Tantissimi film hardcore da visonare gratis online
Ti senti un fallito?
www.sparati.com
SEGNALA UN SITO AGGIUNGI NUTILLA FRA I TUOI PREFERITI CONTATTA LO STAFF
Siamo in 143
» HOME

» PAUSACAFFE'
· GameBox
· La Sai l'Ultima su?
· I Test(icoli)
· Gli Scherzi on-line
· Oroscopo


» PAZZOWEB
·VideoFun
·Immagini Pazze
·Notizie Pazze
·Sfondi Pazzi


» COM.(M)UNITY
·La Messaggeria
·Chat-ti-amo


» UTILITY
·Utility-Desktop
·Buoncompleanno
 Cards

·Bad Cards


» ADULT ZONE

» WEBMASTER


FILMISSIMI
Comodamente davanti
al tuo PC goditi questi bellissimi films hardcore della durata di circa 30 minuti.


FACCIAMOLO COSI'
In quale posizione preferisci fare sesso?
Scegli la tua, vota e lascia un commento...!


ADULT TV
La Tv hardcore
con 9 canali e una programmazione
24ore non stop


WEBCAMS
Bellissime ragazze si spogliano davanti la loro webcam

Ragazza si fa un ditalino in mezzo alla strada


Sexy
Cartoons

Mamma e figlia non ne perdono una...
» Una a caso:
Perche' il sesso assomiglia molto al bridge? Perche' non c'e' bisogno di avere un partner se hai una buona mano. ...[continua]


Nutilla on Facebook


Home > Adult Zone > Racconti Erotici > Il club privato 2a parte


  
 RACCONTI EROTICI

» il club privato 2a parte
inviato da: cato
Letto 3.548 volte
Al 376° posto in questo momento con 280 voti.
Hanno votato in 20 giorni 76 amici (34 donne e 42 uomini).


Una volta usciti Stefano si complimentò con me – Hai visto come ti guardavano? Sei contenta? - Io ero senza parole. Non riuscivo ad assorbire tutte le emozioni scatenate dagli ultimi avvenimenti.
Stefano mi strinse a sé – Ti capisco se sei frastornata, è naturale, ma sappi che hai fatto un'ottima impressione. Pensa sei in tariffa A. Trecentomila lire ad ora! - Sbarrai gli occhi. Una cifra simile! Non riuscivo a crederlo.
– Sei rimasta meravigliata vero? Tutto merito del tuo bel corpo, e del tuo senso del pudore. Ma ora andiamo, abbiamo ancora diverse cose da fare e il nostro cliente è impaziente. E' uno dei più esigenti. Mi raccomando, fammi fare bella figura -
Entrammo in una sala con tanti specchi e luci violente. Riconobbi, senza averlo mai frequentato un camerino per il trucco. Una ragazza giovanissima, coi capelli rosso fuoco e le lentiggini si alzò di scatto in piedi e mi guardò con attenzione.
– Questa è Luana, la nostra truccatrice. Luana questa è Elle. - Ti affido a lei. Ci vediamo dopo – Così dicendo mi baciò sulla guancia e sparì.
Per nulla meravigliata del fatto che fossi nuda la ragazza sorrise - Si accomodi –i disse indicando una poltroncina. - I capelli vanno bene così corti – continuò – ecco qui la parrucca per lei - Mi mise in testa una specie di parrucca bianca da damina del settecento. Guardò l'effetto.
– Bene, ci siamo, cominciamo col trucco – Prese tutto il suo armamentario e cominciò a truccarmi – Così lei è nuova? – disse sorridendo – certo che deve avere colpito Stefano, perché non l'ho mai visto baciare una prescelta. E' proibito dal regolamento. Le prescelte sono solo a disposizione dei soci. E' nervosa signora? - Dovrei esserlo? - chiesi fingendo tranquillità mentre invece ero tesissima.
– Beh!– continuò - la prima volta lo sono tutte, In ogni caso essere stata scelta è già un grande successo, beata lei! Io ho provato tante volte ma mi hanno sempre scartata. Bisogna essere, come dice il colonnello opulente, materne e sensuali. Evidentemente lei lo è. Ma veniamo a noi. La devo preparare per l'iniziazione. La prima volta è un poco dolorosa...non mi fraintenda..intendo la preparazione...ma poi passa e diventa, penso piacevole –
Io ero impallidita a quelle parole pensando a torture o percosse. Luana sorrise – Non si spaventi signora, le faccio vedere così si tranquillizza – Si alzò e prese una sedia con un buco in mezzo. Aprì un cassetto ed estrasse una specie di forcipe. Lo unse con un liquido scuro.
– Ora signora si deve chinare in avanti, ecco così, brava, allarghi i glutei e si rilassi – Sentii la ragazza ungere il mio buco, poi avvertii un certo dolore.
– Si rilassi signora, rilassi il muscolo, sentirà meno dolore – disse spingendo delicatamente lo strumento – ecco ci siamo. Ora apro un poco per allentare il muscolo, ecco così dovrebbe andare. Ora sieda e metta il forcipe nel buco, brava. Ecco fatto. Fa male? Poco vero? Vedrà fra dieci minuti non sentirà più niente. Intanto continuo il trucco -
In effetti, l'attrezzo, passato il primo momento non mi dava che un leggero fastidio e così parlammo del più e del meno, come fossi dalla parrucchiera. Certo qui era leggermente diverso ma se non fosse stato che ero nuda e con un aggeggio nel buco del sedere le cose sarebbero state uguali.
Lentamente mi rilassai e quasi mi assopii – Ecco fatto! - disse Luana con un sorriso. Mi mise la parrucca guardò il viso imbiancato con un neo e sorrise soddisfatta.
– Passiamo ora ai vestiti – Prese un bustino rigido che aveva il compito di tenere sospese le mie grandi mammelle, per il resto perfettamente agibili, compresi i capezzoli e me lo adattò.
– Questa era la moda delle donne cretesi – sentenziò Luana, ammirando i miei grandi globi bianco latte eretti e pronti ad essere manipolati – grande civiltà! - Poi sotto mise una gonna lunga fino ai piedi formata da strisce di stoffa. Camminando, le gambe uscivano e rientravano mostrando anche, nel movimento il sedere e il bacino.
Mi aiutò a calzare un paio di scarpe col tacco alto – Per slanciare la figura – disse, poi suonò. Apparve Stefano. Appena mi vide rimase affascinato, poi mi fece la riverenza come fosse un cicisbeo, quindi mi porse il braccio alla moda del settecento.
Mi sentivo ridicola in quell'atteggiamento ma non lo feci capire. Anche se ero meno venale di mio marito, la tariffa che mi avevano attribuito avrebbe risolto tanti problemi...
Mentre ci avviavamo verso la nostra destinazione Stefano mi sussurrò in un orecchio – Ora mia cara, ricordati alcune semplici regole ma importantissime. Primo, non guardare mai negli occhi i soci. Secondo non parlare se non sei interrogata. Terzo ubbidisci subito, senza discutere minimamente qualsiasi cosa ti chiedano, d'accordo? –
Feci cenno di sì mentre il terrore si impadroniva del mio essere. Temevo di svenire da un momento all'altro tanta era la tensione. Entrammo nella sala di prima dove c'erano alcuni uomini.
Tenevo gli occhi bassi ma riuscii a scorgere che alcuni erano seduti ad un tavolo a giocare a carte, mentre altri, vicini al caminetto, stavano parlando. Senza una parola Stefano mi condusse al centro della sala e mi salutò con un sussurro. Rimasi ferma immobile, mentre il cuore batteva all'impazzata nelle tempie.
Chiusi gli occhi e sentii che stavo per piangere.  Mi feci forza. Non potevo: avrei rovinato il trucco. Intanto gli uomini sembravano non essersi accorti della mia presenza. Continuavano a giocare e a parlare come non fossi stata presente. Lentamente mi calmai e prestai orecchio alla loro conversazione.
Parlavano di titoli di borsa e di quotazioni. Poi uno disse – E' inconcepibile. Ho visto nel parcheggio una 500. Chissà di chi sarà? Con quello che paghiamo le nostre prescelte, sarei curioso di sapere chi si ostina a girare con quelle carriole.? - Gli altri risero argutamente.
– Sarà una nuova. Vedrai che la prossima volta cambierà macchina - Io ero annichilita: parlavano della mia macchina! E adesso? Poi sentii una voce – Signora Elle, mi può portare il libro sul tavolo? -
Guardai nella direzione e preso il libro mi avvicinai al gruppetto, sempre con gli occhi bassi. L'uomo prese il libro, poi, aprì il vestito davanti e mise in luce la mia passera depilata. Mi fece voltare e scoprì il mio ampio sedere.
Saggiò il buco con un dito, quindi senza una parola si aprì i pantaloni ed estrasse il pene – Si chini – mi ordinò, indicando una poltrona. Mi appoggiai al bracciolo mentre il mio viso diventava rosso fuoco. Essere penetrata in pubblico! Questo non me lo sarei aspettato!
L'uomo intanto aveva appoggiato una mano su un mio fianco, come facevano i contadini con le mucche, poi prese il suo pene e lo appoggiò sul mio buchetto. Con un colpo secco lo introdusse.
Sentii un certo dolore ma strinsi i denti. Una volta dentro, si mosse alcune volte poi lo estrasse – Direi che è perfetto...qualcuno vuole approfittare? - Uno alla volta, sempre in silenzio,

gli uomini presenti mi penetrarono con indifferenza, scaricando il loro liquido seminale nel mio intestino.
Dopo la terza penetrazione, un rivolo di sperma colò lungo la mia coscia. Mi sentii mettere in mano un fazzoletto – Si pulisca, prego – Mentre asciugavo la coscia fui penetrata altre due volte – Ora può andare a sedere in quella poltrona laggiù grazie –
Mentre io mi dirigevo verso il posto indicato gli uomini ripresero a parlare, come non fosse successo nulla. Io feci uno sforzo per camminare dritta. Il sedere mi bruciava e sentivo colare lungo la gamba il liquido che avevo ricevuto.
Nel passare accanto al tavolo dove giocavano quattro signori, sentii una voce – Si fermi – Mi fermai all'istante, rimanendo immobile.
– Si avvicini – continuò l'uomo. Quando fui accanto ad uno dei giocatori, questi disse – Due carte grazie – Raccolse le carte e le mise insieme con le altre senza guardarle.
. Poi m’infilò una mano fra le gambe cercando il mio sesso. Io le aprii per rendergli più facile la cosa. Inserì un dito nella mia vagina che si era lubrificata durante le penetrazioni anali e lo portò sulle carte ricevute.
– Spero mi porti fortuna – continuò. Io rimasi ferma in attesa. Non avevo ricevuto l'ordine di andarmene e quindi dovevo restare. Vidi che giocavano una forte somma. Ci furono rilanci e contro rilanci. Io assistevo immobile mentre l'uomo che mi aveva toccato aveva rimesso la mano fra le mie gambe e con fare indifferente, mi titillava il clitoride.
Io cercavo di rimanere ferma, ma la posizione non mi permetteva di resistere a lungo, per cui mi mossi un poco sentendo l'orgasmo montare. L'uomo continuava a tenermi la mano nella vagina e a masturbarmi. Piegai leggermente le gambe non resistendo e cominciai a tremare.
Intanto il gioco erano arrivato al clou. Dopo i vari rilanci si andava a vedere. Con gli occhi velati dal godimento vidi che l'uomo che mi possedeva era rimasto per ultimo a mostrare le carte. Nel silenzio dei giocatori lui continuava a stimolarmi.
Non riuscivo più a resistere e con un leggero lamento venni, così in piedi, bagnando la sua mano col mio umore.
L'uomo estrasse la mano, umida dalle mie gambe e scoprì le carte – Scala colore – disse – ho vinto – Mentre gli altri uomini borbottavano contro la sua fortuna, l'uomo portò al naso la mano, intrisa del mio umore e dopo averla annusata la leccò.
– Ottima annata – disse guardandomi – grazie è stata di grande aiuto – Poi raccolse alcune fiches e me le mise fra le tette – Queste sono sue signora - continuò – alla sua salute - Gli altri applaudirono divertiti.
– Ne approfitti – disse poi rivolto agli altri giocatori – oggi è il primo giorno della signora. Coraggio fatele un omaggio – Come in trance vidi gli altri giocatori mettere alcune fiches fra le mie mammelle e toccarmi nelle parti intime umide d’umore. Ero senza parole.
Sentii prendermi per un braccio. Mi voltai senza guardare e sentii il profumo di Stefano. - Venga – mi sussurrò. Andiamo a cambiare le fiche – Mi sembrava di essere in un sogno.
Mi accompagnò presso un uomo seduto ad un tavolo con una cassettina davanti. Consegnò le fiches e vidi con gli occhi fuori dalle orbite contare un certo numero di biglietti da centomila lire.  Non capivo più nulla.
Guardavo i biglietti di banca appoggiati sul tavolo e temevo perfino di toccarli. Poi si avvicinò l'uomo che mi aveva penetrata per prima e appoggiò una mano sulla spalla di Stefano – Complimenti Stefano, la sua prescelta ha ricevuto l'unanimità. Può approfittarne se vuole-
– Vidi Stefano sussultare e guardarmi – Subito signore? - chiese in tono deferente. - Subito – rispose l'altro accendendo una sigaretta e sedendo in una poltrona. Io guardavo senza capire. - Va bene signori – rispose Stefano. Uscì, lasciandomi sola. Cosa significavano quelle parole? Stefano rientrò spingendo un lettino.
Lo posizionò al centro della sala mentre gli altri uomini facevano circolo attorno in silenzio. - Spogliati – disse poi, rivolto verso di me. Con la gola secca, mi tolsi la gonna e il bustino rimanendo nuda. Le mie grandi mammelle, non più sostenute scesero un poco ondeggiando.
Stefano mi fece stendere sul lettino.  Cosa sarebbe successo? Prese una crema dalla tasca e me la passò più volte sul sedere insistendo nel buco e nelle vicinanze. Alternava i massaggi a baci su tutto il corpo che risvegliarono i miei istinti più soffocati.
Ero davanti ad un gruppo di uomini che mi guardavano eppure non riuscivo a resistere. Cominciai a dimenarmi sotto le sue carezze in un crescendo di desiderio. Era incredibile come quell'uomo riuscisse a eccitarmi. Gli presi le mani, stringendo i denti e le portai sul mio sesso implorandolo di penetrarmi, ma lui tergiversava..
Continuava ad accarezzarmi i seni e a succhiarmi i capezzoli mentre io gli avevo aperto i pantaloni e cercavo il suo voluttuoso membro. Lo trovai e lo afferrai come una furia. Mi gettai su di lui e lo presi in bocca cominciando a succhiarlo avidamente. Stefano mi lasciò fare accarezzandomi i capelli. Ero in estasi.
L'odore del suo membro era inebriante ed io mi sentivo una giumenta in calore, bisognosa di essere riempita come solo lui mi aveva fatto sentire. Mentre succhiavo, sentii la sua mano scendere fra le mie cosce e bagnarsi nel liquido che sgorgava dalle mie labbra infuocate.
Cominciò ad accarezzare l'apertura poi mi sussurrò – Vuoi farmi venire in bocca o vuoi sentirlo fra le gambe? - Sorrisi, smisi di leccarlo e aprii le gambe davanti a lui, sudata e fremente: non mi interessava se c'erano altri uomini a vedere. Non volevo altro che lui!
Mi venne sopra e mi appoggiò la cappella sulla fessura poi entrò in modo regale. Mi sentii tutta la vagina chiusa da quel dominatore che la percorreva avanti e indietro provocandomi un godimento incredibile. Io lo assecondavo il più possibile e spingevo per riceverlo totalmente.
Sentivo che toccava quasi l'utero e mi sembrava di impazzire. Quanto tempo lo avevo desiderato e sognato questo momento. Mi agitavo con tutto il corpo, lo abbracciavo strettamente, premevo i miei seni contro il suo petto. Avrei voluto diventare parte di lui, totalmente.
Intanto lui continuava col suo ritmo regolare ed io ebbi diversi orgasmi, uno dietro l'altro, in un crescendo di intensità che mi faceva quasi star male. Il tempo si era fermato e non esistevamo che io e lui. Ci guardavamo negli occhi e vedevamo riflessi i nostri volti contratti dallo sforzo e dal godimento.
Poi lui cominciò a respirare affannosamente mentre il suo moto accelerava sempre più. Con alcuni colpi poderosi mi spezzò quasi per terminare in un prolungato grido inondandomi del suo caldo sperma.
Lo sentii tracimare fuori e con una mano raccolsi alcune gocce e le portai alla bocca suggendole voluttuosamente.  Nel silenzio generale dei presenti mi sorrise e mi baciò – Allora sei contenta? - mi chiese. Io risposi – Di più -




Se ritieni questo racconto offensivo della dignità altrui, discriminatorio o abbia contenuti non legali
segnalalo subito!

:: INSERISCI UN TUO COMMENTO ::

I Commenti dei lettori:


:: Non ci sono commenti per questo racconto ::


   Racconto successivo:
  "il club privato 1a parte"
  Racconto precedente
  "il club privato 3a parte"
« SOMMARIO »

Vuoi inviare anche tu
un racconto o una tua esperienza erotica?




 Annunci&Incontri
 Mettiti in Gioco
 Exhibition&Escorts
 Racconti erotici
 Erotic Writers
 Le Donne si Spogliano
 Fotoracconti Hard
 FreeGallery XXX
 Porno Dive
 Video Porno Gratis
 Film XXX Online
 Webcam Streep
 Adult TV Online
 Filmissimi
 Free XXX Hentai
 Sexy Cartoons
 le Porno Barzellette
 Pornogames
 Sex & Bizzarre
 Cards per Adulti
Community
 CONOSCIAMOCI!
 FORUM
Login:
Email:
Pass: 
Accesso auto
Non ricordi i tuoi dati?
Modifica la password
Aggiorna il tuo profilo
Cancella account
::: ISCRIVITI :::
XXX Mobile
Sul tuo cellulare
scarica o vedi gratis i video porno di Nutilla-Mobile


FILMISSIMI
Films hardcore
della durata di circa 30 minuti da godersi davanti al proprio PC


FACCIAMOLO COSI'
In quale posizione preferisci fare sesso?
Vota la tua preferita e lascia un commento!!!


PORNO DIVE
Sono arrivate le splendide:
Far Sarawimol,
Alexis Lee e Brianna Banks


FILM XXX ONLINE
Tantissimi video porno gratis!!!


PORNO GAMES
Per giocare con il sesso direttamente online


Visita la pagina della nostra Community dove trovi tanti amici che vogliono conoscerti...

GRANDE NOVITA'
La TV per Adulti direttamente sul tuo computer.
9 canali con programmazione non-stop tutti gratis!!!


Dimostra le tue doti di Amatore
partecipando
al grande
torneo-game
"Fammi Godere" nella sezione
PORNO GAMES


Sissi
è la concorrente in testa in questo momento con
1709 voti.



messaggi di single, coppie, ecc.
L'ultimo messaggio :
bimbadolce
Per tante coccole dolci e sensuali..contat tami...sono calda e avvolgente come l'estate....
baciiii
Vale< r>p.s *** dalle 15 alle 21.no sms! ...
Tantissimi film
da godersi
direttamente
online
Le Donne si Spogliano
OGGI
Giochiamo a:
Dolce Pompino
Il video di oggi è:

NO, NO, il culo NO!!!



 Segnala un sito | CERCO:Amici!Amore!Sesso! |
  nutilla.com  © 2000>2013 - Tutti i diritti sono riservati CONTATTACI DISCLAIMER HOME PAGE TORNA INDIETRO TORNA SU

PORNO GAMES RACCONTI EROTICI SEX GAMES ANNUNCI E INCONTRI VIDEO DIVERTENTI BARZELLETTE GAMES FOR ALL FORUM PER ADULTI VIDEO PORNO ITALIANI

.