava  toccando il proprio corpo, sui seni, fra le cosce. Fu  lei ad invitare Silvia ad imitarla e questa la segui scoprendo così l’orgasmo con le stimolazioni vulvari clitoridee.  Cominciarono  a masturbarsi spesso in contemporanea mentre chattavano.
Le ragazze divennero amiche virtuali inseparabili fino a quando sentirono la necessità di conoscersi personalmente. Si frequentarono durante i week end, durante le vacanze ed in ogni altra occasione si presentò.
L’amicizia crebbe, come loro stesse.
Il fisico di Silvia si sviluppò e cominciò a curare il proprio corpo, a valorizzarlo. Eliminò gli occhiali spessi usando le lenti a contatto, curò la capigliatura bionda che la rendeva  appariscente, il seno assunse la forma piena, tondo..
Anche Sun si affinò, pur rimanendo rotondetta con  due cosce piene. Valorizzò il suo aspetto orientale anche con i consigli dell’amica. Il seno rispetto a quello di Silvia era  il doppio ed era quello che la rendeva  attraente.
Trascorsero tre anni durante i quali le due amiche si  frequentavano  regolarmente, rinsaldando la loro amicizia e l’affetto che nutrivano una per l’altra.
Non avevano  ancora frequentato dei ragazzi, ma non trascuravano di parlarne e sognare insieme i loro miti.
Sentivano il bisogno di toccarsi per esprimere l’affetto che provavano giungendo a godere accarezzandosi reciprocamente.
Scoprirono l’amore saffico, baciandosi le vulve acerbe, sgrillettandosi il clitoride e godendo smodatamente.
Sun  era quella  che predominava, non si stancava  mai di godere.
Non si consideravano lesbiche, anzi decantavano il sesso maschile che non conoscevano dal vivo. Entrambi sospiravano pensando al membro duro sognando di trovarne uno da condividere.
Nel frattempo continuavano a godere insieme con grande soddisfazione.
Sun  fu  più spesso ospite nella villa  dei genitori di Silvia, dove viveva  anche Marco il fratello, maggiore di due anni .
Un ragazzo spilungone, un po’ brufoloso, estremamente timido e solitario, sempre ignorato dalle ragazze.
Sun  fu la causa della felice svolta della vita di Marco che ebbe inizio in una calda serata d’estate.
Il ragazzo udiva provenire dei lamenti dalla camera di Silvia che divideva con Sun sua ospite. Incuriosito si avvicinò alla porta socchiusa ed assistette ad uno spettacolo per lui inaspettato. Marco, sia pure ventenne, non aveva mai visto una donna nuda da vicino, non aveva mai fatto l’amore con qualcuna disposta a dargliela, non aveva mai avuto il coraggio di andare almeno con una prostituta.
Era sempre in stato di eccitazione e la masturbazione era il suo sport quotidiano, complice anche le figure eccitanti di riviste o films pornografici.
La stanza delle ragazze era illuminata dall’esterno, attraverso la finestra aperta. Intravvide le ragazze sul letto completamente nude in un atteggiamento inequivocabilmente lussurioso.
Silvia affondava la testa fra le rotonde cosce aperte dell’amica sdraiata mentre lei in ginocchio a gambe aperte si offriva alla bocca di Sun.
Marco vide chiaramente in tutta la sua bellezza il sedere perfetto della sorella, candido, tondo avvinto dalle mani di Sun. Si  leccavano  a vicenda con evidente piacere, dato i gemiti che entrambi emettevano.
Marco non aveva mai immaginato la sorella sotto l’aspetto erotico. Lui era abituato ad avere davanti agli occhi una ragazza minuta, insignificante, slavata. Non si era mai reso conto che sotto quegli abiti larghi da spaventapasseri che indossava si nascondessero quelle forme deliziose che adesso mostrava oscenamente.
Un corpo così eccitante, come quello  che stava ammirando, lo aveva visto soltanto sulle riviste erotiche. Non riusciva a credere che  quella bellezza davanti ai suoi occhi fosse sua sorella.
Era affascinato dall’eccezionale scoperta , mentre il membro si ingrossava  fra i pantaloni del pigiama.
Tirò fuori il pene di una dimensione notevole, molto più del normale e di un diametro mostruoso.
Il ragazzo non potette fare a meno di menarselo mentre ammirava  lo spettacolo.
Silvia ansimava  sulla natura di Sun leccandola furiosamente.
Sun farfugliava “ Dai..Dai… non ce la faccio più!!” mentre nella foga dell’eccitazione insinuava un dito tra il solco delle natiche fino ad introdurlo nel forellino stretto di Silvia che lanciò un  sospiro profondo godendo insieme all’amica.
Anche Marco raggiunse l’orgasmo, silenziosamente esplodendo con schizzi violenti e copiosi.
Dopo questa rappresentazione  la calma ritornò  nella villa silenziosa.
Il giorno dopo i tre ragazzi, soli in villa, stavano  godendo il sole sui bordi della piscina.
Marco ogni tanto scrutava  le due ragazze poco distanti.
Sun indossava un succinto due pezzi. Le poppe prosperose trasbordavano dai due triangolino di stoffa che aspiravano a reggere quei prosperosi globi.
Silvia, biondissima era meno prosperosa dell’amica ma possedeva  un corpicino perfetto da modella, ben proporzionato, sensuale oltretutto.
Marco, ripassando le immagini della sera precedente si accorse che il costume non riusciva  a contenere la bozza che gli si stava formando davanti. Pensò, quindi, di nasconderla tuffandosi nelle fresche acque della piscina. Nell’alzarsi dal suo posto, inavvertitamente  mostrò allo sguardo di Sun, girata dalla sua parte, la voluminosa protuberanza appena contenuta nello stretto costume.
Sun, non aveva mai considerato quel ragazzo brufoloso, scontroso ed insignificante, ma rimase intimamente colpita da quella scoperta eccezionale. Difatti rivolgendosi a Silvia, mentre il fratello stava nuotando:
“ Dimmi una cosa? Ma hai mai visto nudo tuo fratello?”
“ No. Perché me lo chiedi?”
“ Deve avere un cazzo eccezionale a vedere l’enorme pacco che aveva poco fa, li davanti!. Sarei curiosa di vederlo.”
“ Sun? Cosa dici? Marco è così timido, così serio!”
“Si, questo è vero! Ma ciò non gli ha impedito di sbirciarmi le tette di nascosto. Me ne sono accorta! Ha osservato più volte anche il tuo grazioso culetto”  Nel dire questo scoppiò a ridere seguita dalla stessa Silvia.
“ Che dici Silvia? Ti dispiacerebbe se lo stuzzicassi un po’? Vorrei proprio vedere quel cazzo dal vero. Vorrei toccarlo!!”
“ Sun fai come credi. Se ci riesci?”
La coreana sorrise sottocchi, osservando il ragazzo nuotare. Stava  pregustando la scena che vedeva  nella sua strategia tutta femminile, che stava  elaborando.
Marco uscì dalla piscina, Sun lo chiamò chiedendogli di passarle l’asciugamano lanciandogli una sguardo inusuale, accattivante. Marco le si avvicinò per porgergli l’asciugamano, ma la ragazza indugiò nella ricerca di qualcosa nel borsone accanto; così facendo metteva  in mostra la rotondità dei seni, sorretti dai minuscoli pezzetti del reggiseno, che rilassati a causa della posizione inclinata fecero  mirare al ragazzo i capezzoli appuntiti.
Marco cominciò ad emozionarsi. Silvia poco distante si accorse divertita delle manovre dell’amica.
A un certo punto, Sun, fingendo di controllare l’astuccio di una crema presa dal borsone, lentamente allargò le cosce mettendo in mostra la sottile striscia  che dal pube prominente scendeva  nel solco della fica  evidenziando ai lati le labbra gonfie ed dei ciuffetti di un morbido pelo nero che spiccava tra gli orli.
Il ragazzo cercò di darsi un contegno, girando lo sguardo intorno e sentì di nuovo  il povero membro rizzarsi nel costume.
Sun, imperterrita, fece finta di continuare nella lettura dell’etichetta dell’astuccio, accentuando il movimento erotico del pube. Poi si alzò di scatto e chiese a Silvia:
“ Vado un po’ dentro,.. qui fa un caldo atroce!”  e si avviò.
Il ragazzo ora era eccitato al massimo, imbarazzato non riuscì a nasconderlo.
Anche Silvia adesso si rese conto dell’enormità di quella protuberanza che scrutava  meravigliata tra gli occhiali scuri e si domandò come mai non si era mai accorta di questa particolarità di suo fratello.
Seguì l’amica in camera, dove Sun euforica esclamò:
“ Hai visto Silvia? Com’è grosso! Io devo vederlo! Toccarlo! Non sto più nella pelle. Oh come sono eccitata!!”
Si tolse di dosso i pezzi del costume rimanendo completamente nuda invitando l’amica a fare lo stesso.
Silvia era restia, se pure a malincuore ubbidì. Pensò che l’amica volesse essere toccata come di solito pretendeva quando era eccitata.
Ma Sun, ad alta voce, rivolgendosi al ragazzo fuori, chiese:
“ Marco, per cortesia, mi porteresti dentro il borsone?”
Il ragazzo eseguì l’ordine entrando spedito in camere delle ragazze che si lasciarono sorprendere nude. A tale vista si bloccò, ma Sun lo invitò:
“ Vieni avanti!! Hai paura?”
Il ragazzo imbarazzato si avvicinò per porgere la borsa e Sun, colse  sfacciatamente  l’occasione per posare la mano sulla punta dell’enorme pene che fuoriusciva dal bordo del costume.
Il ragazzo rimase  paralizzato, mentre Sun, diabolicamente gli strappò di dosso il costume liberando il mostro che svettava dritto prepotentemente.
Sun lo afferrò ed era  eccitata più di lui. Era la prima volta che toccava  un cazzo! Si sentiva soggiogata da tale  meraviglia, lo strinse con  le mani ingorde. Si abbassò all’altezza del membro e per la prima volta provò una sensazione nuova al contatto della sua lingua con il glande paonazzo ed umido. Assaggiò con la bocca vogliosa la cappella, nel contempo si portò una mano fra le cosce, sulla fica grondante di umore slinguettandosi.
Silvia assisteva a quella fantastica scena allibita ed eccitata nello stesso tempo.
Intanto Sun non nascondeva il piacere che provava   nel fare scivolare la lingua dai testicoli fin sulla cappella, impregnando di saliva quell’uccello gia pronto a sborrare.
Marco era in estasi, li in piedi davanti a lei che ormai faceva  lavorare la bocca e la lingua incessantemente su e giù per il lungo e poderoso bastone.
Sun, come un’esperta navigata, stava facendo un pompino favoloso e quando aveva la bocca libera alternava mugugni di desiderio a frasi di incitamenti:
“ Vieni!  Vienimi in bocca!!”
A quegl’incitamenti, Marco già provato dalla lunga eccitazione, non resistette  più ed eiaculò inondandola.
Lei gridò vittoriosa raccogliendo con la lingua lo sperma che scendeva  lungo i lati della bocca.
Intanto muovendo le dita nella fica più velocemente godette  anche lei intensamente.
Silvia per un po’ era rimasta paralizzata in disparte, ma meccanicamente aveva portato le sue dita nella micetta bagnata, masturbandosi generosamente gemendo fino al godimento finale insieme ai due.

Nella stanza ritornò un silenzio di tomba.
Sun si era  sdraiata, spossata dal violento orgasmo, sul grande tappeto mostrando alla vista di Marco la fica aperta, rosea luccicante di umidità avvolta dalla peluria nerissima serica. Il ragazzo era  immobilizzato a tale visione, era la prima volta che ammira dal vivo quell’organo femminile tanto agognato.
La ragazza lo invitò sdraiarsi affianco a lei. Marco timidamente si adagiò sulla schiena lasciando svettare il pene che aveva ripreso vita.
Sun da supina impugnò alla base il membro, poi con l’altra mano indirizzò quella del ragazzo sulla sua fessura.
Un’altra nuova emozione per il ragazzo che impacciato toccava  per la prima volta una fica. Era una sensazione elettrizzante stringere fra le dita quelle labbra voluminose, umide per il recente orgasmo.
Silvia in piedi era spettatrice  strabiliata alla eccitante scena di cui l’amica ne era protagonista e regista in assoluto.
Sun  guardò  languidamente l’amica e la invitò a stendersi accanto a Marco. Intanto scappellava  l’enorme mazza con una mano e con l’altra aiutava quella del ragazzo ad intrufolarla nei punti strategici di quella natura fremente.
Silvia si stese sulla schiena rimanendo rigida, imbarazzata. Sun la incitò:
“ Toccalo anche tu? E’ semplicemente fantastico! Non l’avrei mai creduto!”
Silvia era combattuta, indecisa. Quello era suo fratello! Ma osservando quel bastone colossale smanettato dalla sua amica, non resistette  e ruppe ogni  indugio impugnando anche lei dalla punta con la  piccola mano  che non riusciva  a stringere tutta la circonferenza di quell’enorme bastone.
Un brivido di piacere la percosse al   il primo contatto di quell’organo pulsante.
Dall’altra parte  Sun cominciava  ad ansimare per gli strofinamenti più decisi delle dita del ragazzo introdotte in fondo fino all’imene ancora intatto.
Anche Silvia era ormai su di giri, non aveva più  indecisioni e sfacciatamente prese l’altra mano del fratello accompagnandola sulla sua vogliosa vulva.
Il ragazzo era  al settimo cielo. Non  riusciva a credere a quella realtà superiore ad ogni sua immaginazione.
Aveva due fiche meravigliose fra le mani, ne era padrone e schiavo nel contempo.
Era  uno spettacolo unico quel groviglio di mani impegnate a procurarsi spasimi di piacere con gemiti e lamenti che i tre insieme emettevano. Gli ansiti  aumentavano d’intensità come i movimenti di quelle mani impegnate ciascuna

a fare la propria parte.
Grida finali di godimento sopraggiungevano in rapida successione, per ultimo quello del ragazzo mentre schizzava in alto con intermittenza un’enorme quantità di sperma che ricadde imbrattando tutte e tre.
Scese il silenzio nella stanza con i ragazzi che rimasero sdraiati, stanchi  e rilassati  tanto da assopirsi.
Le ragazze si svegliarono per prime. Ammirarono il corpo del ragazzo. Il membro già voluminoso a riposo adagiato di lato le affascinana, Sun sottovoce sospirò:
“ E’ proprio bello! Chissa come sarebbe bello averlo dentro!”
“Sun!! Ma quella bestia non può entrarti dentro, ti squarterebbe!!”
“ No, non posso rinunciarvi, oggi stesso lo voglio! Fra tre giorni finiscono le vacanze. Non vorrai mica godertelo solo tu?”
“ Ma tu sei pazza? Quello è mio fratello. Non potrei proprio. Indubbiamente è formidabile. Ma ora lascialo dormire, andiamo a fare una nuotata”
“ Ma però l’hai toccato, anche tu!”
“ Si, era eccitante vedervi insieme e non ho resistito. Ma più di tanto non me la sento.”
Marco venne svegliato dagli schiamazzi delle ragazze nella piscina.
Non si  raccapezzava ancora, non era sicuro se era sveglio o avesse fatto un bel sogno.
Si avvicinò alla piscina, le ragazze erano nude! Ma allora non sognava! Si intravedevono bene le forme nell’acqua trasparente. Ammirò Sun prosperosa, con quei globi enormi che sembravano galleggiare. Rimase affascinato dalla sorella, deliziosa con quel corpicino minuto, sensuale. Sentì la voglia impellente di stringerla, coccolarla.
Si tuffò in mezzo a loro, ormai aveva preso coraggio e giocò con loro, ridendo e scherzando. Le coccolò,, le palpò sott’acqua, intrufolò il viso prima tra le cosce dell’una poi  in quelle dell’altra. Provò a baciare le fiche bagnate, intanto anche nell’acqua fredda il pene assunse la forma colossale.
Sun lo constatò e decide che era giunto il momento del suo sacrificio.
usci dall’acqua invitandolo a sdraiarsi sul prato ai bordi della piscina.
Marco la seguì. La ragazza lo attirò a se e provò a baciarlo sulla bocca, intrufolando la lingua mentre si strofinava contro decisa, spingendo il pube su  quel dardo immenso.
Si rotolarono sull’erba. La ragazza conduceva il gioco. Silvia assisteva dal bordo della piscina  eccitandosi a sua volta. Timorosa di quel mostro che intravedeva fra le gambe del fratello.
Il ragazzo era impacciato mentre Sun bloccandosi sulla schiena allargava oscenamente le cosce invitandolo:
“ Marco anche per te è la prima volta, ma ci riuscirai a mettermelo dentro quel mostro. Ora lo voglio!”
Poi chiamò Silvia con voce eccitata:    
“ Vienimi vicina, sono già un lago, accarezzami il seno, aiutalo!”  La pregò
Il ragazzo era emozionato. Finalmente una fica  era pronto ad accoglierlo. Era lascivamente concentrato sul piacere che gli  avrebbe  procurato  il possesso di quel corpo che gli veniva offerto.
Si avvicinò in ginocchio, minaccioso con il bastone fra le mani, aiutato dalla sorella che impugnandone la punta lo appoggiò sull’apertura di Sun che attendeva con ansia.:
“ Come è bello. Sono pronta, infilalo presto!!!”
Il ragazzo inesperto, spinse fra le labbra infiammate. Sun ansimò e lancia un urlo spaventoso quando il membro s’immerse tutto, sbaragliando ogni ostacolo.
Fu un urlo disumano, quello di Sun.
Silvia si spaventò e cercò di calmare l’amica asciugandole la fronte madida di sudore.
Il ragazzo rimane inchiodato dalla paura, tremante  dall’emozione pensando al  dolore che aveva procurato ed al piacere indescrivibile che gli trasmetteva la vagina devastata che avvolgeva strettamente la mazza.
Sun si contorceva  dal dolore, con la bocca e gli occhi sbarrati. Due lagrime le scorrevano ai lati del viso.
Silvia era sbalordita ed affascinata nel vedere la fica dell’amica squarciata occupata da quella bestia. Notò un rivolo di sangue intorno.
Marco sia pure spaventato rimase ben piantato per lunghi  interminabili secondi.
Il dolore  per Sun sembrava attenuarsi e un impercettibile sorriso si faceva  strada sul viso della coreana che lentamente si rilassava  ed il dolore si trasformò in piacere perché il movimento che faceva  con il mostro dentro era  eloquente.
Esclamò:
“Oh come è bello! Dammelo di più, dai!”
Il ragazzo si riprese dallo spavento ed istintivamente si mosse su e giù, mentre il corpo della ragazza era scosso da tremiti e gridò a tutti e due:
“ Baciatemi…stringetemi!! Muoio…ohh!!
Silvia sorrise rilassata, abbracciò l’amica che stava godendo, le afferrò i seni scossi  dal movimento e baciò prima l’uno poi l’altro, stringendo i capezzoli rigidi.
Il ragazzo ora era scatenato con il suo manico che sguazzava nella vagina ormai spalancata e carica di umore mista a sangue.
Ritardò il godimento anche perché era  più resistente dopo le recenti precedenti ieculazioni.
Sun si riprese di nuovo e partecipò attivamente alla furiosa chiavata.
“ Oh Silvia, è immenso!! Oddio godo di nuovo..oHHHh!!!”
Anche Marco era quasi all’epilogo e Silvia tremendamente eccitata da quello spettacolo approfittò quando il membro si ritrasse prima di  riprendere l’affondo, per afferralo togliendolo dalla fica violata per ricevere verso il suo viso gli spruzzi violenti.
Era accecata dalla lussuria, il cazzo del fratello era meraviglioso, se ne impadronì,  lo coccolò, lo accarezzò, lo vezzeggiò. Lo strusciò sul suo seno, lo strinse fino a quando sente allentare il turgore.
Sun distrutta, si rivolse all’amica:
“ E’ indescrivibile il dolore ed il piacere che ho provato!
Prima mi ha ucciso, poi mi ha resuscitato in Paradiso, quella divinità!  Dovresti provarlo anche tu cara!!”
Silvia si staccò dal fratello ed abbracciò con forza l’amica, felice.

Sun lasciò la casa degli amici, con rammarico, dopo gli ultimi tre giorni di fuochi e fiamme con il meraviglioso randello di Marco, che la ragazza  sperimentò in tutte le maniere. Diede sfogo a tutta la sua libidine dopo la devastante deflorazione subita ma cercata. Non dette tregua al ragazzo  sempre con la lancia in resta per gli assalti all’inesauribile famelica femmina.
Silvia fu sempre  spettatrice passiva, con una sorta d’invidia per l’amica incontenibile  alle prese con il maestoso organo del fratello.
Marco fu felice della svolta della sua vita. Quella ragazza orientale lo aveva resuscitato dal torpore a causa dei suoi numerosi complessi d’inferiorità, rendendolo in pochi giorni più sicuro di se.
Silvia fu triste quando l’amica la lasciò, ma ora sapeva di non essere più sola. Aveva ritrovato un fratello con il quale in precedenza conviveva da separato in famiglia.
Ora i due erano inseparabili.
Marco adorava  quella sorellina deliziosa che aveva scoperta tale in quella calda giornata di fine estate.
Cercò di cogliere ogni minima occasione per coccolarla, assecondarla, consigliarla.
Era  trascorso un mese  da quando aveva scoperto quel corpo da bambolina sexy e la desiderava  da sentirsi male, non facendosi alcun problema se quella meraviglia fosse sua sorella. Le seghe quotidiane erano tutte dedicate a lei in quei ultimi tempi.
Silvia a sua volta si sentiva attratta dal fratello, ma evitava di trovarsi in situazioni compromettenti con lui. Aveva una tremendo timore di entrare in un vortice di passione incestuosa che le faceva  paura.
Confidò questi sentimenti, negli incontri quotidiani in chat, all’amica Sun la quale la stuzzicava incitandola a lasciarsi andare.
Sun aveva sempre davanti agli occhi quel portento della natura di cui Marco era dotato e non si stancava mai di decantarlo all’amica.
Loro due avevano sempre sognato una situazione erotica simile e la scoperta  fu sensazionale, perciò  Sun insisteva con Silvia di superare ogni remora, lei al suo posto si sarebbe  prostrata in adorazione davanti a quel membro meraviglioso, si  sarebbe messa  al suo servizio.
Marco era un ragazzo tenero, rispettoso della sorella, conosceva i timori che la frenavano e continuava a venerarla, non solo come sorella ma come la donna deliziosa che lo affascinava , che amava.
La tensione erotica fra i due era al limite della sopportazione, Silvia ne era consapevole perché tutte le notti il desiderio folle di andare di la, dal suo fratellone l’attanagliava. Ebbe  la forza di frenarsi, ma non quella di stuzzicarsi la passera fino a farsi male pensando al meraviglioso bastone che avrebbe potuto calmare la lussuria che la divorava.
Ecco la svolta per Silvia, ancora complice l’amica Sun che la invitò a Como, approfittando di alcuni giorni di vacanza, naturalmente l’invito era esteso anche al fratello Marco.
Sun accolse gli amici con gioia, inoltre era euforica perché i suoi  erano via lasciandole la casa libera.
Abbracciò con trasporto la sua amica, si aggrappò al ragazzo dimostrandogli subito l’eccitazione per la voglia repressa nell’attesa.
Lo tirò nella sua stanza, senza curarsi dell’amica sorpresa. Si spogliò in un baleno offrendosi oscenamente:
“ Ho atteso tanto questo momento! Chiavami subito.. oh come sono eccitata!”
Il ragazzo sensibile a simili inviti si prestò al sacrificio. Si liberò dagli indumenti e si precipitò sulla femmina in calore.
Il membro possente venne afferrato con bramosia dalla coreana che già tutta bagnata si fece perforare senza altri indugi.
Silvia rimase meravigliata della facilità con la quale  quella mazza si era  fatta strada nella fica che percossa dal batacchio emetteva uno sciacquio osceno.
Silvia non fece in tempo a mettere in guardia  dal pericolo di rimanere incinta. Sun, era strettamente avvinta al maschio che scaricò tutto lo sperma nella fica che pulsava per l’orgasmo già raggiunto.
Sun, rilassata, assicurò  che non c’era pericolo, era lontana  dai giorni fecondi poi abbracciò e baciò l’amica per le premura mentre le confessò che non stava nella pelle al pensiero di incontrarli con la voglia pazza di riavere quel bastone.
Ricominciò a tessere le lodi del favoloso strumento che aveva appena assaggiato ed invitò l’amica:
“ Silvia, te lo ripeto è impossibile descriverti il piacere che si prova con quella meraviglia dentro, devi provarlo anche tu!!”
Silvia sia pure eccitata aveva ancora paura di quel mostro che pure la affascina.
Sun è insistente e la convinse a spogliarsi:
“ Rilassati! Marco non è più uno sprovveduto, sentirai com’è bello. Io ti sarò vicina.”
Marco in disparte assistette alla discussione delle  amiche. Si accorgeva che le resistenze di Silvia erano indebolite.
Intimamente ringraziava Sun per la sua pervicacia. Erano giorni e giorni che sognava quel corpo irresistibile. Aveva tentato qualche timido approccio con l’adorata sorellina, ma non aveva insistito conoscendo le reticenze di Silvia circa il rapporto incestuoso.
Ora la rivide, dopo tanto, nuda. Era indubbiamente bella, se la mangiava con gli occhi ed avrebbe voluto stringerla a se, rassicurarle quanto l’amava, che non le avrebbe  mai fatto  ciò che lei non desiderava.
Ora l’amica la stava accarezzando con delicatezza, parlandole teneramente. Silvia la lasciava fare, sapeva quali brividi di piacere l’amica sapeva donarle. Lei conosceva in ogni dettaglio i punti del corpo che l’eccitano di più. Le diceva:
“ Sdraiati cara! Lasciami fare vedrai come sarà bello, io sono qui con te!”
La preparava al sacrificio.
Le allargò le cosce scoprendole la micetta bionda e la mostrò al fratello affascinato.
Poi vi tuffò la bocca, leccandola tutta portandola al massimo dell’eccitazione.
Silvia cominciava a fremere:
“Oh Sun, sei inimitabile!”
Sun fece cenno a Marco di avvicinarsi, il quale timidamente accarezzava i capezzoli appuntiti ed il seno che per lui stava comodamente nella mano come in una coppa, poi succhio facendola sussultare.
Silvia era partita ormai, si agitava spingendo il pube in avanti.
L’amica si scostò  ed  invita Marco a piazzarsi fra le cosce della sorella e guidò le operazioni da esperta:
“ Marco! Ti raccomando fai piano! Seguimi!”
Allargò le labbra infuocate stuzzicando il clitoride e vi guidò il membro reggendone la punta.
Silvia pur fremente, s’irrigidì nel sentire il duro e caldo contatto. Sun sussurrò:
“ Rilassati non ti faremo male!”
Poi sempre reggendo la punta del membro con movimenti concentrici la strofinò fra le labbra aperte ed umide.
Si rivolse all’amica:
“ Ti piace così? Senti come è bello duro!!”
Silvia sospirava, allentando la tensione e Marco ben guidato  spinse solo un po’ e si fermò, ben ammaestrato da Sun, per adattare l’enorme cappella all’ingresso di quel piccolo adorabile ambiente. Silvia fremeva, si muoveva incontro eccitata per ricevere ancora un po’ di dose di quel mazzuolo. La soglia ora era ben lubrificata e si stava adattando alle dimensioni della cappella.
Intanto Sun continuava il movimento circolare del pene ora più dentro. Silvia ansimava affannosamente, le piaceva quell’intrusione e finalmente  implorò:
“ Ancora, oh che bello! “
Marco era teso, avrebbe voluto  sprofondare, ma sapeva che doveva essere cauto ora il suo piacere era quello della sorella. Contemplava quel viso estatico. Sun lo guidava ancora:
“ Spingi ancora un po’ ma piano!!” Il ragazzo si tirò indietro e leggermente affondò più giù fermandosi all’ostacolo dell’imene.
Silvia ormai era cotta, non resisteva più:
“ Ohh Marco lo voglio.. dammelo tutto!!”
Sun leva la mano e Marco spinse decisamente fino in fondo.
Silvia senti uno strappo, un dolore acuto che la fece gridare ma durò pochissimo, l’eccitazione era più forte del dolore. Si senti dolcemente invasa, piena, godette intensamente con un piacere inaudito, mai provato fino ad allora, urlandolo:
“ Ohh  Sun, è vero! E’  divino.. ohhh  godoooo!”
Sun l’abbracciò felice a sua volta.
Marco era incredulo, orgoglioso  di sentire sotto di se la sorella gioire in tal modo, scossa  dagli spasimi dell’orgasmo. Iniziò un movimento lento calcolato.
Anche Sun era eccitata e s’infilò nella fica, due tre dita.
Marco ora era un buldozer nell’immergere e ritirare il bastone e Silvia godette ancora con più intensità, afferrò la mano dell’amica.
La vede così eccitata allora prega il fratello:
“ Toglilo!!… dallo a Sun. Presto!!!”
Sun ringraziò muta, l’amica e si posizionò inchinata per ricevere alla pecorina tutto il bastone umido.
Il ragazzo era quasi alla fine della corsa e si scaricò mentre Sun con un grido di piacere raggiunge l’orgasmo.
I tre ragazzi rimasero stretti in un unico abbraccio felici.

Vannino03yahoo.it



  

  





Se ritieni questo racconto offensivo della dignità altrui, discriminatorio o abbia contenuti non legali
segnalalo subito!

:: INSERISCI UN TUO COMMENTO ::

I Commenti dei lettori:


BELLO,porno al punto giusto e molto molto eccitante. Complimenti
» gaetano [15/09/2007]
JESSINE ma perchè sei delusa? Ti piacciono i miei racconti? Allora perchè non li voti? Io ho tanti amici...ma se vuoi posso diventarlo anche per te. Se i tuoi racconti mi piacciono li forò votare. Ciao
» vannino03 [01/07/2007]
Non mi interessa se vengo buttata fuori da Nutilla ma anche ora che sto leggebdo diversi racconti e seguo il punteggio per me c e solo una parola per definire cio che sto vedendo con iol punteggio :manipulazione da parte di chi non lo so fore alcuni amici si danno da fare a votarti di continuo..tu,il secondo ed il terzo...Delusione per me.
» Jessine [30/06/2007]
Non lo so com e perche ma di sicuro devi essere tu il vincente uguale come...racconto bello ma punteggio esagerato,non corretto specialmente ogni volta che un altro ti supera .Comunque e da rispettare.
» Jessine [30/06/2007]
Non lo so com e perche ma di sicuro devi essere tu il vincente uguale come...racconto bello ma punteggio esagerato,non corretto specialmente ogni volta che un altro ti supera .Comunque e da rispettare.
» Jessine [30/06/2007]
Ogni volta che accedo in questo sito, rileggo questo racconto....ummmm come mi eccita!
» maristellina87 [20/06/2007]
veramente eccitante ed intrigante
» giuspe57 [07/06/2007]
Mi piacciono i racconti porno non volgari o sboccati, questo mi ha intrigato veramente.
» FRANKINA2001 [05/06/2007]
bello eccitante..
» Jessine [04/06/2007]
bello eccitante..
» Jessine [04/06/2007]
hMMMM MI HA ECCITATO VERAMENTE!!!!
» MIRIAA2002 [17/05/2007]
FANTASIOSO, SCORREVOLE...DIREI ECCITANTE
» vannino42 [17/05/2007]


   Racconto successivo:
  "buoni propositi"
  Racconto precedente
  "regalo di compleanno"
« SOMMARIO »

Vuoi inviare anche tu
un racconto o una tua esperienza erotica?




 Annunci&Incontri
 Mettiti in Gioco
 Exhibition&Escorts
 Racconti erotici
 Erotic Writers
 Le Donne si Spogliano
 Fotoracconti Hard
 FreeGallery XXX
 Porno Dive
 Video Porno Gratis
 Film XXX Online
 Webcam Streep
 Adult TV Online
 Filmissimi
 Free XXX Hentai
 Sexy Cartoons
 le Porno Barzellette
 Pornogames
 Sex & Bizzarre
 Cards per Adulti
Community
 CONOSCIAMOCI!
 FORUM
Login:
Email:
Pass: 
Accesso auto
Non ricordi i tuoi dati?
Modifica la password
Aggiorna il tuo profilo
Cancella account
::: ISCRIVITI :::
XXX Mobile
Sul tuo cellulare
scarica o vedi gratis i video porno di Nutilla-Mobile


FILMISSIMI
Films hardcore
della durata di circa 30 minuti da godersi davanti al proprio PC


FACCIAMOLO COSI'
In quale posizione preferisci fare sesso?
Vota la tua preferita e lascia un commento!!!


PORNO DIVE
Sono arrivate le splendide:
Far Sarawimol,
Alexis Lee e Brianna Banks


FILM XXX ONLINE
Tantissimi video porno gratis!!!


PORNO GAMES
Per giocare con il sesso direttamente online


Visita la pagina della nostra Community dove trovi tanti amici che vogliono conoscerti...

GRANDE NOVITA'
La TV per Adulti direttamente sul tuo computer.
9 canali con programmazione non-stop tutti gratis!!!


Dimostra le tue doti di Amatore
partecipando
al grande
torneo-game
"Fammi Godere" nella sezione
PORNO GAMES


Sissi
è la concorrente in testa in questo momento con
1709 voti.



messaggi di single, coppie, ecc.
L'ultimo messaggio :
bimbadolce
Per tante coccole dolci e sensuali..contat tami...sono calda e avvolgente come l'estate....
baciiii
Vale< r>p.s *** dalle 15 alle 21.no sms! ...
Tantissimi film
da godersi
direttamente
online
Le Donne si Spogliano
OGGI
Giochiamo a:
Dolce Pompino
Il video di oggi è:

NO, NO, il culo NO!!!



 Segnala un sito | CERCO:Amici!Amore!Sesso! |
  nutilla.com  © 2000>2013 - Tutti i diritti sono riservati CONTATTACI DISCLAIMER HOME PAGE TORNA INDIETRO TORNA SU

PORNO GAMES RACCONTI EROTICI SEX GAMES ANNUNCI E INCONTRI VIDEO DIVERTENTI BARZELLETTE GAMES FOR ALL FORUM PER ADULTI VIDEO PORNO ITALIANI

.