Foto di ragazze spogliate, foto pazze, Manuela Arcuri, Vanessa Incontrada
Serve una raccomandazione?
www.tidounamano.org
SEGNALA UN SITO AGGIUNGI NUTILLA FRA I TUOI PREFERITI CONTATTA LO STAFF
Siamo in 375
» HOME

» PAUSACAFFE'
· GameBox
· La Sai l'Ultima su?
· I Test(icoli)
· Gli Scherzi on-line
· Oroscopo


» PAZZOWEB
·VideoFun
·Immagini Pazze
·Notizie Pazze
·Sfondi Pazzi


» COM.(M)UNITY
·La Messaggeria
·Chat-ti-amo


» UTILITY
·Utility-Desktop
·Buoncompleanno
 Cards

·Bad Cards


» ADULT ZONE

» WEBMASTER


FILMISSIMI
Comodamente davanti
al tuo PC goditi questi bellissimi films hardcore della durata di circa 30 minuti.


FACCIAMOLO COSI'
In quale posizione preferisci fare sesso?
Scegli la tua, vota e lascia un commento...!


ADULT TV
La Tv hardcore
con 9 canali e una programmazione
24ore non stop


WEBCAMS
Bellissime ragazze si spogliano davanti la loro webcam

Ragazza si fa un ditalino in mezzo alla strada


Sexy
Cartoons

Mamma e figlia non ne perdono una...
» Una a caso:
Perche' il sesso assomiglia molto al bridge? Perche' non c'e' bisogno di avere un partner se hai una buona mano. ...[continua]


Nutilla on Facebook


Home > Adult Zone > Racconti Erotici > VACANZA AMERICANA


  
 RACCONTI EROTICI

» vacanza americana
inviato da: guido
Letto 7.992 volte
Al 344° posto in questo momento con 271 voti.
Hanno votato in 24 giorni 75 amici (34 donne e 41 uomini).


Buon giorno. Non so neanche io come iniziare, non so neanche cosa dire  e come dirlo. Quello di cui sono certo, è che mi trovo in un gran casino, ma proprio grosso da non sapere che cosa fare.
Ma andiamo per ordine, altrimenti anche Voi, come me, non ci capirete nulla. Mi chiamo Cesare e sono un semplice idraulico con la sola licenza media.
  Navigando in internet ho avuto occasione di leggere alcuni racconti che, a seconda dei casi apparivano divertenti ed eccitanti, mentre alcuni apparivano chiaramente di pura fantasia. La mia storia non so se può essere definita comica od interessante ma certamente si può dire che è molto, molto incasinata.
  Io, che scrittore non sono, sento la necessità di sfogare con qualcuno questo grosso peso che ho sullo stomaco. Lo faccio con Voi e , se vorrete darmi un consiglio sarà bene accetto. Quello che ho scritto l’ho fatto nei momenti di riposo con il piccolo computer che ho nella mia officina. La storia è vera e dimostra che un uomo semplice può essere preso per i fondelli da una donna astuta che approfitta della ingenuità del maschio innamorato.
Ho conosciuto mia moglie, Santa, ad una festa in casa di comuni amici. Dove ero stato trascinato quasi a forza. Uscivo, fresco, da una storia, finita male, ero stato scaricato dalla mia compagna per un tipo più interessante (almeno cosi diceva la tipa che mi aveva mollato.) Stavo appunto rimettendo insieme i cocci del mio amor proprio quando avevo avuto l'invito da parte del mio amico "Forza, "aveva detto “non puoi stare a piangerti addosso devi reagire”. Non mi sentivo certo in vena di frequentare persone che avevano solo voglia di divertirsi, ma il mio amico Ignazio , tanto fece, tanto disse che riuscì a convincermi. Cosi, eccomi a fare da tappezzeria, con un bicchiere in mano. La ragazza, come me, stava per le sue. Tutta intenta a guardare fuori della finestra non dava confidenza a nessuno. Non ricordo, come io, sia riuscito ad avere la sua attenzione, so, solo che mi trovai a chiacchierare con quell’angelo dai capelli corvini e con due meravigliosi laghi turchesi come occhi.   Quella sere stessa accettò che la accompagnassi a casa ed acconsenti a rivedermi la settimana successiva Tutto iniziò cosi, prendemmo a frequentarci regolarmente. Il primo bacio ce lo scambiammo dopo un mese di uscite insieme. Santa, ci tenne a chiarire sin dall’inizio che non amava fare le cose in fretta. Per me era una vera sofferenza, Santa non era una donna insignificante, era una gran fica ed io non vedevo l’ora di poter gustare le sue grazie, lei però era sempre decisa a non mollare nulla prima del tempo.
“Io ti amo, ma devo sentirmi pronta per donarti il mio corpo. Non ci sono richieste o ricatti che tengano. Sarò io a decidere quando.” Questo fu quello che mi disse un giorno che ero stato particolarmente insistente nelle mie avances nei suoi confronti. Io mi tormentavo, vederla così spigliata, così viva, così eccitante con le sue minigonne che me la facevano desiderare da impazzire.  Poi, un giorno, mentre eravamo in auto diretti al multisala :” Cesare, perché anzi che andare al cinema, questa sera non mi porti a casa tua per mostrarmi la tua collezione di farfalle?” Detto così quell’invito mi causò un mezzo infarto. Finalmente il mio sogno si realizzava. Non c’era possibilità di dubbio sulle intenzioni di Santa.

Quella sera diedi la dimostrazione pratica di come un normale automobilista possa trasformarsi in un provetto Schumacker.  Inchiodata secca della mia punto, seguita da vari strombazzamenti di chi seguiva , rapida inversione, quasi un testacoda e via al mio indirizzo   Vivevo in un appartamento di tre stanze più accessori di un grande condominio, il classico appartamento da scapolo.
  Già sull’ascensore le nostre bocche si cercarono avidamente, con febbrile attesa aprii la porta di casa, Santa   non mi diede neanche il tempo di richiudere la porta che mi si incollò addosso continuando a succhiarmi la lingua.  
A mia volta la abbracciai stringendomela forte contro il petto, tanto da poter sentire, attraverso la stoffa dell’abito le sue morbide curve.
Lei non poteva fare a  meno di sentire la mia potente erezione, era tale l’eccitazione che mi dolevano i testicoli. Risposi ai suoi baci slinguata dopo slinguata, sempre avvinghiati bocca a bocca la sospinsi verso la camera da letto
   Santa, non fece la minima resistenza, anzi una volta scoperta la direzione mi assecondò iniziando a togliersi i vari capi di abbigliamento. La scena poteva apparire come quella di un film a luci rosse, il corridoio era disseminato di camicie maschili e femminili, reggiseno, canottiera, scarpe con e senza tacco. Quando, sempre abbracciati, crollammo sul letto a me restavano solo gli slip, lei aveva ancora i collant.
Non feci neanche la mossa di sollevare il copriletto, avevo paura che Santa potesse avere un ripensamento. Presi a baciarla sul collo stuzzicando poi il suo orecchio e frullandole la lingua tutto attorno al lobo e puntate dentro. Dai gemiti che le uscivano di bocca capii che la cosa era di suo gradimento. Furono i suoi seni liberi che mi si offrivano alla vista per la prima volta ad attirare la mia attenzione. Meravigliosi nella loro solidità, al contatto della mia bocca vorace i capezzoli si ersero come piccole vette montuose. Dovevo apparirgli invasato tanta era la bramosia di toccarla, palparla e baciarla in ogni parte del suo corpo. Strappai quasi quell’insulso collant che mi impediva l’accesso alla sua bella patatina, infine via le minuscole mutandine a perizoma ed aspirare in pieno il piacevole profumo della sua natura. Fu la mia irruenza a farle dire:”Piano, fai piano sono qui stai tranquillo che non scappo:”   Io mi ero di già fermato in adorazione del suo tempio dell’amore, ero affascinato dal quel tosone di pelo nero dal quale spuntavano le ninfee di colore scuro.  Immersi il volto in quel cespuglio di morbidi peli neri, ne aspirai la fragranza aprendole con le dita le labbra della sua intimità.   La vagina mi si apriva mostrando il colore viola scuro striato da filamenti  viscidi di umore vaginale. Era irresistibile posai la bocca su quel frutto ed iniziai a succhiare, lappare e a mordicchiare quella tenera carnina. Quanto durò quel trattamento non lo so, io non mi sarei mai fermato, tanto era il piacere che ne traevo. I gemiti di piacere che emetteva Santa mi spronavano ad intensificare il mio operato. Fu il rantolo singhiozzante e la spinta delle sue mani che cercavano di allontanarmi da lei che mi fece smettere. Ansando Santa gemette:” Basta!basta! Fermati, così è troppo. Mi hai fatto godere come una pazza. Ora tocca a me!”

Mi ritrovai supino con il pene aspirato tra le labbra di Santa. Dio! Che meraviglia, che sensazioni di puro piacere sapevano dare le sue labbra, lo avevo immaginato, sperato, ma mai avrei pensato tanto . La sua lingua era tutto un frullare attorno al glande poi, con lente lappate scendeva lungo l’asta e giù fino ai testicoli, slinguandomi sotto lo scroto e lungo il solco tra le natiche. Ad occhi chiusi mi beavo di quelle attenzioni. Solo un piccolo molesto pensiero si era insinuato nella mia  mente, un pensiero di gelosia e rabbia per dove, come e con chi avesse imparato l’arte del pompino, poi non ci fu più tempo di pensare , improvvisamente il mio gemito la avvertì dell’arrivo del mio piacere mentre la sua bocca vorace aumentava il ritmo del saliscendi accogliendo tutta la sequenza di schizzi cremosi e inghiottendo tutto quanto lo sperma . Restammo abbracciati dividendoci gli ultimi brividi dell’orgasmo. Dovevo essermi appisolato perché mi trovai coperto dal copriletto , mentre una mano gentile mi accarezzava il pene fino a farlo inturgidire nuovamente. A mia volta allungai la mano verso il corpo caldo coricato al mio fianco, ne percorsi le cosce tornite e sode. Mi insinuai tra di esse arrivando a sfiorare con le dita il vello umido di umori della fica, infine presi a titillare delicatamente il clitoride fino a farla gemere di piacere. Ancora le sue labbra a cercare le mie, ancora la sua esigenza di godere mi spingeva a posizionarmi tra le sue cosce spalancate e la sua mano lesta ad impugnare il pene e guidarlo   all’ingresso della grotta. Lo fece con calma strofinando il glande lungo tutta la fessura, poi strusciandolo e spingendolo contro il clitoride eretto. Era un piacevole tormento sentii che lasciava scivolare il pene tra le grandi labbra, poi tra le piccole fino ad accogliermi in lei per alcuni centimetri, quindi si sfilava il dardo per poi ripetere nuovamente la cosa fino a quando, con un sospiro non lasciò che il pene invadesse completamente il suo canale vaginale fino a spingerselo contro il muso di tinca.
  Delizia, piacere puro, mi trovavo immerso in lei, immobile mi gustavo tutte le minime vibrazioni che la vagina mi trasmetteva. Rimasi in quella posizione di beato piacere fino a quando la natura non mi spinse nel movimento dell’amore. Mi muovevo lentamente con spinte profonde per meglio assaporare le sensazioni , per meglio sentire con il glande tutte le minime pieghe del suo condotto, infine mi scatenai con spinte più decise. L’orgasmo si stava avvicinando ogni mia spinta sollevava Santa dal letto. Ad un affondo più deciso la sentii gemere:” Vengo!. Cesare, vengo! Vengoooooo!” “Anch’io, amore. Anch’io vengo amore.  Eccomi prendimi tutto.” Mi sentii mugolare
“Nooo!.Urlò lei. Levati non puoi venirmi dentro non sono protetta, non uso nulla:” Doccia fredda, il cervello recepì prontamente e, come con la mia punto, franai di botto e feci una retromarcia da sballare un motore. Uscii appena in tempo e già mentre mi sfilavo da quella fica favolosa, dal glande zampillavano getti di sperma che andavano ad imbrattare i peli pubici e poi su su fino al seno. “Oddio!. Ma quanta ne avevi?, da quanto non lo facevi? Cazzo! Se lo avessi lasciato dentro mi avresti ingravidata certamente di tre gemelli.” Disse ridendo Santa . Continuammo a frequentarci fino a quando ci rendemmo conto di essere innamorati persi l’uno dell’altra, decidemmo così che, pur essendo di livelli culturali diversi, potevamo unirci per la vita.

Sei mesi dopo ero sposato con Santa, una siciliana tutto pepe di 28 anni. Lavorava e, lavora ancora oggi, come operatrice turistica, in una grande agenzia. Spesso é in viaggio per incontrare altri operatori per trattare pacchetti turistici ed accertarsi, che i villaggi proposti offrano veramente ciò che promettono. Questo suo girovagare per il mondo sollecita la mia gelosia. Lei ne ride e mi sfotte inventandosi qualche aneddoto piccante. Quanto ci sia di fantasia e quanto di reale nei suoi racconti non mi è dato sapere. E' vero però che, nonostante la mia gelosia, sentire Santa, descrivere situazioni strane come quella accadutale nell'ascensore di un grande albergo mi crea uno stato di malessere eccitante. Un tipo,  racconta mia moglie, le ha fatto delle proposte, prima verbalmente, poi visto che nell'ascensore erano solo loro due, ha allungato una mano in modo sfacciato fino a posarla sul suo splendido fondo schiena. Alle rimostranze della mia lei, ovvero di smettere immediatamente i toccamenti, il tipo, non  solo non aveva  tolto la mano ma, cingendola per la vita con un braccio, l'aveva attirata a se baciandola appassionatamente mentre la mano libera viaggiava speditamente sotto la minigonna, che lei indossa magnificamente per valorizzare le sue bellissime gambe. Santa, confessò che se inizialmente aveva contrastato l'operazione dell'uomo, poi si era lasciata andare, rispondendo al caldo bacio e schiudendo nello stesso tempo leggermente le cosce per agevolare la mano invadente che, rapida s'era insinuata decisa sotto il cavallo del tanga brasiliano da lei indossato. Quel suo racconto mi fece salire il sangue alla testa ma nello stesso tempo mi aveva eccitato a tal punto, che mentre insultavo Santa, dandole della troia, le strappavo la camicetta e la gonna lasciandola in reggiseno, mutandine, calze e reggicalze. Gli odiati, collant, sono l'unico, indumento, che le ho proibito d'indossare. La mia rabbia era tale che la forzai sul letto slargandole con forza le gambe strappandole via quel suo microscopico tanga, infine, postomi tra le burrose cosce la penetrai senza delicatezza nella vagina ancora asciutta. Non sono un super dotato, diciamo sui 18 centimetri, non mi lamento perché le donne che ho avuto, poche per la verità, sono rimaste soddisfatte. L'entrare a secco nella fica di mia moglie le procurò dolore."Esci!Mi stai facendo male. Bestia!!"Gemette, Santa, mentre la pompavo con vigore. Non passò molto, che la sua splendida vagina iniziò a pulsare di piacere lubrificandosi in una maniera indecente lasciando fuoriuscire il dolce miele mungendomi, nello stesso tempo, il pene con strette voluttuose fino a farmi raggiungere l'orgasmo. Venni urlando il suo nome con rabbia mentre lei s’inarcava sollevando in alto le gambe per meglio assorbirmi. Sparai una bordata di sperma talmente violenta che se non fosse stata protetta dalla pillola Santa sarebbe stata fecondata in quel momento."AAAAUUUFFFFFF!"si rilassò dopo essersi ripresa, i capelli arruffati, lo sguardo torbido, la lingua impastata: dicevano che aveva goduto come voleva lei.  Mia moglie, Santa lo è solo di nome. La mia bellissima moglie raccoglie nel suo metro e sessanta d’altezza per cinquantatre chilogrammi di peso, tutta la forza dell'Etna e, come quel vulcano eruttava tutta la sua libido. Nell'orgasmo agitava la sua folta capigliatura nera a destra e sinistra ,il volto, di un ovale dal colore ambrato si trasfigurava mentre gli occhi assassini di color cobalto mostravano il bianco del bulbo. Dio, come amo questa donna. Per Santa non ci sono tabù, in letto da e chiede tutto. Gli amici, tutti, mi dicono che è una gran fica. Io lo so e ne sono orgoglioso. Spesso le domando cosa l'attrae di me, lei candida risponde: "Un metro e ottanta per 85 chili, due occhi azzurri, capelli biondi, peloso come un orso che mi tiene tanto caldo d'inverno, ecco quello che mi ha fatto perdere la testa, per buon peso poi, sei pure idraulico e oggi trovarne uno è un vero affare". Cosi mi risponde ridendo quando le pongo la domanda.

Lei asserisce di amarmi follemente e che la mia gelosia la rende felice ma nello stesso tempo la umilia."Amo solo te. Non hai motivo di dubitare di me,. Non hai fiducia in me. Io, non potrei mai tradirti". Lo dice per tranquillizzarmi ma riesce solo a confondermi. Quando la conobbi, vergine non lo era più da qualche tempo. Veniva da una storia con un collega di lavoro. Certo avrei voluto essere il primo ma pazienza. Non potevo certo pretendere di trovarla vergine e disinibita allo stesso tempo,è troppo bella. Di lei adoro tutto, anche la sua mania di farmi apprendere le lingue: si era fissata con l'Inglese."Se non proprio imparare l’inglese alla perfezione, almeno arrangiarsi un poco, no?".Accettai per farla contenta.
Fu al ritorno da uno dei suoi viaggi che mi parlò di una coppia conosciuta ad un meeting in Roma. "Favoloooosaaaa", cinguettò felice."Sono americani, credimi Cesare, sono così simpatici e mi hanno talmente colpita che li ho invitati a casa nostra  per l’estate ." Eravamo alla fine di maggio, non passò molto tempo che ricevemmo una loro telefonata che annunciava  l’imminente arrivo della coppia nella nostra città.  Dieci giorni dopo, io e Santa stavamo nell’atrio arrivi dell’aeroporto della nostra città, in attesa della coppia. Quando uscirono dal tunnel che immetteva nella sala arrivi, mi trovai davanti un armadio di uomo, alto più di due metri, con  delle mani enormi, la mia scomparve nella sua mentre me la stritolava presentandosi. “ Hello, sono Joey” disse in inglese l’armadio, scuotendomi nello stesso tempo tutto il braccio in modo vigoroso. Impiegai un poco a riprendermi dalla sorpresa, si perché quel gigante era nero come il carbone. Mi resi conto che anche che non capivo molto di quello che diceva perché parlava un inglese stretto e veloce, slang, disse poi mia moglie. L’apparizione, favolosa che vidi alle sue spalle, era la moglie. Una creola  di un metro e ottanta centimetri, inguainata  in un aderentissimo miniabito che scopriva più che coprire. “Hello, io sono Sarah”. La fata aveva una voce bellissima, calda, sensuale che andava diritta al cuore sconvolgendoti l’anima e tutto il resto. Io ne fui talmente colpito che il mio pene ebbe un guizzo. La mano che mi porgeva  aveva dita affusolate ed unghie  ben curate, era talmente morbida che pareva carezzarti nello stringere la mia. “Oh, oh. Un maschio latino biondo con gli occhi azzurri. Proprio come piacciono a me. Complimenti Santa, tuo marito à proprio un bel bocconcino.” Miagolò l’apparizione lasciandomi perplesso. Il marito con una sonora risata disse a sua volta abbracciando mia moglie:” Ma anche la nostra cara Santa è un bel bocconcino non trovi?”, la cosa mi diede un poco fastidio ma non conoscendo il loro  modo di fare sorrisi anch’io.   Dopo le presentazioni, li accompagnammo in albergo, aspettammo che si rinfrescassero  ordinando gli aperitivi, infine ci recammo al ristorante.
Tutta l’attenzione del locale era per la coppia Sarah, Joey. Fu una serata piacevole trascorsa in allegria con compagni di gran simpatia. Il giorno dopo, la mia cara mogliettina, accompagnò il suo, collega, trentasettenne, in un giro d’agenzie turistiche alle quali era interessato, sì perché Joey  era socio di un'agenzia turistica di New Orleans ed approfittava dell'invito di Santa per prendere contatti su possibili lavori. Ero un poco preoccupato, avevo visto quanto successo aveva avuto il colosso nero la sera prima, avevo anche notato l'interesse che attirava su Santa, come potevo non essere geloso di quel Dio greco? Purtroppo tutto era già stato programmato, così, facendo buon viso par non sfigurare, io accettai di accompagnare la bella creola in un giro turistico della città.

Fu in quella circostanza che ringraziai l'insistenza di Santa nel voler che io imparassi l’inglese differenza del marito Sarah parlava in un modo che a me restava facile comprenderla.
   I nostri coniugi, sarebbero stati, impegnati per tutta la giornata sicché noi, Sarah ed io, andammo a pranzo, prima di salire sulle alture della città da dove si godeva uno spettacolare panorama. Stavamo comodamente seduti in macchina bevendo un digestivo, a tutti i costi Sarah, dopo aver assaggiato un bicchiere di grappa di Barolo, ne volle una bottiglia ed in quel momento lei stava sorseggiando l’ennesimo bicchierino. Io avevo sintonizzato la radio su un programma di musica ed entrambi ci gustavamo la pace che quel posto isolato . La città si estendeva sotto di noi con tutto il caos del traffico pomeridiano"Mi piace il maschio italiano". Era stato solo un sussurro, quasi che stesse parlando a se stessa, la sua mano poggiata con indifferenza sul mio ginocchio. La guardai sorpreso del suo comportamento, ebbi timore di aver capito male.
Per paura di essere frainteso, domandai a Sarah di ripetere."Mi piaci! Mi piace il temperamento latino." nel ripetere lentamente per meglio farmi capire, Sarah, si accostò maggiormente. I suoi occhi catturarono i miei annullando completamente la mia volontà. La sua lingua, rossa come il peccato, si muoveva lentamente umettando le labbra. Non c'era possibilità di equivocare sulle sue intenzioni. Un momento dopo la sua bocca calava rapace sulla mia. Resistere non era facile e neanche lo volevo. Fu un bacio pieno di passione che m’infiammò i sensi. Infine, le nostre bocche, trovarono la forza di separarsi, io ero già totalmente in suo potere."Baciami, mio, piccolo italiano. Baciami! Baciami tutta!. Ti voglio!. Entra, in me. ti prego!!". Il suo era un lamento d'amore. “Fammi vedere il tuo gallo. E’ vero che voi latini non siete circoncisi?", chiese, civetta. A cazzo nudo, e con un’erezione da cervo, guardavo quella meravigliosa creola, che si esibiva in un incredibile strip integrale. Nuda, ansante, lo sguardo torbido dal desiderio, Sarah, mi si buttò letteralmente addosso. Impugnò con decisione, il pene, muovendo la sua manina con spasmodica lentezza."Bello! Piccolo ma bello!!"ansimava. Le sue labbra, voraci parevano indecise se consumare le mie oppure, impadronirsi del pene, ormai prossimo ad esplodere. Con un ultimo barlume di ragione cercai di fermare quella piacevole tortura. "Non possiamo farlo. Io, ho moglie, tu marito. Pensa, se vengono a saperlo. Santa, mi, caccerebbe di casa, per non parlare di tuo marito. " Gemetti ormai vinto dalla dolcezza della sua bocca.  "Non c'è problema, non ti preoccupare. Non ne saprà niente nessuno. Non sarò certo io a dire quello che stiamo facendo. Quanto ad Aaron non aver timore, se anche viene a saperlo, penso, non farebbe proprio nulla. Noi siamo una coppia moderna, aperta a nuove esperienze. Il nostro amore, è così forte, che non è messo in discussione da un piccolo capriccio."Non ci volle altro per convincermi. Risposi con calore ai suoi abbracci, ai suoi toccamenti, ai suoi baci."Oh, darling,  prendimi. Non resisto più. Metti un coso e penetra la mia pussy.  Cacciami dentro il tuo bell'affare."Miagolò stringendosi tutta contro di me.     Frastornato balbettai: "Cosa?...che.. cosa.. devo prendere?Un coso?Un coso…. cosa?", farfugliai stranito. "Come cosa?Un condom, no!che altro!!"Esclamò rabbiosa Sarah.

Un condom? Un fottutissimo, un volgarissimo gondone!!. Cazzo! Dove lo trovavo un gondone, di merda, sulle alture della città?"Non l’ho un condom", gemetti frustrato."Non uso circolare con i preservativi nella tasca. Non sono avvezzo ad avere avventure. Non immaginavo certamente, neanche sognavo, quello che sta accadendo qui.  
"NO!NOO!!. Non può essere!!. Il più imbranato, dei ragazzini, in America, ha in tasca uno stupidissimo condom: "Urlò esasperata, Sarah.  "Non devi preoccuparti. Con me non corri nessun pericolo. Sono sano come un pesce."Cercavo di tranquillizzarla mentre la forzavo sul sedile reclinato dell'auto. Ero arrivato, ad un tale grado, d’eccitazione, che, fermarmi, era impossibile. Le mie mani presero a percorrere quel favoloso corpo spogliandolo completamente: vero è che c'era poco da togliere. Aspirati dalla mia bocca e titillati dalla mia lingua, i grossi capezzoli della creola s’indurivano allungandosi nell'eccitazione. Con la lingua seguii i contorni di quel corpo ambrato: giù, giù fino all'inguine, che, con somma sorpresa, trovai completamente glabro. Era la prima volta che vedevo una fica totalmente depilata. L'impatto non fu, dei migliori. Io ho sempre sbavato per quelle belle patatone nostrane con tanto pelo, ancora meglio se il vello è corvino come quello di Santa. Davanti a quella vulva, nuda come quella di una bambina, rimasi imbarazzato."che cosa aspetti?leccami!. Metti la tua lingua sul mio fiore, spicciati. Non hai mai visto una pussy delicatamente depilata? Joey la adora gli ricorda quella di una ragazzina e lui non si lascia mai scappare una giovane figa. Oh, merda!,  cosa aspetti?ficca quella tua linguaccia nel solco caldo della mia passera e fammi godere!", m'incitò impaziente Sarah.
Come un affamato mi buttai sul prelibato boccone. Quale delizia, un sapore di frutto marino. Dopo l’iniziale sorpresa e lieve repulsione gustai appieno quella fica eccitata che colava umori in modo incredibile. Lappai fino a quando Sarah, sconvolta dal piacere, si abbandonò totalmente. Approfittando del momento favorevole, con estrema attenzione, mi posi tra le sue cosce completamente spalancate. Tenevo il pene saldamente in pugno per meglio guidarlo tra le vermiglie valve di quella fica oscenamente offerta. Il glande si aprì la strada penetrando nella vagina schiumosa d'umori.
"Ooohh, yes", gemette, mentre sprofondavo in lei fino ai coglioni. Avevo appena iniziato un lento dentro fuori che Sarah si divincolò dal mio abbraccio."Nò!!, No!NOOOOO!!"Il suo grido, unito ai pugni che mi vibrava contro il petto, mi colse di sorpresa."Esci!Esci!Non puoi restare dentro se prima non hai messo un condom", strillò continuando a contorcersi facendo sì che il pene scivolasse fuori di quel piacevole astuccio, subito fui investito dalle sue parole."Non ti azzardare mai più a mettere quel tuo cazzetto dentro la mia succosa pussy. Joey non ha nulla da ridire se io voglio togliermi un piccolo capriccio con un uomo. Posso anche scoparmelo, se questo mi fa piacere, ma devo essere discreta e prendere tutte le precauzioni possibili per non restare pregna. Il mio uomo non vuole che usi nessun tipo di contraccettivo perché, quando lui lo deciderà, dovrò essere pronta per essere fecondata dal suo seme, e non da quello di un qualsiasi altro amante.

La stessa regola vale per lui. Può fottersi chi vuole ma deve stare attento a non lasciare in giro dei figli. Ora conosci il motivo perché devi usare il condom."
Ero senza parole. Stavo lì come un idiota, una mano sulle sue tette, l'altra a ravanarle la fica con Sarah che gemeva e si contorceva sotto quel massaggio, quando all’improvviso mi scostò dicendo: "Aspetta. Lascia fare a me. Dentro No. Dentro non si può, ma non ti lascio a metà.”. Le sue labbra scesero al mio inguine impadronendosi poi del glande. Mi aspirò fino alle palle facendo ruotare la lingua velocemente tutta attorno al glande mentre la sua gentile manina si muoveva su e giù lungo l'asta, gonfia, di desiderio. Quella bocca mi stava sconvolgendo. Mai avevo provato tali sensazioni, neanche con mia moglie che pure era notevole nel fare pompini, Sarah, quel giorno, lasciò, solo, che la stordissi, con un potente ditalino, fino a farle raggiungere un nuovo orgasmo, simultaneo al mio. Il piacere lo avvertii nascere dai lombi, salire prepotente, con tale forza che mi trovai con le gambe tese, i piedi puntati contro il cruscotto, gorgogliai gemendo per avvertire Sarah dell'arrivo imminente del mio succo ma tutto quello che usciva dalle mie labbra erano solo dei flebili"Sarah, oh Sarah, Saarraaaahhhh."L'ultimo strozzato singulto mentre scaricavo nella bocca vorace della creola una quantità di sperma incredibile che, senza scomporsi, trangugiò tutto fino all'ultima goccia continuando a pompare con ingordigia. Stavo impazzendo, la pregai di smettere che mi stava distruggendo il cervello tanto aspirava. Solo quando con un: "AUAGFHHH"lasciò il biberon di carne riuscii a connettere."Merda!. Ragazzo mio: il tuo fuciletto ha sparato tanta di quella roba, che quasi mi affogavo. Se avessi lasciato che tu me lo mettessi dentro, come volevi fare, mi avresti certamente impregnata di due gemelli." Mi fece notare sputando e ridendo.
Sconvolto dalle forti sensazioni che quel pompino mi aveva dato me ne stavo lì con l'uccello al vento, i calzoni abbassati alle caviglie. Sarah, recuperate le sue microscopiche mutandine le indossò con tranquillità terminando poi di vestirsi.
Fu solo in quel momento che capii quello che avevo fatto: avevo tradito mia moglie con quella gran fica, ma non era certo una giustificazione. Preso dal panico rammentai quanto aveva detto Santa una volta che avevamo toccato l'argomento corna."Se, un giorno scoprissi, per caso., che mi hai messo le corna. Ti mollerei immediatamente."Messa al corrente dei miei timori, la bella creola si dimostrò donna di carattere.
Con molta, calma, ribadì, che nulla sarebbe trapelato dalla sua bocca.”. Nel caso, improbabile, che tua moglie, dovesse sapere di quanto accaduto, qui oggi, non credo che avrebbe argomenti sufficienti per dire qualcosa a te prima che a se stessa.”. Poi, mentre finiva di aggiustarsi l'abito, aggiunse come per caso:"non ti è venuto il dubbio che magari la tua cara mogliettina, in compagnia di mio marito, non abbia girato, solo, per agenzie e tour operator?:" Con quel commento sibillino. Sarah volle che la riaccompagnassi in albergo.
L‘osservazione su Santa e Joey, aveva acceso in me la gelosia."Che cosa vorresti dire? che cosa intendi con quella tua osservazione?" domandai, mentre guidavo nervosamente verso il suo albergo. Sarah, mi guardò come fossi un povero scemo."Ti ho detto che noi:, Joey ed io, siamo una coppia che non si pone problemi. Se a me piace uno, me lo posso scopare. Lo stesso vale per lui.

Posso garantirti che tua moglie ad Joey piace tantissimo."Ero servito, avevo voluto la spiegazione e Sarah mi aveva detto chiaramente come stavano le cose, tu scopi me e mio marito scopa tua moglie, chiaro no? e no cazzo! Non ci stavo, il solo pensare che quel colosso, nero come la pece, potesse mettere le sue manacce addosso alla mia dolce Santa, mi faceva impazzire.
Tornato a casa, dopo aver accompagnato Sarah in albergo non mi restava altro che rimuginare sulle parole della creola. No!!la mia cara, Santuzza, non avrebbe certamente commesso adulterio: lei mi amava. Lei cosi dolce, cosi tenera. Forse, ad un più attento esame dei fatti, c'era da aver qualche dubbio sul comportamento di mia moglie dopo l'arrivo dei due americani. Santa, mi pareva più attenta alla sua persona. Curava con attenzione l'abbigliamento, in particolare quello intimo. Più di una volta l'avevo sorpresa a rimirarsi allo specchio con occhio critico, cambiando più di una combinazione: mutandine, reggiseno e reggicalze. Quella notte, le parole della creola mi vennero in mente folgorandomi. Ero intento a dare baci voluttuosi a Santa. Dalla bocca ero sceso al collo, al seno suggendo avidamente i capezzoli strappandole miagolii di piacere. Preso dal desiderio, scesi giù fino al pancino, della mia donna. Bello, caldo, accogliente, morbido, poi ancora più giù a cercare con le mie labbra le altre sue più intime dell'amata fessura. Sorpresa!!il folto triangolo di pelo nero si era volatilizzato, sparito zero. La fica di mia moglie era rasata come quella  di Sarah. "Be?Cos'è questa novità?dove sono finiti quei bei peli? cosa cazzo ti è venuto in mente di raderti?"Riemersi dall'apnea investendo mia moglie."Cos'hai combinato, dov'e il bel tosone?", incalzai. Santa, mi guardò stranita, sbattendo gli occhi sorpresa. Emergendo dal torpore della passione gemette: "Come? "Il tuo pelo!Dov'è finito il tuo bel pelo?Che cosa ne hai fatto?", incalzai deciso.
"Ah!Quello?Ho seguito il consiglio di una mia amica: ho fatto un Po di pulizia depilandomi, cosi da poter mettere il tanga quando andremo al mare. Ora continua quello che stavi facendo: era bellissimo."Cinguetto invitante mia moglie. “No, cazzo, non puoi farmi questo. Così mi pare di leccare la fica ad una bambina, non ci riesco.” Ribattei, ma sotto le insistenze di Santa, ripresi a lappare la sua sugosa fessura, pur non gradendo particolarmente la fica depilata la leccai con passione, anche perché mi ricordava troppo un'altra vulva totalmente rasata e il senso di colpa per aver tradito mia moglie cancellò i miei dubbi.
Quella notte però i dubbi tornarono eccome. Avevo acceso la bajourt posta sul comodino per meglio rimirare la bella fica di mia moglie al naturale. Essendo rasata ebbi modo di notare che le labbra della vulva apparivano gonfie ed irritate, tanto che se le toccavo con il dito, Santa si contraeva. “Amore, la tua patatina mi pare gonfia ed irritata, non è che il buon Joey, così simpatico e bello ci entri qualcosa?” chiesi alla mia cara mogliettina, la quale con un candido sorriso rispose.” Quanto sei sciocco. Secondo te dove lo troverei il tempo per farti le corna? Amore, sai che amo solo te, su non fare il gelosone. Poi al limite non si potrebbe neanche parlare di corna : al massimo si potrebbero definire fantasie. Tu piuttosto, che cosa mi dici della fantastica Sarah, so che è una donna sensuale e senza pregiudizi, devo pensare male, devo preoccuparmi?.”

Per tutta risposta mi rituffai su quella fica aperta come una albicocca e ripresi a lappare per nascondere il mio viso alla sua vista. Amai Santa con tutto il mio ardore trovando in lei un’amante incredibilmente calda e vogliosa, pareva una nuova donna
  Il giorno dopo ero sfinito dalle fatiche amorose della notte. Prendendo a pretesto il mio lavoro respinsi l'incarico di accompagnare Sarah nelle escursioni in città: Volevo veramente cancellare quanto era accaduto, Santa non meritava tutto quello. Cercavo nello stesso tempo di non pensare a mia moglie in compagnia  di Joey. Non ebbi neanche il tempo di pensare ai due. Non avevo fatto i conti con le voglie della creola. Santa, era da poca uscita per andare in ufficio dove avrebbe trovato l'amico americano per gli impegni di lavoro. Il cicalino, del citofono suonò più volte, pensai che mia moglie si fosse dimenticata qualche cosa, capitava a volte. Aprii lo scatto del portone e contemporaneamente la porta d'ingresso: sorpresa, dall'ascensore emerse Sarah."Allora!Cesare, perché non vuoi portarmi in giro per la città?. Non si preoccupò neanche di attendere la mia risposta, si avvicinò e molto naturalmente mi prese il volto tra le mani e mi baciò. I capelli mi si rizzarono sulla testa, e non solo quelli."Ti voglio, ti voglio. Voglio sentirti in me, ora!!.La sua voce era dolce, suadente piena di promesse peccaminose. Era impossibile resistere al bacio, prima e a quell'invito ora."Questa volta ho pensato io a portare il necessario", cosi dicendo Sarah, mi porse una confezione di preservativi. Stavo miseramente crollando. Non potevo evitarlo. Sapevo che era sbagliato. Il solo pensare a Santa, e, alle conseguenze se, avesse saputo di quella storia, mi sconvolgeva: eppure tutto ciò non m’impedì di trovarmi avvinghiato alla creola e spingerla deciso verso la nostra camera. Il corpo di Sarah per me non era una novità, ma vederla languidamente adagiata sulle candide lenzuola. Era da favola. Non pensai più a nulla, mi buttai su quel corpo grandioso, era tutto fantastico. Non mi disturbava neanche la fessura implume cosi esposta impudicamente. Non c'era neanche un peluzzo, più simile al sesso di una bambina che a quello di una gran fica come Sarah. No!non mi disturbava, in quell'occasione l'apprezzai. Il profumo di donna che emanava quel corpo era irresistibile.  Vigliaccamente cancellai tutti i dubbi della notte dalla mia mente e tuffai la testa tra le cosce favolose oscenamente spalancate della donna e presi a lappare con decisione fino a quando Sarah non prese a colpirmi con i pugni chiusi sulla testa implorandomi di smettere ."Fottimi!!Mettiti il condom e scopami fino a farmi urlare.", mi ordinò. Odiavo quegli affari di gomma ma se volevo trombarla dovevo obbedire. Strappai la bustina di plastica, con i denti. Estrassi il preservativo, ponendolo, sul glande e srotolandolo poi lungo l'asta di carne. Sarah, segui l'operazione. Assicurandosi, che il condom, fosse messo bene. Impugnato il cazzo, con decisione, controllò accuratamente, tirandomi, subito dopo, a se. Guidò con impazienza il glande lungo la vulva fradicia d’umori. Una scarica d’eccitazione m'investi facendomi rabbrividire, poi, finalmente lasciò che il pene scivolasse completamente in lei. Fu una sorpresa: la sua fica era gustosa ed umida come non avrei mai pensato ma quello che mi sconvolse fu la strettezza di quella vagina, pareva di entrare in una ragazzina vergine. I muscoli vaginali mi stringevano delicatamente adattandosi come un guanto.

La creola si muoveva seguendomi nel ritmo, altalenante, mungendomi allo stesso tempo il glande con la fica."Cosi,cosi. Colpisci duro e veloce che vengo. Ora!Ora!Oraaaaaaa!aaaaagggghhhhsssssiiiiii."Gemette mentre scuoteva la testa a destra e a sinistra graffiandomi la schiena. I suoi fianchi parevano essere mossi da una forza incontrollabile. Andavano su e giù convulsamente. Puntò i piedi inarcandosi tutta con tale violenza che quasi mi disarcionava. La vagina si contraeva aspirandomi sempre più dentro. Il glande, fu risucchiato fino alla cervice, pareva fossi penetrato nell'utero. La cappella, aveva certamente varcato, una nuova porta, stretta ed accogliente come una boccuccia che la aveva succhiato avidamente.
"No!Nooo!!.NOOOOOOOOOOOoooooo!è troppo!. E’ troppo!! Basta!cosi mi uccidi."Rantolò, Sarah mentre la vagina m'inghiottiva ancor di più. Presi a colpirla con spinte secche e profonde. Le gambe di Sarah, stavano, ora, sollevate ed appoggiate sui miei lombi. Con le mani la sostenevo sotto le natiche, per meglio attirarla a me, cosi da sentire e gustare ogni più piccola piega della vagina. venni. Venni urlando il suo nome, venni digrignando i denti, riempii il profilattico sobbalzando e contorcendomi per sprofondare, se fosse stato possibile, ancor più in quella sugosa fica.
Fare l’amore con Santa era bello, coinvolgente. Farlo con Sarah era indescrivibile. Piacere puro, sconvolgimento dei sensi, Nirvana, non ci sono parole per descrivere quel vulcano di donna. Ci vollero altri due preservativi. Infine, stremati, ci alzammo dal letto."Quello che ti manca in misure, lo hai in resistenza e in produzione di seme."Sussurrò, tenera, Sarah, mentre la sua mano carezzava amorevolmente il pene ormai molle. Dopo esserci rivestiti,  manifestai nuovamente il timore che Santa, potesse sapere di quanto accaduto. Dopo avermi aiutato a mettere in ordine la stanza per nascondere ogni minima traccia del nostro operato, Sarah, ribadì: "Stai tranquillo non dirò nulla a Joey, cosi la tua cara mogliettina non saprà di quanto è accaduto oggi in questa stanza ."Preso dall'ennesimo, tardivo, senso di colpa, dissi che sarebbe stato meglio non vederci più da soli."OK, ok, ok. Ho capito, il maschietto italiano se la fa sotto. OK, fine della storia. In fondo quello che ci rimette sei tu."Quell'ultima frase Sarah la disse con sufficienza.
La sera, ero teso ed agitato. Fui contento che mia moglie rincasasse tardi, erano le 23 quando stanca ed affaticata entrò in casa."Sono distrutta", gemette la poverina lasciando cadere la borsetta sulla poltroncina del salotto."Amore, che hai fatto, per essere stravolta dalla stanchezza come sei?", domandai perplesso, controllando, anche l'ora tarda che era  rientrata."Oh, le solite cose. Abbiamo visitato alberghi, che propongono pacchetti turistici, appuntamenti, con Tour Operator della regione. Una vera sfacchinata", concluse guardandomi mentre si lasciava cadere sulla poltrona. Esausta, lasciò scivolare la borsetta sul pavimento e si tolse le scarpe. La guardai con attenzione: scrutai ogni dettaglio del suo abbigliamento in quel momento di rilassamento, poi, si alzò decisa andando verso il bagno."Ho proprio bisogno di una doccia", disse chiudendosi la porta del bagno alle spalle. La seguii, come già avevo fatto altre volte, contrariamente al solito, però Santa, pareva non gradire la mia presenza, né il mio abbraccio."Sono tutta sudata, lascia che prima faccia un doccia. Mi lasci sola due minuti, e quando esco sono tutta profumata per te.”. cinguettò, dandomi un bacio sulla guancia e rifiutando la mia richiesta di entrare con lei sotto il getto della doccia.

Vedendo che non accennavo ad uscire dallo stanzino, scrollò le spalle e prese a spogliarsi. Era bellissima nella sua nudità, anche senza quel bel triangolo di pelo nero che le ricopriva la fessura. Glielo dissi mentre mi beavo della vista del suo corpo, delle sue forme. Stavo perdendomi nell’ammirazione, quando notai i lividi:, uno sotto il seno destro, l'altro sul collo. Erano i classici segni lasciati da un succhiotto. Guardai intensamente mia moglie negli occhi. Vidi passare, nei suoi meravigliosi laghi di montagna, il timore, di quello che avrei potuto chiederle: infine la rassegnazione su quello che sarebbe seguito."Siamo sicuri che con Joey, tu ti sia limitata a fare, solo, dei semplici incontri con Tour Operator? Non è, che magari, in uno di questi posti, ti sia trovata molto, dico, moltissimo vicina al tuo amico americano, tanto che lui abbia fatto cosi?"dissi mentre avvicinatomi a Santa l'abbracciavo eccitandomi al pensiero che l'altro avesse fatto lo stesso. "O", continuai, "ha fatto cosi". Portai la mano sulla fessura ormai imberbe. Penetrando con un dito la vulva, la trovai incredibilmente viscida. Santa, Appariva sconvolta dalle mie domande. Scuoteva il capo negativamente. Furioso, continuai: "Oppure cosi?", spinsi il dito profondamente nella vagina, colma d’umori. Con rabbia posai le labbra sul suo bel collo succhiando golosamente."Nooo", gemette flebile, "no!"ripeté spaventata. "Non negare. Non mentire, questi, sono succhiotti.", incalzai rabbioso.
Non so, cosa mi stesse accadendo in quel momento. Ero furioso, pazzo di gelosia al solo pensare che Santa si lasciava baciare da Joey, ma allo stesso tempo l'idea che le mani nere del colosso avessero palpato, strizzato le tenere carni di mia moglie mi procurava un'erezione. Santa, notò il mio modo non violento di reagire e decise di sfruttarlo prontamente a suo favore, non più intimorita da un mia reazione incontrollata miagolò piagnucolando: "Oh, Cesare! Io non volevo ti giuro. Ho cercato di resistergli ma lui è cosi forte, cosi forte, cosi maschio che non sono riuscita a negargli un bacio. Ti giuro si è trattato solo di un bacio, non essere arrabbiato, ti prego. Poi, notando il gonfiore inconfondibile della patta dei calzoni, cambiò rapidamente espressione Porcellone, vedo che ti stai eccitando, lo sento sai." Cosi dicendo Santa, impugnò, decisa, il mio povero pene bramoso solo delle sue attenzioni. La mia adorata mogliettina fu sublime. Carezzò a due mani la mia appendice infiammata facendola gonfiare maggiormente. Tanto era il suo impegno e la sua delicatezza che ebbi timore di scaricare all'istante. Accortasi della situazione, Santa, pensò bene di guidare il glande contro la sua dolce fessura sfregandolo sulla clitoride già gonfia di desiderio. Non impiegai più di un momento a spogliarmi nudo, poi spinsi mia moglie contro la parete del bagno, le presi una gamba e la guidai fino a farle poggiare il piede sul bidè, poi in un crescendo di libidine, guidai il glande nella vulva depilata che mi aspirò fino ai testicoli. Stando in piedi, e puntellandomi alla meglio, presi a spingermi in lei per poi ritirarmi. Dentro e fuori, dentro e fuori. Ben presto dalla fica di Santa colarono gli umori abbondanti, forse dovuti ad una precedente eccitazione della donna da parte dell'americano, che delizia. Con un: "Oooooooohhh", mi si afflosciò contro gravandomi con tutto il suo peso. La sostenni in piedi reggendola con le mani sotto le chiappe mentre la pistonavo nella vagina con rabbia."Tieni!Tieni!Brutta stronza, tieni!Troia!Tieenniiiiiii!", gemetti infine mentre il mio pene sparava bordate di sperma nell'utero assetato di Santa, fortunatamente protetto dalla pillola. Ansante, per lo sforzo sostenuto, rimasi incollato a lei fino a quando il povero pene, ormai molle, scivolò fuori della vulva lasciando colare un rivolo di sperma che mia moglie bloccò con la mano posta sulla fessura a mo’ di tappo.

Quella sera nella tranquillità della camera, discutemmo dell'accaduto. Santa, giurò di amarmi più d’ogni cosa al modo e che mai più avrebbe permesso a Joey di ripetere quanto era avvenuto quel giorno. Le volli credere ma ero curioso di sapere come si erano svolti veramente i fatti. Non avevo dimenticato quanto aveva detto Sarah.
Con una comprensibile reticenza, Santa, ammise, che Joey, le faceva una corte discreta, già dalla prima volta che si erano visti."Nulla di male, ti giuro. Aveva iniziato con l'offrirmi l'aperitivo, poi la cena. Mi faceva sentire importante, bella, desiderata. Forse ho sbagliato io a non fermarlo per tempo spiegandogli che ero sposata, forse, visto il mio silenzio, lui si è sentito autorizzato a continuare. Oggi, dopo aver pranzato in un ristorante tipico, mi ha invitato a prendere un digestivo nel suo albergo. Lo avevamo fatto altre volte. Dopo il digestivo, mi ha chiesto di salire in camera con lui per vedere degli appunti. Poi, un volta in camera, ha fatto venire dei drink. Ripeto, era tutto come altre volte, non ci vedevo nulla di male. Eravamo lì a parlare di lavoro, io con il bicchiere in mano ed ecco che me lo trovavo vicinissimo, pericolosamente vicino.  Non nascondo che provo una certa attrazione per lui, credo che non si possa negare. Il suo braccio mi circonda, improvvisamente, la vita e mi attira contro il suo torace. Resistere?Impossibile: le sue braccia erano cosi forti mentre mi teneva stretta contro il suo petto che lo sentivo vibrare in preda all'eccitazione. Mi limitai ad alzare gli occhi. La sua bocca, fu sulla mia in un bacio sconvolgente. Ti giuro, mai avrei pensato che un solo bacio potesse essere cosi esplosivo, coinvolgente. Le gambe non mi reggevano, non avevo più volontà, ne forza per reagire. Ho lasciato che continuasse a baciarmi. Non ho posto la minima resistenza quando mi ha spinta con decisione verso il letto. Non ho neanche impedito alle sue manone di percorrere avidamente il mio corpo. E’ bravo, e sa come far vibrare il corpo di una donna. La sua bocca lascio la mia per cercare il collo e baciarlo con passione, sconvolta lasciavo fare. Le sue labbra s'impossessarono del seno. Gemetti di piacere, poi di terrore. In un lampo di lucidità mi resi conto che tu avresti certamente notato quei succhiotti. Fu quello a fermarmi in tempo per non commettere un adulterio. Pensai, che se avessi lasciato, che continuasse a baciarmi ed accarezzarmi, avrei ceduto alle sue avance, ed ora, non sarei qui a raccontarti quanto successo in quella stanza. Tengo troppo a te, però fermarlo mi è costato sacrificio, lo devo dire. Sentivo il suo desiderio contro il ventre ed era di tale consistenza da farmi paura.”.
La bocca di Santa era alla ricerca della mia .Quel suo racconto mi aveva messo in uno stato d’eccitazione pazzesco. Risposi al bacio stringendomela contro. Solo in quel momento mi resi conto della bestialità che stavo commettendo. Nonostante, fossi geloso di mia moglie ,mi stavo eccitando. Facemmo l'amore come due assatanati. D'allora,Santa,per ravvivare la passione di quella notte, ripeté più volte il racconto,  aggiungendo e variando qualche particolare. Non riuscivo a capire mai se quello che raccontava fosse veramente accaduto o fosse una sua fantasia. Una volta, al colmo dell’estasi, Santa, si trovò ad ammettere che sì, sì era lasciata sollevare la gonna ed aveva permesso alle mani di lui di palparle per bene le natiche e la sua farfallina,  un’altra volta disse che, non solo le dita del nero avevano scanalato la sua fessura fessura ma anche la grossa cappella aveva avuto il privilegio di penetrare unma solo un poco tra le labbra della sua vulva. “ Quasi non me ne accorgevo fino a quando non sentii eruttare  il suo sperma: avrai sentito quando quella sera che non volevo mi seguissi in bagno, tu hai poi messo le tue dita dentro la mia gioia. Era un tormento.

I suoi racconti in parte mi eccitavano,ma allo steso tempo la mia gelosia mi portava a domandarmi se Santa,veramente avesse fermato Joey o avesse invece corrisposto lasciandosi andare fino in fondo.  Poi c'era il dubbioso interrogativo,  la cosa era finita o continuava?Non ebbi pace,tutte le domande,tutti i dubbi mi tormentarono fino al meraviglioso giorno che mia moglie mi disse della fine del soggiorno di Joey e sua moglie, il giorno successivo sarebbero partiti per gli States. Gran festa, gran gioia:un po' di tristezza sia da parte loro sia da parte nostra, ma gran sospiro di soddisfazione da parte mia:con loro partivano i miei dubbi.
Gradualmente la nostra vita tornò alla normalità:anche il pelo pubico di mia moglie stava ricoprendo nuovamente la calda fessura di Santa. Quale gioia. Quale soddisfazione, poter, nuovamente immergere, il volto, nel folto vello nero. Ma non aveva detto di essersi rasata per andare al mare in tanga?.Ecco riaffacciarsi il dubbio che rimase per tutta l'estate. “Lo faccio per te,amore mio. So che ti piace tanto la mia patatina coperta dal pelo.” Disse Santa quando le feci notare la cosa. Avevamo ripreso a fare delle scopate goderecce,piene di passione, coinvolgenti, quel suo triangolino di pelo nero risaltava in modo sconvolgente  contro la pelle bianca lasciata dal segno del tanga.  
Grande la mia Santa, ancor più grande quando una sera mi arrivò a casa con una bottiglia di spumante per festeggiare la proposta fattale."vuoi sapere la novità,"esordi." Mi hanno proposta per un tour di ricerca negli Stati Uniti. Pensa, vedere New York. La Louisiana ed infine il Canada con le famose cascate. Poi ,potremo andare a far visita agli amici Joey e Sarah."concluse felice mia moglie. "Potremo hai detto?"domandai curioso."Certo, sciocco, il viaggio è, per due persone .Non vorrai mica che vada da sola no."Santa non aveva avuto dubbi. Mi resi conto, con un certo fastidio,che mia moglie aveva già pianificato tutto senza preoccuparsi minimamente dei miei impegni di lavoro. La cosa mi dava fastidio. Era soprattutto dover incontrare gli amici americani a mettermi a disagio. Temevo il nuovo incontro di Santa ed Joey. Avevo impiegato parecchio tempo a digerire i segni dei succhiotti che il bellimbusto aveva lasciato sul corpo di mia moglie. Espressi i miei timori, ma Santa, mi convinse, spiegandomi che quello era l’unico ostacolo alla sua promozione: dopo non ci sarebbero più stati viaggi di ricerca ma solo lavoro d’ufficio a livello direttivo. “ Pensavo”, continuò tenera,” che non sarebbe solo un viaggio di lavoro, ma anche un momento speciale per noi. Credo sia venuto il momento di pensare ad un erede. Smetterò di prendere la pillola da oggi.” Quella notte, mentre mi guidava con la sua manina dentro la calda vulva, mi sussurrò:” Amore, da questo momento e per almeno tre mesi, dovrai stare molto attento a non venirmi dentro. Cosi ha detto il ginecologo. Giusto per evitare ogni minimo problema. Sai, ha detto che se il tuo seme dovesse fecondarmi in questi giorni, potrebbero essere due gemelli.” Riuscii a tirarmi via per tempo, ma fu uno sforzo non indifferente. Ero abituato a fare l’amore con mia moglie in modo libero, le nostre scopate erano mitiche, lei prendeva la pillola, ed io potevo, riversare nella vagina di Santa fiumi di sperma. Ora dovevo riabituarmi a fare retromarcia , almeno per tre mesi. Nelle orecchie avevo ancora il rantolo di mia moglie , che sconvolta dal piacere e dimentica di quanto mi aveva detto poco prima farfugliava:” Scopami, non ti fermare . Falla tutta dentro,non farne uscire neanche una goccia.” Poi rendendosi conto di quello che stava dicendo si dimenava pregando:” Esci! Esci, per favore e stai attento.” Conoscendola , non mi lasciavo convincere dalle sue richieste.

Stavo , molto attento, a non lasciare cadere dentro la vagina nemmeno l’ombra di uno spermatozoo. Sandra, però risentiva di questa situazione e per paura che la potessi prendere in parola e non uscissi da lei per tempo , continuava a ripetermi per tutto il tempo che il pene restava immerso nella vagina, di stare attento, di non venirle dentro , anche se lei continuava a chiedermi di riempirla di sperma.
Di comune accordo, decidemmo, che per evitare guai avrei potuto, godere, dello stretto culetto di Santa: Lei parve gradire molto la Sodomia, mi diceva, singhiozzando dal piacere:” Lo hai della misura giusta. Amore, è fantastico, non so se godo di più dal culo o dalla fica.” Restava sfinita dal numero degli orgasmi. E per tutta la notte me la trovavo incollata con la mano sul cazzo, quasi avesse paura di perderlo.
Fu in quella maniera che mi convinse a salire su un aeroplano 747 dell’Alitalia in volo da Malpensa a New York. Santa mi aveva concesso giusto il tempo per sistemare i lavori più urgenti. Quasi a farsi perdonare questa sua imposizione, Santa, mi colmava d’attenzioni, .Pareva di avere accanto una baccante, pronta a soddisfare ogni mio capriccio sessuale, qualsiasi fantasia erotica. L’arrivo a New York mi lasciò a bocca aperta, io che avevo fatto qualche gita organizzata in Italia ero rimasto affascinato dalla grande metropoli. Nei tre giorni che restammo nella grande mela, mia moglie mi fece girare il più possibile la città.  La notte,  per essere sicura  che il mio sperma non  le riempisse l’utero, mi sottoponeva a tutte le gioie che il suo culo poteva darmi e, se manifestavo ancora un vago desideri, la sua bocca mi assorbiva in magnifici pompini.
  La notte precedente l’arrivo a New Orleans ebbi la sorpresa. Mia moglie si presentò a letto con la fica rasata a zero. Alla mia naturale domanda:”Santa, cosa è questa nuova rasatura di fica? Sai che a me non piace, non è che c’entri il tuo prossimo incontro con l’amico Joey?”       Come suo solito fece la gattina tutta moine dicendo:” Caro ho voluto rifarmi a qui momenti che tanto ti hanno eccitato. Ricordo, sai, come ti sei arrapato quando ti ho raccontato di come si è comportato Joey in quell’albergo. Ti era venuto un cazzone da cervo.”Mentre parlava aveva preso con tenerezza il mio pene che già si stava gonfiando per massaggiarlo con tutto il suo amore.  Ricordando quello che il nero le aveva fatto, mi venne l’atroce dubbio che tutte quelle moine fossero fatte a bell’apposta per farsi perdonare qualcosa. Poi , se avessi avuto qualche dubbio, la fica completamente calva di Santa mi dava certezza. Dopo la sosta di New York, partimmo per Nuova Orleans, dove ad attenderci all’aeroporto c’erano, Joey e la sua bellissima moglie. L’accoglienza fu veramente grande. Il nero aveva fatto le cose per bene organizzando incontri con altri Tour Operator. Grande fu anche Sarah che, alla prima occasione favorevole mi trascinò a casa sua, più precisamente nel suo letto. Dire che fu una giornata di folle passione, non rende l’idea di quello che fece quella splendida femmina con la bocca. Che fosse una bomba di sesso, lo sapevo, non ero però preparato al favoloso pompino che mi fece. Le sue labbra aspiravano il glande premendolo con la lingua contro il palato inghiottendo il pene fino all’inverosimile per poi sputarlo fuori. La sua dolce manina carezzava delicatamente lo scroto scendendo fino al perineo finendo con il titillamento dell’ano. Anche se avessi voluto oppormi a quell’assalto erotico, dopo il primo bacio non ero più padrone delle mie facoltà mentali. Conquistato dalla sua bocca lasciai che mi portasse al culmine dell’estasi.

Non mi opposi neanche quando avvertii il suo dito forzarmi lo sfintere e penetrare profondamente in me. Venni, venni con un gemito che nulla aveva d’umano. Lei, impassibile continuò a pomparmi l’uccello tirandomi fuori l’anima. Continuavo a schizzarle tutto lo sperma in gola. Quando stremato mi divincolai per liberarmi da quel supplizio di piacere, lei mi bloccò stringendo la sua manina gentile attorno ai testicoli .stringendo con delicatezza ma con decisione continuando a succhiare decisa il glande. Ben presto il pene, prese nuova forza, .crescendo fino a poter tornare in quel paradiso, con un’erezione dolorosa, tanto era diventato duro. In quel momento, ogni senso di colpa, in me era sparito, esisteva, solo, la fantastica Sarah. Avevo solo voglia di penetrare in quella sua calda vagina e pomparla , pomparla fino a farla urlare di piacere. Tremavo, tanto era il desiderio, avevo paura di schizzarle tutto il mio piacere nelle mani che con abilità consumata srotolavano il profilattico lungo l’asta di carne. Guardavo voglioso ma nello stesso tempo contrariato l’operazione di Sarah, che intuendo il mio disappunto per l’uso di quella pellicola, sollevò lo sguardo.” Qualcosa non va? Dov’è il problema?”, chiese sorridendo la creola. “Cazzo!!”, sbottai.” Io odio questi affari, non li sopporto è più forte di me non mi fanno sentire nulla “. Scuotendo la testa negativamente, la donna precisò,:” Ti ho già detto che senza condom non puoi mettere il tuo bel galletto dentro la mia pussy.” Era talmente piacevole quello che stava facendo con il mio uccello che, in quel momento le avrei permesso di mettermi su un pneumatico, non solo un fottuto condom, la pregai di continuare in quel meraviglioso trattamento del cazzo. Ci trovammo girati a 69, La bocca di Sarah aspirava il glande con voracità mentre la lingua non dava tregua roteandole attorno per poi colpirne la punta. Da parte mia ero impegnato a restituirle il piacere lappandole, a lingua larga, la fessura fradicia mordicchiandole poi il bottoncino del clitoride. Sentendo salire il piacere, avvertii la creola che se avesse continuato a succhiarmi con quel ritmo presto sarei venuto. Per tutta risposta, Sarah lasciò il mio gingillo rantolando,:” vieni, vienimi dentro.” Si pose supina e, senza mollare il suo giocatolo mi tirò su di lei, poi guidò la testa gonfia del pene contro l’apertura della vulva. Sprofondai in quel mare di delizia e subito presi a spingere con rabbia. Davo colpi violenti, avrei voluto che il glande le penetrasse nell’utero per farle male, almeno tanto quanto io stavo facendone a mia moglie. Non solo non riuscii nel mio intento e quasi svenni tanto l’orgasmo mi colse di sorpresa. Fu cosi intenso che avverti i testicoli rientrare e risalire fino al ventre. Il mio cannoncino, come lo chiamava, Sarah, sparò schizzi su schizzi, tanto da riempire il preservativo che cosi colmato lasciò debordare una parte di liquido seminale.
“ Fortuna che non ho ascoltato la tua idea di non mettere il condom. Guarda che pasticcio hai combinato. Vuoi proprio che mi venga il pancione!.” Strillò, Sarah, mentre mi spingeva via  e si toglieva di sotto , con un fazzoletto pulì le tracce di sperma più vicine all’ingresso della vulva. Alzatasi dal letto si diresse velocemente verso il bagno per lavarsi via ogni minima traccia del mio seme. Esausto, giacevo sul letto, aspettando il ritorno di Sarah, il pensiero andò a mia moglie.
Era quello un pensiero molesto: probabilmente, mi dicevo, lei starà facendo la stessa cosa con il suo collega Joey, il mio senso di colpa però non diminuiva. Sarah, tornò dal bagno più bella che mai. Se il rapporto appena concluso potevo attribuirlo alla tentazione della novità, quello che incominciammo in quel momento era dettato dal desiderio di entrambi.

Quando lasciai la venere creola, avevo riempito tre condom e mi sentivo piuttosto stanco a causa dell’ultimo urlo di piacere che mi si era strozzato in gola mentre il mio sperma era inghiottito dalla vorace Sarah.
Rientrato in albergo mi coricai esausto. Strana situazione la mia, stavo, sforzandomi di non pensare che, forse, mia moglie stava in un altro letto. Avevo ancora quel pensiero in testa quando Santa rientro in albergo. La guardai con particolare attenzione. Non notai nulla di strano, solo quell’inquietante fica completamente implume, e guarda caso ad Joey piacevano proprio cosi. Il secondo giorno fu una ripetizione del primo, unica differenza quella della stanza: non più quella di casa sua ma quella del mio albergo. Sarah volle che la prendessi da dietro.” Nel culo. Ti voglio nel culo, il tuo è della misura giusta. Quello di Joey quando entra fa un male boia. Pensa che ogni volta che me lo mette nel culo sanguino e per giorni mi brucia talmente che non posso mettermi a sedere.” L’accontentai più volte compromettendo le mie energie. La sera ero distrutto per poter fare l’amore con mia moglie che ebbe molto a ridire, visto il poco impegno da me dimostrato per mettere in cantiere un figlio. Più volte le feci notare che mancava ancora un mese circa prima di poter fare l’amore liberamente. A mia discolpa ponevo il fatto che dal nostro arrivo a New Orleans non avevo avuto un momento d’intimità con Santa e la cosa pareva destinata a continuare visto il grande numero d’impegni che avevamo. Ogni sera una festa, una cena, al rientro in albergo, colpa anche delle scopate con Sarah, io, crollavo miseramente addormentandomi come un sasso.  A conferma di quanto  detto a mia difesa, il sabato Joey e Sarah, ci invitarono a cena   in casa loro. Abitavano nella classica villetta americana con ampio giardino e piscina. La cena era stata ordinata ad un ristorante e venne servita dal personale stesso, che una volta terminato il servizio scomparvero in maniera discreta.
I nostri amici ci invitarono a passare in salone per gustarci il digestivo ed ascoltare un poco di musica. Il carrello dei liquori faceva bella mostra di se e Joey non perdeva occasione per riempire i nostri bicchieri appena il livello del liquore diminuiva. Parlammo di varie cose, si toccarono i programmi di lavoro che Santa e Joey avrebbero affrontato nei prossimi giorni. Poi il discorso scivolò sul sesso, il nostro amico divagò sulle varianti e sui desideri sessuali suoi e di sua moglie. Con abile parlantina riuscì a strappare a me e a mia moglie, alcune informazioni intime. A causa dell’alto numero di bicchieri  vuotati, io e Santa ci spingemmo a descrivere le nostre fantasie. “Mi dite che entrambi, vorreste avere un rapporto con un’altra coppia e fare uno scambio?”, domandò Joey. “No!no,no. Assolutamente no. Io e santa lo viviamo nelle nostre fantasie, ma mai abbiamo pensato veramente ad uno scambio di coppia. Al limite, ma proprio al massimo trovarci nella condizione di fare l’amore in compagnia di un’altra coppia ma ognuno con il proprio partner, ci tenni a precisare.   Joey espose la sua di fantasia:” Io sono un fanatico della fica senza pelo. Vuoi mettere una bella fica implume, quando la lecchi ti pare di baciarla ad una ragazzina. Guarda, io le mie donne la faccio rasare totalmente. L’altra non è una fantasia perché io e Sarah già abbiamo fatto lo scambio di coppia totale; ora desidero una bella orgetta dove ci siano più coppie, per intenderci. Peccato tu abbia idee completamente diverse ma chissà.” Ci furono alcune battute tra le due donne poi Joey invitò Santa a ballare che a sua volta mi spinse a fare altrettanto con Sarah.

Mentre ballavo seguivo con la coda dell’occhio la coppia che mi pareva fosse un poco troppo attaccata. Sarah passando accanto al muro pigiò l’interruttore del lampadario e il salone rimase in penombra. L’illuminazione era si diminuita ma non tanto da non vedere gli armeggiamenti di Joey sulle natiche di mia moglie, che a sua volta si strusciava addosso all’americano.  Sarah, visto che mi distraevo, prese a premere il suo basso ventre contro la mia immediata erezione, carezza domi allo stesso tempo la nuca. Mi resi conto che la situazione stava evolvendo verso quella che poteva diventare la nostra fantasia, quando vidi il nero chinare la testa verso il collo di mia moglie e baciarla. La cosa non mi entusiasmò, anzi mi diede fastidio e quando la sentii ridacchiare pensai fosse giunto il momento di intervenire. “Bene ragazzi la serata mi pare si stia facendo un poco troppo calda, credo sia ora che io e Santa togliamo il disturbo.” Mi parve che tutti fossero scontenti ma fui irremovibile, anche quando Sarah, prendendomi da parte mi disse che ero uno sciocco italiano gelosone, che non sapevo divertirmi. Con Santa ci fu una piccola precisazione da parte sua “Non stavamo facendo nulla di male ci si scambiava qualche bacetto poi ognuno sarebbe tornato dal proprio partner” l cosa terminò lì, ma fu argomento di una accesa discussione tra me e mia moglie che, riteneva il mio comportamento in casa di Joey eccessivamente bigotto ed offensivo nei confronti del nero.
  Finalmente per me i vari impegni lavorativi di mia moglie andavano esaurendosi, anch’io andavo esaurendomi dovendo contenere gli attacchi di Sarah che insisteva per fare una serata  con scambio. Arrivammo così alla fine della nostra permanenza in quella città due giorni dopo saremo stati in volo per Toronto e mi sarei lasciato alle spalle tutta quella storia. I soci azionisti del grosso gruppo di Tour Operator dov’era affiliato Joey, organizzarono in nostro onore una festa e, dal momento che cadeva in una giornata particolare  la organizzarono per Halloween. Sarebbe stata una serata danzante in maschera. Il party si sarebbe svolto nella villa del presidente, com’era tradizione ormai da anni. Finalmente, io e mia moglie avevamo la giornata tutta per noi. Impiegammo la mattinata in giro per negozi a fare spese. Al nostro ritorno in albergo avevamo scatole e scatolette ed i costumi noleggiati per la festa di Halloween, che essendo a soggetto avevamo avuto ben poca scelta. Io, avevo optato per un conte Dracula con mantello, mentre Santa, in opposizione al proprio nome, aveva scelto un costume da vampira.  Alle nove PM, come dicono gli americani, Joey, accompagnato dalla moglie venne a prenderci al nostro albergo. Salirono fino alla nostra stanza esibendo i loro costumi. Lui, si era trasformato in un perfetto capo tribù Masai, Sarah, indossava vaporosi calzoni trasparenti da perfetta Baiadera: un mini giubbino cercava di coprire un reggiseno che comprimeva il favoloso seno della creola spingendolo esageratamente verso l’alto, creando un effetto davanzale sconvolgente. I capezzoli, incredibilmente duri, tendevano la stoffa del corpino accentuandone la provocazione. Veniva voglia di toccarle, strapazzarle un poco quelle tette da sogno. A completare l’effetto esplosivo di quella miscela di sesso, c’era il lungo spacco che si apriva lateralmente sui calzoni rosso fuoco che arrivando fino ai fianchi partendo dalle caviglie, permetteva di godere della vista di due magnifiche gambe e la maliziosa apparizione di un tanga in leggero pizzo bianco che appena copriva l’inguine. Con uno sforzo riuscii a distogliere lo sguardo da quella meraviglia, mi accorsi allora di essermi reso ridicolo, tanto che la donna, sorridendo, domandò: ” Allora, cosa ne dici? E’ di tuo gradimento? Ti eccito? Posso andare?”. Non smise un momento di guardarmi con i suoi occhioni assassini che invogliavano a seguirla, mentre la lingua continuava ad umettare le labbra con un movimento lento e sensuale.

“Non guardare con quell’aria da idiota. Questa è la notte magica di Hallowen, dove tutto è permesso. Domani tutto sarà dimenticato, tutto svanito nella notte degli spettri.” La voce di Joey, mi riscosse dalle mie fantasie. Il grosso capo tribù si era avvicinato a Santa e, tirandosela contro con un braccio attorno alle spalle, ” vedrai, piccola, ci divertiremo, ” le alitò nei capelli. “ Allora! Uomini! Vogliamo andare? La voce di Sarah scosse tutti da quella strana atmosfera; prese Santa e me sottobraccio e ci trascinò fuori.
Nel prendere posto sulla loro vettura, la creola spinse mia moglie sul sedile accanto al marito che stava alla guida.” Tu vai davanti con Joey, io devo dire due cosine a tuo marito, ” disse spingendomi sul sedile posteriore. Mentre la vettura procedeva lentamente nel traffico cittadino, Sarah, mi s’accostò stretta contro. La mano, mollemente posata sulla patta dei calzoni, s’impadronì con decisione del pene. Quasi mi strozzavo dalla sorpresa: guardavo con timore i due seduti nella parte anteriore, se per caso mia moglie avesse girato il capo verso i di noi, si sarebbe certamente accorta delle manovre della creola. “ Fermati! Fermati, per piacere!” riuscii a sussurrare all’orecchio di Sarah, che ubbidendo in parte alla mia richiesta, dopo aver dato un’ultima strizzatina all’uccello lo lasciò di malavoglia, poi, accostate le belle labbra al mio orecchio, cacciò la sua diabolica lingua nel padiglione auricolare sconvolgendomi i sensi. Non paga del tormento che stava infliggendomi prese a canticchiare: ” Questa è la notte di Halloween. La notte delle streghe, dove tutto può accadere. Domani, domani tutto sarà dimenticato. Tutto sarà perdonato perché questa è la notte più pazza, più misteriosa dell’anno. Tu questa notte sarai mio. Non temere per domani. Domani tutti avranno qualcosa da farsi perdonare.” Finita la filastrocca, Sarah, con indifferenza, tornò al proprio posto. I miei timori sparirono solo quando la vettura sulla quale viaggiavamo varcò il cancello della villa dove si svolgeva la festa.
Il padrone di casa., Artur, un mulatto di quarantotto anni, affiancato dalla moglie Ester, una quarantenne con una carnagione ambrata, di donna bianca avvezza a fare lunghi bagni di sole, riceveva gli ospiti sotto il porticato di una villa da sogno. Abitazioni come quella, io le avevo viste solo al cinema. La villa era del tipo Hollywdiano, intendo dire che si trattava di mega villa con non una sola piscina ma due. Una grandissima all’esterno piazzata nell’enorme giardino, ed una un poco più piccola adiacente all’enorme salone delle feste posizionata in una sorta di grande veranda. Artur, oltre ad essere socio maggioritario dell’Agenzia Turistica, era pure azionista d’altre attività. La moglie, gran bella donna, era stata la sua segretaria per un po’ di tempo, poi, ne era diventata la moglie. Dopo le presentazioni del momento, Joey prese sotto braccio me e Santa, guidandoci a far conoscenza degli altri ospiti. Conobbi così gli altri soci, tipi veramente simpatici. George, un altro bestione nero di quarant’anni con la moglie, Pamela dalla pelle d’ebano, più giovane di cinque anni. A seguire Robert, un altro socio di ventotto anni, manco a farlo apposta grande e grosso, biondo occhi azzurri: al suo fianco Carole, ventunenne sposata da poco.
Dopo le presentazioni, io e Santa, ci trovammo a ruotare separatamente attorno ai vari gruppi che si formavano e si scioglievano secondo i balli che si susseguivano, dell’età e degli interessi, camerieri discreti badavano che agli invitati non mancassero mai beveraggi vari e gustose tartine.  Rimasto momentaneamente solo, ebbi modo di ammirare quella meraviglia di salone: tre grossi lampadari lo illuminavano, alle pareti quadri d’autore e applicue per un’illuminazione soffusa, sotto le quali erano stati posti dei divani.

Il buffet era sistemato su tavoli sistemati in veranda tutt’attorno alla piscina, così da lasciare il massimo dello spazio per ballare. L’abbigliamento, pur essendo la serata a soggetto era vario, oltre a mostri, scheletri e streghe, circolavano baiadere, guerrieri africani ed altri costumi. Una grande porta finestra a vetri, scorrevoli, si apriva sul giardino permettendo di andare a rinfrescarsi e riposare su comode poltrone e divani in vimini, con accanto dei tavoli distribuiti tutt’intorno alla grande piscina. Piante di banano crescevano per tutto il giardino creando una piacevole foresta tropicale dove, di giorno ci si poteva riposare stando seduti o coricati su comode sdraio e protetti dalle grandi foglie delle piante. La notte era tiepida,  essendo alla fine di ottobre, nel giardino complice una studiata illuminazione, ci si poteva nascondere da sguardi indiscreti. Stanco dell’atmosfera fumosa del salone uscii per rinfrescarmi, seguendo l’esempio d’altre coppie camminai lungo i bordi della piscina. Joey, tranquillamente coricato su di una sdraio confabulava con mia moglie, mentre poco più distante Robert, conversava fitto con Ester. Sarah, mi recuperò, ero seduto accanto ad una coppia che, a causa dello stretto slang che usavano non riuscivo a capire. La festa, nel frattempo era arrivata al culmine. Nel salone due grandi lampadari diffondevano una luce chiara ed i ballerini erano scatenati in danze latinoamericane.
Non so che ora si fosse fatta, quando notai il cambio di atmosfera, la luce era  più soffusa e proveniva dalle plafoniere a parete.  La creola, mi trascinò in una danza lenta e sensuale, il suo corpo incollato al mio, le forme generose compresse nell’abbraccio: Dio, che gran fica. Completamente assorbito dal lento contorcersi di quella donna, gemetti di piacere quando, Sarah spinse sfacciatamente il pube contro la mia erezione. Attraverso il sottile tessuto dei costumi, potevo sentire le sinuosità della vulva contro il pene. Nella penombra potevo vedere le altre coppie incollate alla stessa maniera. Le donne, tutte molto belle, non si preoccupavano di esibire le loro grazie, quelle che indossavano un abito lungo avevano praticato negli stessi, uno spacco sul fianco o sul davanti oppure sulla parte posteriore, di tale ampiezza che rendeva superfluo l’aver indossato la gonna: era come stare dietro una tenda svolazzante molto leggera. In quell’atmosfera irreale, dove ci si scambiava la partner di ballo più volte, mi trovai tra le braccia Ester. Vista così da vicino era fantastica Aveva una pelle liscia, profumata ed abbronzata al punto giusto, chissà quante lampade, per riuscire ad ottenere quella tonalità. Con lei ci fu la ripetizione del comportamento di Sarah. Mi si stringeva contro, premendo il florido seno contro il mio torace. Imbarazzato da quel comportamento, ormai lo ero in continuazione, cercai di scostarmi dalla sua stretta, guardandomi attorno per vedere se qualcuno stesse osservandoci. Nella ormai tenue illuminazione, le luci erano state ulteriormente abbassate, ebbi modo di tranquillizzarmi: nessuno badava a noi due. Tutti parevano incollati al proprio partner del momento, intenti a seguire il lento ritmo della musica. Riuscii, aguzzando la vista e non con poco sforzo, ad intravedere Santa che languidamente abbracciata a Robert, pareva rapita in un mondo tutto suo. Lui, più realisticamente, aveva posato le proprie mani sulle sue chiappe e se la tirava contro strusciandosi tutto su di lei. Già in albergo avevo avuto da ridire sul lungo spacco laterale che Santa aveva chiesto alla sarta di praticare nel costume. Troppo esagerato, avevo detto, ora pur nella scarsa luce del salone mi rendevo conto che avevo ragione. Lo spacco era così lungo che saliva sino all’anca lasciando vedere, senza nulla nascondere il perizoma che indossava mia moglie. Incuriosito, pilotai Ester per avvicinarmi maggiormente alla coppia.

Lo spacco della gonna non era più posto sul fianco ma era stato ruotato fino ad essere portato sul davanti., che cosa stava combinando Santa? “ Non fare lo sciocco, non guardare tutti con aria stralunata. Questa è la notte di Halloween, questa è la notte dei morti, questa è la notte del mistero.”. La voce d’Ester sussurrava al mio orecchio quella, ormai antipatica tiritera.“ Cesare, ” continuò, “Questa notte può accadere di tutto, tutto è permesso, ricorda. Domani tutto sarà dimenticato, tutto sarà perdonato. Rilassati e goditi la notte delle streghe.”Dovevo avere l’aspetto del perfetto idiota, almeno a giudizio d’Ester. Non nego che l’esposizione di tutta quella carne da parte delle signore mi sconvolgeva piacevolmente. La cosa che m’infastidiva e che non digerivo, era il modo di ballare di Santa. Muoveva i fianchi ondulandoli a destra e a sinistra, roteando nello stesso tempo il bacino con movimento rotatorio e spinta finale, verso l’alto della pelvi, dando così alla danza una carica molto erotica e sensuale. Sapevo che Santa, amava civettare, per lei era come una necessità. Adorava essere al centro dell’attenzione, voleva essere ammirata, coccolata, vezzeggiata, corteggiata: era vanitosa, ma l’amavo e l’amo così com’è. Quella sera, però, stava esagerando con quel suo comportamento, civettando sfacciatamente con il socio anziano. La pelle scura di Artur contrastava notevolmente con quella chiara di Santa, la quale non cercava minimamente di nascondere la forte attrazione che provava per l’uomo. Ogni qual volta si trovava in coppia con lui, anziché ballare gli s’incollava contro In quel momento i due, si trovavano nell’angolo meno illuminato del salone, erano languidamente abbracciati nelle sinuose movenze di un lento: lui, la gran mano nera posata con possesso sulla natica di Santa, lei, che non solo non faceva nulla per togliere quella mano ma si sollevava nell’intento di far combaciare il proprio inguine con quello di lui. Mi si può dire che sono eccessivamente geloso, ma sfido chiunque, vedendo la moglie, pomiciare con un altro uomo restare calmo e tranquillo. Cercai di osservare con calma quanto stavano facendo i due e, dopo aver scrutato con più attenzione, vidi che le mani dell’uomo erano sparite nel generoso spacco della gonna, ormai completamente posto sul davanti. Come avviene nelle comuni feste, anche in quella c’era l’abitudine di fare il cambio del partner di ballo, Pamela, mia momentanea compagna, vedendomi così interessato a quanto accadeva attorno a noi, volle attirare la mia attenzione su di lei stringendomisi contro. Avrei voluto andare da mia moglie e separarla da quell’uomo, ma Pamela non mi diede il tempo, mi trascinò nella stessa danza, lenta e sensuale. Il corpo di Pamela, era quello di una pantera, nero e lucido di sudore emanava un particolare odore di belva selvatica. Era talmente incollata a me che il suo monte di venere si spingeva contro il glande, ormai completamente scappellato e pronto ad esplodere. La gelosia che provavo in quel momento m’imponeva di richiamare mia moglie ad avere un comportamento più decente ma, con i sensi sollecitati dall’alcol seguii gli stimoli bestiali che mi erano trasmessi dal corpo di Pamela. Presi a dimenare i fianchi seguendola nel ritmo spingendo a mia volta il bacino in avanti fino a quando non arrivai a seguire con il pene la fessura delineata della vulva. Pamela, si sollevò più volte sulle punte dei piedi lasciandosi poi scendere lentamente strusciando, così la sugosa fica lungo l'asta congestionata Cercai, miseramente, di sollevare qualche riserva sul nostro comportamento: per tutta risposta, lei insinuò una mano tra i nostri corpi ed andò decisa ad impugnare il pene attraverso la stoffa del costume. Tenendomi a quel modo mi trascinò verso la finestra. Quasi mi scontrai con George e Carole che stavano rientrando dal giardino. I due, Pamela e George quasi non si guardarono, che cosa stava succedendo a quella festa?

La voce di Santa mi riscosse, ”Devi proprio vedere che meraviglia di giardino”, miagolò mia moglie stando abbracciata ad Artur. Mi chiesi, per un momento, dove si fossero spinti. Mi augurai che il loro comportamento non fosse simile al nostro, mio e Pamela, per intenderci. Fu proprio lei a tirarmi dietro la palma di banana nascondendoci alla vista degli altri. Avevamo bevuto, eravamo super eccitati ma non ero pronto a quello che la donna aveva iniziato a fare. Pamela stava facendomi una sega, va bene che era alticcia ma masturbarmi, lì, quasi davanti a tutti mi pareva un po’ troppo. Cosa diavolo avevano quelle donne? Erano tutte in fregola, prima Sarah, poi Ester e Carole che mi si francobollano addosso ed ora Pamela che addirittura mi stava masturbando, e non era finita. Con mossa rapida la donna si chinò in avanti e, portata la bocca all’altezza del pene ne abboccò la cappella aspirandola golosamente. Era troppo, tutto quello che avevo cercato di trattenere, esplose. Durai un amen, un secondo dopo che le sue labbra mi avevano aspirato venni. Iniziai a spararle bordate di sperma in gola, mentre lei continuava a succhiare golosamente. Pamela, ingoiò tutto senza scomporsi. Le ginocchia non mi reggevano, tremavo, tanto era stato intenso il piacere. “ Ti è piaciuto?Hai gradito?” chiese mentre si ricomponeva. Rientrammo nel salone dove la festa continuava allegramente. Mi sentivo un perfetto imbecille, mi pareva che tutti sapessero quello che, la nera ed io avevamo fatto. Mi guardai attorno in cerca di mia moglie ma mi scontrai in Joey, che, dandomi un amichevole pugno nello stomaco e strizzandomi l’occhio disse: ”Ti è piaciuta la visita nel giardino di Pamela?”.Credo che in quel momento il mio volto fosse simile ad un pomodoro maturo, tanto mi sentivo avvampare di vergogna. Da quello che mi aveva domandato, il mio inglese poteva non essere buono ma non tanto da non capire che lui mi aveva chiesto esplicitamente se mi fosse piaciuta la visita nel giardino di Pam e, non se mi fosse piaciuta la visita del giardino con Pam. Ero certo che il nero sapesse quello che avevamo fatto Pamela ed io dietro il banano. Con la scusa di cercare Santa mi allontanai. Premurosamente Joey, m’informò:, ” Oh, oh. Capisco, l’ho vista con Artur, ” sorridendo si allontanò.
Il salone, pur essendo grande, non poteva permettere a due persone di nascondersi, anche se gli ospiti erano parecchi. Eppure, per quanto mi guardassi attorno, di Artur e Santa non c’era traccia. In preda ad un attacco di gelosia uscii dal salone dirigendomi verso quello che il padrone di casa aveva detto essere il suo studio. L’atrio d’ingresso separava il salone, dove si stava svolgendo la festa, dalla stanza dove Artur aveva lo studio e l’ufficio del computer con annesso salottino. Proprio la porta di questo era accostata. L’illuminazione di quel corridoio era quasi inesistente, mi avvicinai all’uscio socchiuso per guardare dentro, il cuore mi s’arrestò. Stagliati, contro la luce esterna proveniente dalla finestra , si vedevano, nitidamente la silhouette di due figure, un maschile e l’altra femminile, nell’intento di baciarsi. Sforzando un poco gli occhi, che nel frattempo avevano avuto il tempo di adeguarsi alle condizioni di bassa luminosità, notai le mani dell’uomo che stavano impastando le chiappe nude della donna, che con una mano si teneva sollevato il vestito e con l’altra accarezzava il pene, in erezione, dell’uomo. Avevo trovato Santa e Artur. Mi preparai ad entrare nello studio e prendere a cazzotti il padrone di casa che, così vilmente aveva approfittato di mia moglie, nello stesso tempo dare un paio di schiaffoni, salutari alla mia dolce metà. La risata di Santa, seguita dalla sua voce, mi giunse nitida da un’altra direzione: seguita da Artur, stava uscendo dal corridoio che portava alla cucina e alle stanze di servizio.“ Sei tremendo”, stava dicendo al robusto uomo che l’accompagnava.

Per non fare la figura dell’idiota gelosone, scivolai silenziosamente dentro lo studio, dove con sorpresa di tutti riconobbi le due figure stagliate contro la finestra. Robert, stava solazzandosi tenendo le mani dentro le mutandine d’Ester, che vedendomi si allontanò velocemente dall’uomo dandosi un’aggiustatina alla bella meglio. Mi scusai ed uscii rapidamente dalla stanza.
Non so esattamente che ora fosse quando i primi invitati decisero d’andarsene, so per certo che alla fine ci trovammo in cinque coppie sedute sui divani con in mano l’ennesimo bicchiere di spumante. Artur, il padrone di casa ci consigliò di restare a dormire da loro, visto le condizioni  di tutti noi presenti. “ Qui la polizia non scherza. Guidare in stato d’ebbrezza ti porta dritto in prigione, e poi, detto tra noi, la festa inizia ora.”. Detto questo, Artur si alzò ed avvicinatosi ad un mobile ne aprì un cassetto dal quale prese un cofanetto e lo portò sul tavolino. Apertolo ne estrasse una busta di cellophane e delle cartine per sigarette. Devo essere sincero, avevo bevuto parecchio, l’avventura con Pamela, dietro il banano mi aveva sconvolto ottenebrandomi i riflessi, ma non ero ancora così fuso da non capire cosa stava accadendo, ” forza ragazzi, facciamoci una bella fumatina prima di andare a nanna”, rise Artur.  George, prese una cartina e pescato nel sacchetto tirò su due prese d’erba. Era proprio erba, almeno a vederla così .” Marijuana? “. La domanda mi venne spontanea. “ Certo, e di quella buona. Il nostro Artur, prende solo roba di prima qualità”, Rispose George.
Non sono un bacchettone moralista, ma fumare canapa proprio no. Non l’ho mai fatto, fumo, tre, quattro sigarette il giorno: a volte neanche quelle, figuriamoci l’erba. Alle mie rimostranze, tutti mi fecero notare che per una volta non avrei notato nessuna differenza da un sigaretta normale. Mia moglie poi, fu la più aggressiva definendomi un antiquato. “ Dai, Cesare , siamo in compagnia di amici, che vuoi possa succedere? “
” Non fare il guasta feste, dai. Prova a fare un paio di tiri, sentirai che roba, ti sentirai meglio, te lo garantisco: questa è roba veramente speciale.” Parlando, Joey, messa la miscela d’erba su di una cartina, arrotolò uno spinello porgendolo, poi, a Santa. Sarah, alzatasi dal proprio posto venne a sedersi al mio fianco.“ Dai, cucciolone, prova almeno una volta: cosa vuoi che sia mai, non ti farà certamente male. Non crederai mica che noi si faccia uso di porcheria. Questa è erba, non robaccia pesante. Anche noi siamo contrari a le droghe, cosa credi.” La creola accompagnò l’invito porgendomi una sigaretta appena avvolta. La voce di Santa richiamò la mia attenzione, “ dai Cesare, lasciati andare per una volta. Siamo qui per divertirci, cosa vuoi che possa farci uno spinello. Dai, fammi compagnia.” Invitante, mia moglie, accese lo spinello e me lo porse. Non volendo fare quello che rovina tutto, presi la sigaretta e tirai una prima boccata. Ester, nel frattempo aveva posato sul tavolino un vassoio con delle tartine: suo marito, dopo aver inserito nel lettore cd alcuni dischi, andò a prendere delle nuove bottiglie di spumante. La musica lenta si diffondeva nella stanza. Io, dopo aver bevuto da un bicchiere il vino frizzante della California, tirai una lunga boccata dallo spinello. Aveva ragione mia moglie, quella roba non faceva nulla. Avevo letto e sentito da amici, che magari solo per vantarsi, raccontavano d’esperienze fantastiche. Io, non vedevo colori meravigliosi, non avvertivo neanche la voglia incontrollata di scopare come un mandrillo: sentivo solo il desiderio di spegnere l’arsura che mi seccava la gola bevendo in continuazione calici di spumante.

Ballai con Santa,  che aveva l’alito pesante di chi ha bevuto parecchio e da come mi pesava addosso doveva essere arrivata al limite, gli occhi le brillavano dall’eccitazione. Con aria sognante mi baciava .” Ti amo. Dio mio, come mi gira la testa. Ammomore mmmio, baciami, leccami, fammi godere, ne ho tanta voglia.”, mormorò estasiata mentre mi si strusciava contro procurandomi un’erezione dolorosa. Avevo voglia di farmela subito, non mi fregava nulla degli altri. Robert, versò altro spumante, George fece nuovi spinelli. Io continuavo a bere e ad aspirare il dolciastro fumo della canapa. Vivevo tutto quello in maniera distaccata, era come se mi fossi appena svegliato ed avessi ancora la testa frastornata dal sonno. Ero nel mio corpo, mi vedevo dal di fuori, strana sensazione, mi pareva di essere sdoppiato. Nell’aria aleggiava un profumo di Sandalo, proveniente da vari bastoncini infissi nella sabbia di un contenitore di bronzo, che ardevano lentamente. Sarah, mi si avvicinò con decisione trascinandomi in una languida danza, lo stesso fece Joey con mia moglie. Artur, ballava con Pamela, Ester faceva coppia con Robert e George stava con Carol. Stavamo tutti abbracciati stretti stretti. La luce tenue nascondeva solo in parte quello che avveniva nella stanza. Pareva che tutti seguissero il movimento del corpo del proprio partner. Nell’aria si avvertivano vibrazioni erotiche tali che era impossibile ignorare. Incollato a Sarah potevo osservare gli altri e vedere che i vestiti delle donne erano di molto sollevati oltre le ginocchia, su, su, fino alle cosce. Pur vedendo le mani di Joey sollevare e scostare lo spacco del vestito di Santa, per poi andare a ravanarle nelle mutande, non mi arrabbiai, era come se non fosse mia moglie a pomiciare con il colosso nero, così era per le altre coppie. Pareva avessero acceso altre luci, tutto mi appariva più chiaro, più ben definito. La musica cambiava alternando ritmi latino americani, salsa merenghe, lambada ed altri. Non sono mai stato un drago in questi balli, ma con la scatenata Sarah divenni bravissimo. Improvvisa mi colpì la voglia di farmi Sarah. La libido mi stava sconvolgendo i sensi. La temperatura della stanza saliva ad ogni ballo. Mi trovai seduto sul divano con un nuovo spinello tra le dita. Aspiravo con gusto il fumo dolce della sigaretta, non ero ubriaco. Mi sentivo bene, era come se vedessi con la mente anziché con gli occhi, percepivo i pensieri di chi mi stava intorno, nell’aria una nebbiolina azzurrina, in bocca il sapore dolciastro dell’erba che non riuscivo a levarmi, pur bevendo in continuazione.
Santa ed Joey erano impegnati a stare perfettamente fermi pur muovendo i fianchi, lui le massaggiava la schiena salendo e scendendo con le mani lungo l’incavatura della spina dorsale. Lei spingeva il pube contro la grande virilità dell’uomo che gonfiava in modo esagerato i calzoni.  Forse era la mia immaginazione, forse tutto era dovuto a quella strana sensazione di percezione di sentire i pensieri altrui ma, avrei giurato che l’uomo stesse dicendo a Santa che la voleva, che la desiderava. Mi pareva di udire tutti i presenti che dicevano quanto fosse bella mia moglie e quanto, loro, desiderassero mettere il loro cazzo, nella fichetta della mia dolce metà. Mi pareva di sentire Santa gemere sotto gli inviti espliciti degli uomini. Era forse la mia immaginazione oppure Santa, oltre a gradire le attenzioni di Joey ne condivideva i pensieri?    Era fantasia la mia o Santa, veramente stava dicendo: ” Joey, diavolo tentatore, anch’io vorrei essere penetrata da questo tuo meraviglioso affare, ma dimentichi che sono sposata e mio marito è qui”. Certo ero lì, ma questo non impediva all’uomo di posare quelle sue manone sul culo di mia moglie prendendola sotto, le natiche e tirandosela contro l’uccello teso. Pensavo di aver letto nel pensiero ma mia moglie mi tolse ogni dubbio esclamando:, ” Oddio! Dio! Dio mio! Cesare! Joey, ha detto che vuole fottermi. Ha bevuto troppo, credo di aver bevuto troppo anch'io.” Santa rideva nel dire questo.

Abbracciato, avvinghiato o meglio aggrovigliato a Sarah, non ero in condizioni di controbattere. La musica languida, lenta, saturava la stanza. Ipnotizzato dall’atmosfera del momento non opposi resistenza quando Sarah, con naturalezza, prese a sbottonarmi la camicia. Iniziò dal colletto dandomi teneri baci sul collo. Lasciavo fare aiutandola e seguendola nei movimenti al ritmo della musica. “ Ole!”, esclamò, quando sbottonata completamente la camicia me la sfilò dalle braccia facendola roteare per poi lanciarla in aria. L’applauso che esplose fece sì che mi guardassi attorno e vedessi le altre coppie battere le mani con calore. Pareva fosse il via a qualcosa di veramente piacevole. La prima fu Santa, ” tu spogli il mio uomo, io, spoglio il tuo.” Gridò eccitata, “ anche noi”, ripresero in coro le altre donne. Con distacco, come se la cosa non mi riguardasse, seguii i contorcimenti della danza eseguita da mia moglie, mentre con mano ferma sbottonava e sfilava la camicia al suo cavalliere. Il possente torace del nero brillava di sudore dando riflessi ai pettorali notevolmente sviluppati. Le mani di Santa, carezzavano voluttuosamente il petto privo di peli. Le altre coppie stavano seguendo l’esempio dato da mia moglie, tutti gli uomini erano senza camicia. “ Volete sfidarmi?bene, vediamo chi è più brava”. Con voce resa roca dall’eccitazione, Sarah incitò le donne a seguirla mentre già sbottonava il corpetto e toglieva il reggiseno mostrando così il suo bellissimo busto.
Santa, che se stuzzicata non era seconda a nessuno, seguì l’esempio della creola incitando le altre a fare lo stesso. Devo dire che, a mano a mano che le donne mettevano in mostra i seni, la mia attenzione nei loro confronti, aumentava. Pur essendo più piccolo, il seno di mia moglie non sfigurava e reggeva benissimo il confronto con quello di Sarah, Ester e Carol per solidità. Santa, offriva, immobile, la parte denudata del suo corpo allo sguardo goloso di Joey, aspettando la mossa successiva di Sarah, che ormai lanciata, s’inginocchiò ai miei piedi mettendo mano alla fibbia della cintura dei calzoni. Rideva mentre, guardando mia moglie, slacciava la cinta e mi calava i calzoni fino alle caviglie. Stavo lì, in mutande sotto lo sguardo divertito dei presenti. La creola, malignamente, invitò le compagne a fare la stessa cosa con gli uomini. Tutte quattro le signore raccolsero la sfida. In un unico movimento s’inginocchiarono davanti all’uomo, che in quel momento le stava di fronte e, con pochi, ma studiati gesti, li lasciarono in mutande. Tutti parevano divertirsi molto, ed a giudicare dai bozzi che tendeva i boxer dei signori, dovevano essere alquanto eccitati. Era però Joey a dominare la scena con quel suo fisico palestrato. Con sensualità, il gigante nero trascinò Santa in una danza che poco aveva di ballo. Seguendo il suono struggente del Sitar, i due pareva mimassero un amplesso. Tutti stavano guardando le contorsioni dei loro corpi. Con un movimento lento ma calcolato, l’uomo, impugnò un lembo della gonna di Santa e facendola ruotare portò lo spacco sul davanti. Con mossa altrettanto decisa sganciò il fermo della gonna, poi, con un: ”Voilà!” strattonò via l’indumento facendolo volare sopra la testa, lasciando la stupefatta Santa in tanga. La reazione degli altri uomini fu immediata, in un amen tutte le donne erano in mutandine, se quel nulla che avevano davanti si potevano chiamare mutandine. Quello di Sarah era un tanga di pizzo, sostenuto da un microscopico filo che si perdeva tra le favolose chiappe della creola. Le donne si guardavano con aria di sfida, erano tutte bellissime. Santa, seguendo l’esempio della creola aveva sollevato in alto le braccia esibendo, come lei tutta la propria nudità. Le note del Sitar, saturavano la stanza in modo ossessivo, su di noi aveva un potere ipnotico, irreale.

Non saprei dire se a causa degli spinelli o dei molti drink, tutto mi appariva distante, come se osservassi attraverso una lente ad effetti speciali quanto accadeva attorno. Le stesse reazioni erano staccate come se guardassi un film hard. Mi sentivo eccitato come un toro senza la minima gelosia verso mia moglie che ne era l’interprete. Tutti, pur essendo in mutande, avevamo ripreso a ballare. Incollati l’uno all’altra era impossibile non  notare le enormi erezioni  noi maschi  che ci spingevano a puntarle contro il cavallo delle mutandine delle nostre compagne di danza. Santa, a giudicare dalla posizione ingobbita e contorta di Joey doveva avere contro una bella stanga.
“ Diamo libertà al gallo, perché tenerlo allo stretto, sento che vuole uscire per entrare nella mia pussy”, Sarah, completamente partita, si scostò da me e come già fatto con i calzoni, s’impossessò dell’elastico che mi stringeva le mutande in vita e tirò verso il basso. Il pene, libero da strettoie, saltò impettito verso l’alto.“ Guardate che meraviglia di cazzo duro ci presenta il nostro Cesare!”. L’esclamazione di Sarah, attirò l’attenzione di tutti. Le coppie guardavano divertite il mio uccello al vento, io guardavo loro. Non provavo assolutamente vergogna, anzi ero convinto di avere un bel pene. Sarah, instancabile, dopo averlo impugnato, gli diede un paio di scrollatine scoprendo per intero il glande, poi assicuratasi che l’erezione non venisse meno, si allontanò un poco e rivolgendosi alle altre persone disse: ”Non lo trovate tenero?“, poi, rivolta solo alle donne, aggiunse, “Ne avete mai visto uno non circonciso? Guarda Ester, come scorre la sua pelle. Hai visto Carol che glande liscio presenta, è proprio un amore, ed è buono te lo garantisco.”Detto questo con un volteggio rapido si avvicinò al marito che teneva stretta a se mia moglie, tanto che fece fatica a separare i due.“ Ora vi farò assistere ad uno spettacolo del cazzo, o se preferite, ad un cazzo da spettacolo.” Detto questo, s’inginocchiò ai piedi del marito e preso saldamente l’elastico della cintura dei boxer di Joey e tirò lentamente verso il basso. Credo che in quel momento la miscela d’alcol e spinelli cominciò a fare effetto. Centimetro dopo centimetro, i boxer scendevano scoprendo una parte del corpo che nulla aveva di normale. Ho sempre pensato che la letteratura si fosse sbizzarrita sugli uomini di colore, in particolare sui loro attributi, lasciando che la fantasia creasse delle leggende. Non erano favole, davanti a me, il nero, esibiva il proprio corpo senza veli. Guardai attentamente mia moglie che in estasi ammirava la grossa proboscide uscita dalle mutande dell’uomo. A mia volta, pur colpito dalla gelosia non potevo fare a meno di riconoscere in quel corpo una perfezione da bronzo di Riace.  Joey era tutto proporzionato, ogni muscolo sviluppato in maniera perfetta. Tra le gambe, la grossa sacca dello scroto scompariva, coperta dall’enorme asta di carne nera che a fatica si teneva in una parziale erezione. Era veramente un’enormità. Il glande completamente libero del prepuzio, essendo circonciso, colpiva per la sua forma e grossezza: non aveva la classica forma tondeggiante, era un tronco di cono esageratamente largo alla base, posato sopra un’asta di carne dello stesso colore nero che si allargava ancor più verso la base, si poteva raffrontare con le misure di una bottiglia di Coca Cola. La domanda che mentalmente mi posi fu spontanea, come poteva una cosa del genere entrare nella tenera vagina di Sarah, giacché io, pur non essendo superdotato, avevo faticato a penetrare in lei. Ero meravigliato della docilità con la quale Santa, lasciava che Sarah dirigesse il tutto. Come la regista di uno spettacolo più volte provato, infatti, la creola, invitò le donne a fare lo stesso. Le meraviglie continuarono. Miraggi? Visioni dovute alla miscela esplosiva che avevo in corpo? Non saprei: ritengo di non aver sognato quando vidi Ester ai piedi Robert con le mutande ai piedi ed un cazzo altrettanto grosso.

Non sognavo neanche quando Carol scopri l’apparato di George che pur se leggermente più piccolo di quanto potessi pensare  era cinque o sei centimetri più lungo del mio, un’enormità.     Pamela, con la grazia che la distingueva, fece lievitare l’obelisco di Artur, un minareto con una cappella enorme, cazzo! La misura detta da Pamela mi lasciò a bocca aperta: “ Dodici pollici lungo per uno spessore di quasi tre”. Quelli lì erano tutti supercazzuti. Io, con il mio uccellino di diciotto centimetri non raggiungevo neanche la metà di quelle dimensioni.  Nel frattempo, guidata da quella di Joey, la mano di mia moglie si chiuse, ad impugnare, il grosso pene nero. Non fui sorpreso di vedere che, per chiudersi attorno a quello sproposito di cazzo, le dita avrebbero dovuto essere più lunghe di svariati centimetri.“ Hai visto che meraviglia di stanga ha il mio uomo?.”, disse Sarah, senza rivolgersi a nessuno in particolare. Non avevo nulla da dire, pensavo solo al fatto che quell’affare era molto più grosso del mio, non sapevo quello che ne pensasse mia moglie ma mi spaventò quello che lei disse.“  Sei una favola. Ogni volta che lo vedo, mi sconvolge.” La mente, pur ottenebrata dalla miscela d’alcol e fumo, captò il tutto. Un pugno nello stomaco mi avrebbe fatto meno male. Quella era la conferma dei miei dubbi, dei fantasmi passati. La creola, intuendo che quanto detto da mia moglie mi aveva colpito, prese in mano la situazione ponendosi velocemente al mio fianco impadronendosi del mio uccello.” Mio Siesar, lascia che sia io a prendermi cura del tuo bel gallo”. La sua mano sull’asta congestionata, fu un vero toccasana. Il momento dei chiarimenti per quanto aveva detto Santa, sarebbe venuto in seguito, dovevo solo pensare a gustarmi le piacevoli sensazioni ed osservare quanto stava accadendo attorno a me che era molto eccitante.   Mia moglie stava accarezzando con la stessa passione e delicatezza di Sarah, il serpentone nero di Joey. Ero incavolato per come Santa, stava baciando il grosso glande. Ero geloso, sì, ma non di mia moglie: ero geloso di quell’enormità, avrei voluto avere io una bestia del genere tra le gambe. Quasi mi avesse letto nel cervello Sarah, sussurro: ” dì la verità ha un bel cazzo mio marito, eh!Ti garantisco che una volta che l’ha provato, una donna non lo dimentica più”. Non ne dubitavo. La stanza era un unico gemito di piacere, la serata si era trasformata in un’orgia con scambio di mogli. I divani che erano nella stanza erano stati occupati dalle coppie impegnate a scambiarsi effusioni, mentre sui tavolini erano apparsi, come per magia dei cofanetti contenenti dei preservativi. Ester si premurò di ricordare ai presenti che "Sarah e Carole non usano nulla, perciò, ricordatevi di coprire il proprio gingillo” disse, poi si chinò sul pube di Robert per impossessarsi del pene e iniziare una lenta masturbazione. Artur, da parte sua stava con la testa tra le cosce spalancate di Pamela, mentre Carol succhiava avidamente il glande a George.La mia cara mogliettina era impegnata nello stesso esercizio con Joey. A causa delle dimensioni del pene, aveva però difficoltà a ciucciare il grosso glande. Riusciva a malapena a prendere in bocca la sola punta, fu il nero, che posate le mani sul capo di Santa, glielo spinse deciso verso il basso facendole inghiottire quasi tutta la cappella. Con un conato di vomito, la mia povera moglie quasi si strozzava ma prese a pompare su e giù con la bocca come le ordinava l’uomo. Il gemito di Joey era nitido mentre incitava Santa.” Così! Così che è bellissimo. Continua così, mia piccola fica italiana.  

Sarah, ormai completamente dimentica delle altre coppie, si dedicava esclusivamente al mio cazzo. “Questo tuo bel fuciletto mi piace. Certo non è come quello di mio marito, però ha il vantaggio di essere sempre duro e pronto a sparare. Quello del mio uomo, come puoi vedere è così grosso che riesce a fatica a mantenersi duro per tutto il tempo. Guarda un po’ tu”: disse finendo baciandomi. A conferma delle sue parole, il serpentone del marito, nonostante le cure amorevoli di mia moglie, stentava a restare impennato. “Vado in aiuto a Santa», sussurrò la creola.  Mi lasciò, portandosi accanto all’amica per aiutarla nelle carezze e nei baci della nera proboscide. Dopo che, insieme, riuscirono a fare stare dritta quella colonna, Sarah, invitò mia moglie ad alzarsi, poi, rivolta al marito, suggerì: ”Caro, non pensi sia venuto il momento di vedere la splendida ostrica della nostra ospite.” “ Certamente, ma, OOHH, mi spiace farle interrompere quello che sta facendo, quei suoi bacetti sono favolosi. Oh, cazzo! Mi sta succhiando la punta del cazzo in modo grandioso.” Ansimò joey, baciando sua moglie. Pamela, aveva momentaneamente lasciato Artur, per prendersi cura della mia coda lasciata libera. Artur si posizionò dietro Sarah. Santa, la bocca spalancata al massimo aveva abboccato completamente la grossa cappella.“ Lecca bene, sì così, sei bravissima. Succhia bene la testa del mio gallo!” Joey era in estasi. Ero invidioso, lui quella sberla di cazzo. si ostinava a chiamarlo gallo, mia moglie però nello sforzo di prenderlo in bocca, quasi si smascellava. Era impressionante vedere Santa, intenta a fare quel pompino incredibile. Nella stanza i gemiti stavano facendo da colonna sonora. Carol, con tra le gambe, la testa di George, grugniva come una scrofa dal piacere, che la lingua dell’uomo le dava. “Aaaaaaaaaggggghhh. Uuuuuuuaaaaaaaaaaaaggggkhhhh.”, rantolò ancora quando la lingua di lui la penetrò dentro la fessura standole in mezzo alle gambe aperte.
“ Ooooooooooooo”, Ester, si lasciò fuggire un gemito, quando, Robert, dopo averle divaricato le natiche, prese a spennellare con la lingua, la delicata rosellina del’orifizio anale. Nel quartetto, composto da Joey e consorte, Santa aveva, di mala voglia, lasciato il grosso boccone alzandosi poi in piedi. Complimenti, Cesare, hai proprio una gran bella fica di moglie”, il complimento veniva da Joey. I due corpi allacciati in un appassionante bacio creavano un contrasto molto erotico. Era il corpo di mia moglie ad essere esaltato in ogni sua più remota parte, anche se ancora indossava il minuscolo tanga brasiliano. Sarah, pensò bene di porre rimedio, tutte le altre donne erano ormai nude da tempo. “Giù l’ultimo velo”, annunciò decisa e preso tra due dita l’elastico, che le stringeva i vita le mutandine, tirò verso il basso lasciando mia moglie completamente nuda davanti al marito.
“ Guarda, Joey, è proprio come piace a te. Liscia come quella di una bambina” sussurrò, con tenerezza rivolta al marito, mentre, allo stesso tempo, accarezzava l’implume fichetta di Santa. Solo in quel momento capii perché, la mia cara mogliettina, si era totalmente rasata la vulva. Solo dieci giorni prima avevamo fatto l’amore ed era coperta da un rigoglioso bosco di bel pelo nero, proprio come piaceva a me. “ Non sarai mica geloso?” domandò, cattivo, il colosso, poi, guardandomi negli occhi aggiunse: “ ho visto che anche tu con Sarah ti sei divertito.” Non potevo negare che la cosa mi dava fastidio. Certo, con sua moglie mi ero divertito, però non mi piaceva come stavano andando le cose.

Non mi piaceva quello che Santa aveva fatto, e che stava facendo. Ciò nonostante non riuscivo ad impedirlo, la mente diceva di intervenire, di non permettere che il nero si godesse la mia donna. L’altra parte di me, quella con gli spinelli e alcol, per intenderci, mi suggeriva di lasciare che le cose andassero avanti, per vedere fino a dove si sarebbero spinti, anche se non ci voleva uno studio speciale per capire che stavamo in un’orgia con scambio dei partner.
Sarah, allontanatasi dai due li osservava mentre, a dispetto delle altre coppie che si erano già disposte sui vari divani, Joey e Santa avevano ripreso ad ondeggiare in una parvenza di ballo seguendo la musica. Lui premeva l’enorme erezione premuta contro il suo ventre sussurrandole all’orecchio frasi tenere. Mia moglie, ascoltava ridendo sollevandosi sulle punte dei piedi per meglio catturare quel contatto.“Oh, sì, così, leccami bene la fica”: L’implorazione veniva da Pamela, che aveva allacciato le gambe al collo d’Artur. Robert, dal canto suo stava sopra un’Ester in estasi pistonandola con energia. La scopava con tutte le sue forze; le alzava il sedere per meglio affondare dentro la sua fica e poi si ritraeva, lasciando solo il glande appoggiato alle tremanti labbra vaginali.
Carol, mi pareva che, al pari di me e Santa, non avesse l’abitudine di partecipare a quei festini, stava cercando di convincere Gorge a mettere un condom. “ Devi metterti qualcosa, hai sentito cos’ha detto Ester, Sarah ed io, non usiamo contraccettivi e non ho nessun’intenzione di trovarmi con un figlio tuo.” Stava dicendo con un certo timore. Pareva che nessuno fosse interessato a quanto avveniva tra i due, solo io seguivo attentamente cosa facessero tutti in quella stanza.  La voce di George era suadente mentre la blandiva cercando di convincerla.“ Dai non fare la bambina. Non sono mica un ragazzino, stai tranquilla che mi tiro via per tempo”, George, era così eccitato da non capire nulla, certo era comprensibile perché Carol, era una gran bella fica. Le allargò le gambe, lei lo guardava mentre, lui, si sistemava fra le sue cosce. Carol, alzò le gambe, per meglio offrirsi, sul volto un’espressione di pura libidine, quando l’uomo la penetrò. “Cristo! Carol, sei fantastica è bellissimo starti dentro”, singultò George. Lei, calma, pareva volersi gustare quella penetrazione. “ Sì, George, è bellissimo, mi stai facendo bene però stai attento, vieni fuori, non voglio guai.”.
Sarah, nuovamente al mio fianco, mi distrasse da quello che mi circondava, completamente nuda, mi stava dicendo:, “Non dovrebbe più meravigliarti, visto le volte che te l’ho mostrata.” , travisando il mio sguardo fisso sulla sua fica pelata, lo disse ridendo. L’attenzione di entrambi fu attirata dagli squittii di Santa, che cercava di divincolarsi dalle braccia di Joey che, a sua volta, cercava di trascinarla verso il divano. “ Oddio! Oddio! Dio! Dio mio, no!, no! Oddio, Cesare, sai cosa vuole fare quest’omaccio alla tua tenera, piccola mogliettina? Vorrebbe ficcare questo suo salsicciotto nella mia piccola pussy”. Rideva di gusto mentre teneva ben stretto, nella mano il grosso salame nero.
Sarah, pigramente, era tornata accanto alla coppia e, rivolta a mia moglie la tranquillizzo, “ vedrai che ti piacerà, se ancora non lo hai provato, o forse sbaglio?” Rapidamente la creola s’avvicinò a me ed impugnò il mio pene. Con fare amorevole prese a menarmelo lentamente, su, giù. Mi stavo godendo quella piacevole masturbazione mentre con molto distacco, guardavo il grosso nero, baciare appassionatamente mia moglie, che contraccambiava in modo languido e voluttuoso

Mentre lui, s’inginocchiava davanti a Santa, come fosse in adorazione, io, stavo beatamente godendomi le labbra di Sarah, sul glande, impegnata in uno sconvolgente pompino. La vista di Joey, che inginocchiato tra le cosce nervose di Santa, le mani posate bramosamente artigliate ai glutei di mia moglie, per meglio attirare il giovane corpo verso la bocca vorace e presentare l’implume fessura del suo sesso ai colpi della lingua assassina dell’uomo. Un improvviso attacco di gelosia mi bloccò l’orgasmo, scatenando il malcontento di Sarah, che, prese a succhiare e pompare, con maggior vigore, il glande congestionato. Intanto la bocca del gigante nero s’impadronì della vulva di Santa, che gemendo piegò, sollevando e allargando maggiormente le cosce. La rugosa lingua dell’uomo picchiettava veloce il clitoride, dando poi rapide leccate a lingua larga, alla fessura sbrodolante umori. Santa, ormai gemeva senza ritegno, le mani piantate sul capo del nero per meglio cercare il contatto più intimo tra le due bocche. L’atmosfera diventava, di minuto in minuto, più bollente. Per me, poi, vedere che Joey, continuava a lappare con vivacità la vulva di Santa, salendo poi velocemente, su, su fino alla nera rosetta dell’ano contratto, era ancora più eccitante, ma nello stesso tempo, non so per quale strano fenomeno mi sentivo forte, avevo solo voglia di gustarmi le sensazioni, gli stimoli che mi venivano da Sarah, sentivo che ero in grado di resistere all’infinito prima di avere all’orgasmo. Lo stesso non doveva essere per le altre coppie che, avendo iniziato a trastullarsi prima di noi, stavano arrivando al traguardo. La prima a gemere e gridare il proprio piacere, fu Ester che, tenendo abbrancato per le natiche Robert, lo incitava a gran voce” Adesso, Robert, adesso, ti prego! Chiavami forte, fottimi l’anima, dammelo tutto, vieni bene in fondo non perderne nemmeno una goccia: ” L’uomo pareva aspettasse quell’invito perché s’impennò spingendosi il più profondamente possibile nella vagina d’Ester e dopo un paio di spinte rapide, si accasciò sulla donna che rispose gemendo mentre Robert le riempiva l’utero di caldo sperma.”Aaaaaaaagggghhhhheeeeee! Così! Così, lo sento tutto, dio quanta ne stai facendoooooooo” In risposta a quel primo orgasmo, si levò la voce di Pamela.” Artur, hai sentito? Quella troia di tua moglie è venuta sotto i colpi di Robert, tu cosa aspetti ad infilarmi quel tuo magnifico cazzo? Adesso, mettimelo dentro adesso. Lo voglio. Oh, Dio non ne posso più! Entra, sfondami, fammi gridare.” Lui l’accontentò immediatamente, accompagnando con la mano la grossa cappella all’ingresso della vulva, poi spingendo lentamente ma costantemente, fece inghiottire il lungo pene alla fica di Pamela, che con grugniti di dolore e gemiti di piacere, riuscì a prenderlo tutto. Coricato sopra un divano mi trovai la fica della creola sulla bocca. La visuale completamente occupata dal bel culo della donna .”Leccami, leccamela bene come sai fare.” Era un ordine non una richiesta, presi a lappare, succhiare, mordicchiare quel suo grosso clitoride fino a sentirla gemere di piacere. Joey, nel frattempo, era riuscito a trascinare mia moglie su di un divano a forma di L molto vicino a quello dove, Sarah ed io, stavamo leccandoci reciprocamente. I due, Santa e Joey, si posizionarono in modo tale che, io e la creola potevamo vedere ogni minimo particolare dei loro sessi. Quello enorme dell’uomo e la tenera fessura che appariva indifesa e incredibilmente piccola, per ricevere un cetriolo di quelle dimensioni.
Fu la volta di Santa, a smascellarsi nel tentativo di prendere in bocca l’enorme cappella nera. Il tentativo le permise di succhiare solo metà del glande. Aaron, era in stasi “Oh, yes, ohh, sì, mia piccola cara, succhiami così, succhiami bene. Sei grande, piccola troia italiana. Sei top, ” gemeva piano. La testa di Sarah, pareva seguire il ritmo della coppia, mentre mi spompinava

Ester e Robert, ripresisi dall’orgasmo, stavano seguendo pigramente lo spettacolo offerto da Santa e il nero. Anche Artur e Pamela, lei ancora con la spropositata misura del suo pene, stretto nella mano, dopo che lo aveva sfilato ancora gocciolante dalla fica sconvolta della donna, stavano ammirando l’esibizione di Santa. Oltre a me e Sarah, erano ancora impegnati nella danza dell’amore, il nero George e la mulatta, peraltro fantastica, Carole, Lui la stava scopando con calma, con metodo. Si spingeva dentro la vagina lentamente, soffermandosi, poi, quando arrivava a toccarne il fondo e roteando i fianchi affinché lei lo sentisse bene. Il pensiero di Carole era però alle possibili conseguenze, perché George, era riuscito a convincere la donna a farsi fottere senza che lui mettesse l’antipatico condom. “ Mi raccomando, tirati via quando ci sei”, continuava a ripetere ansiosamente la donna.
“ Piccola, non resisto più, devo metterlo in quella tua fichetta tanto dolce, così gustosa, così tenera”. Il gemito di Joey, non lasciava dubbi sulle intenzioni del nero. Arrivato a quel punto c’era ben poco da fare la logica conclusione era quella.  Fu la voce di mia moglie a sorprendermi quando la sentii dire:  “Cesare!Oh Cesare, lascia che mi ami. Lascia che metta quella sua meraviglia in me. Lasciami fare questa pazzia, non essere geloso, questo è solo sesso, io amo solo te”. Ansimava, Santa, le sue parole erano piene di desiderio, di lussuria.  Rivolta poi, al suo amante, ”amami, caro, amami con tenerezza.” Non che avessero bisogno del mio consenso, era solo per stuzzicare la mia gelosia. Joey, non si preoccupò minimamente del sottoscritto, che stava a pochi centimetri dai loro sessi, con molta delicatezza sistemò Santa, in modo tale che Sarah ed io non perdessimo il minimo particolare di quanto si accingeva a fare. Fatte allargare le gambe di Santa, a compasso, vi si pose al centro, poi, preso il grosso serpentone in mano ne guidò l’enorme testa verso la vulva, che pur grondante umori palpitava di desiderio ma anche di paura. Quando il glande arrivò a contatto con le labbra schiuse della passera, mia moglie ebbe un gemito d’apprensione. La voce dell’uomo tremava di desiderio nel dire: ”Ohh, baby. Oh, baby. Sei fradicia, guarda come coli.”Aveva ragione, dalla fessura di Santa, colava un rivolo di bava biancastra, collosa: erano i succhi vaginali che le continue ed intense manipolazioni dell’uomo avevano stimolato, in preparazione alla penetrazione.
“ Piano, eh, fai piano. Lo voglio ma è veramente grosso.” Santa si era resa conto delle reali misure di quel cazzo.
“ Non temere sarò delicato”, la rassicurò ancora l’uomo, preparandosi alla penetrazione. Santa, cercava di agevolare la cosa aprendosi tutta, pronta ad accogliere la dura virilità che batteva imperiosa contro la vulva. L’entrata si presenta subito difficile, il grosso glande ha difficoltà ad aprirsi la via tra le labbra contratte del sesso di Santa. “ aaaaaahhhgggrrr! Fermati! È troppo grosso. Fai piano, mi stai facendo male. Aspetta un poco, mettilo dentro piano.” A far gemere mia moglie, era stata l’introduzione dell’enorme cappella, che aveva forzato alla grande le labbra vaginali. Dalla mia posizione, potevo vedere la parte del grosso glande, ancora fuori, tendere inverosimilmente le labbra della fessura di mia moglie. Stentavo a credere che quel grosso salame avrebbe trovato alloggio nella fica di Santa. Sarah, parlando delle misure del marito, aveva accennato a qualcosa come 12 pollici di lunghezza per un diametro di 2 e 3/4: un’enormità, a mio giudizio.

“Calma, baby, rilassati, non ostacolarmi, cerca di agevolare l’entrata. Non contrarti, vedrai che scivolerà dentro come burro.” Joey, cercava in tutti i modi di tranquillizzare mia moglie, pure continuando a spingersi in lei.  Il grosso pene la forzava però, dolorosamente, strappandole gemiti e sospiri di sofferenza. “Uaauuff! Ce l’hai veramente troppo grosso, mi pare di aprirmi in due. Spingi piano; ti prego, così mi sventri.”Il gemito di santa, aveva accompagnato, la totale entrata, in vagina del glande del nero.
“ Ti stai eccitando?Brutto porcone ” Mi sussurrò all’orecchio Sarah. Aveva notato l’impennata improvvisa del mio cazzo. A posteriori devo dire che chiamare cazzo i miei 18 centimetri, in quella sede era ridicolo, perché il meno dotato era Robert con ben 9 pollici inglesi di uccello. Sarah, aveva ragione, il vedere la vulva di Santa, deformata dall’introduzione di quell’affare, mi eccitava da matti.
“ Te la sta aprendo bene, eh, il mio bravo maritino. Dopo che è passato lui, c’è il vuoto. L’avrà slargata talmente tanto, che il tuo non lo sentirà neanche più.” , continuò la creola ridendo. Intanto, l’incredibile stava accadendo. Tra un gemito di dolore, un rantolo di piacere, uno schizzo di ciprigno, molto abbondante, aiutato dalle contorsioni che Santa, faceva per agevolarne l’avanzata. Il nero palo di carne stava scomparendo lentamente nella pancia di mia moglie. Non saprei dire quanto tempo ci volle ma alla fine, Joey, mise tutto il suo fottutissimo cazzone dentro la fica di Santa. Lo mise proprio tutto, fino a posare i grossi testicoli sul buco del suo culo, che a gambe spalancatissime, gemeva nello sforzo di contenerlo tutto. “Piano! Fermo! Stai fermo, non muoverlo, per amor di Dio. Dammi il tempo di adattarmi alle tue misure. Me lo sento nello stomaco, mi sembra mi ci abbiano infilato una bottiglia nella fica.” L’uomo, obbedendo alla preghiera di lei, si bloccò sfilando un poco del serpentone dalla vagina di mia moglie, lasciandone dentro poco più della metà. Dopo un poco di tempo, la vagina parve ammorbidirsi adattandosi, stirandosi ed allargandosi, alle dimensioni dell’ingombrante visitatore.
Prima delle parole, fu il lento movimento dei fianchi di lei, a far capire a far capire all’uomo che era giunto il momento tanto atteso, poteva iniziare il lento movimento dell’amore. Seguendo quanto gli stava dicendo mia moglie, spinse in avanti i fianchi, immergendo nuovamente, nelle profondità più remote della vagina, il colossale glande.
“Aaaaaggggggrrrrrruuoo! Non così in fondo!”, rantolò, Santa. “ Così mi cacci l’utero in gola”.  Joey, aveva iniziato a muoversi molto lentamente dentro e fuori, ad ogni affondo i gemiti di dolore di mia moglie si tramutavano in gemiti di piacere. In quel momento mi resi conto che una donna può prendere nella fica un cazzo di qualsiasi dimensione, tutto sta nella preparazione e nella buona lubrificazione delle pareti vaginali. Il nero, aveva ripreso a muoversi lentamente, dentro e fuori. Ad ogni affondo, il pene trascinava le labbra della vulva all’interno della vagina, strappando un gemito di dolore a Santa, ogni volta che il glande batteva contro la cervice.

Quando il grosso cazzo risaliva dalle profondità dell’utero, pareva che le piccole labbra della vagina non volessero più lasciarlo, continuando a tenerlo stretto ed estendendosi per seguirlo nella corsa d’uscita. Ben presto il lento movimento dell’andirivieni, ora che la vagina si era adattata alle misure del pene, si tramutò in ritmo a spinte lente ma profonde. Il pene quasi usciva completamente dalla fica di Santa, per poi tornare a precipitarsi in profondità fino a battere contro il muso di tinca dell’utero. Pur provando dolore, almeno a giudicare dai gemiti che mia moglie emetteva, i suoi fianchi risalivano decisi ad incontrare quelli di Joey. Il movimento ormai regolare della chiavata, andava aumentando, segno evidente che ormai nessun ostacolo poteva bloccare la logica conclusione.
Il vedere l’abbandono totale, da parte di mia moglie, a quell’amplesso che la sconvolgeva, fece suonare in me un campanello dall’arme. Pur essendo in bambola per gli spinelli e le libagioni, mi ricordai che mia moglie non faceva più uso della pillola contraccettiva, di conseguenza non era protetta contro una gravidanza indesiderata. “ei, Joey!”, mi trovai a dire, gemendo: ” vedi di stare attento a non sborrare dentro la fica perché non sta usando nulla e potresti metterla incinta.”. L’uomo si fermò, poi girando il volto nella mia direzione disse: ” Ok, uomo bianco, non dubitare, non farò nulla che Santa non voglia, non la lascerò pregna.”Subito riprese a pompare con energia la fica di mia moglie. Dall’espressione del volto e dai grugniti  doveva trarre sensazioni favolose dalla vagina di Santa, tanto che passò le sue manone sotto le natiche contratte di lei, tirandosela ben contro l’inguine, così da spingere più in profondità possibile il proprio pene. Tutti presi, com’eravamo, dall’esibizione, di Santa e Joey, c’eravamo dimenticati della coppia, Pamela, George, ancora impegnati in una lenta gustosa chiavata. La voce di Pamela che incitava George, fece sì che tutti, voltassimo la testa nella direzione del divano dove stavano coricati.
“Ooooooooohh!Così, pompami così, George. Dammene ancora tanto! Tutto! Colpisci forte e duro che sto godendo. Godo! Godo!” strillò Pamela. Le fece eco, George.” Aaaaaaaah! Cosììììì! Godo! Pamela, godo!Ti riempio!” Quello dell’uomo era un rantolo, un gemito liberatorio.
“ Sì, godi, ma stai attento a non godermi dentro, ” gli ricordò ancora lei con preoccupazione.
“ Ecco…. Ecco, ci sono! Sto per venire! Aaaaaaaaaahhh che fica, che fica! Sborro, sborrooooooo, Pamelaaaaaaa!” l’uomo strillò il suo piacere mentre dava l’ultimo affondo di cazzo nella vulva, restando poi saldamente immerso, immobile, fino a svuotarsi completamente nella vagina di Pamela.
“Oh, nò! Merda! Tiralo fuori, brutto stronzo!” gridò preoccupata lei continuando subito dopo, ” Merda!Merda.! Mi sei venuto dentro!”. George la teneva stretta a se. Pamela, ansimante dalla fatica amorosa, non riusciva a muoversi, aveva le guance di fuoco e lo sguardo da incenerire mentre diceva: “ Stronzo! Sei uno stronzo di merda. Sono fritta, hai sborrato dentro, come un bambinetto stupido. Che cosa credi che abbia voglia di restare incinta?E lasciami andare che almeno vado a levarmi via la tua schifezza: ” con un forte strattone riuscì a liberarsi, almeno dall'abbraccio dell’uomo. Quella sua postura faceva sì che, Sarah ed io, non perdessimo nulla delle immersioni e delle risalite, dalle profondità vaginali del supersalsicciotto nero.
                                                 (34)



  La mia attenzione dalla coppia fu, ancora una volta, distolta dalle calde labbra di Sarah. Che stanca di succhiare il cazzo del sottoscritto, aveva pensato di passare a qualcosa di più concreto. Con amore srotolò sul glande, paonazzo, un preservativo.”. Non credi sia venuto il momento di darci dentro anche noi?” miagolò la creola. Con gentilezza mi spinse di spalle sul divano, poi, con tutta calma, si mise cavalcioni come un’amazzone. Con la mano impugnò il pene per guidarlo nella giusta posizione davanti alla vulva, infine, lentamente s’impalò, calandosi sull’asta. La piacevole sensazione, provocatami dalla fica di Sarah, che con il lento movimento di salire e scendere mi permettevano di sentire, con il cazzo, la più piccola piaga della vagina. Il piacere era ancor più accentuato dalla sconvolgente vista del grosso cazzo nero che scanalava, ormai in tutta la sua lunghezza e senza riserva alcuna, la fica devastata di Santa.         Mia moglie s’inarcava per meglio farsi penetrare dall’anomalo palo di carne, gemendo ad ogni affondo feroce dato dal nero, gemiti non più di dolore ma solo di piacere.”Aaaaaaaaahhhh! Oooooooooooohhhhhh! Iiiiiiaaahhhgggg!. Dio, come ti sento! Dio mio! Joey, mi stai spingendo l’utero in gola. Sei grosso, sei tanto, sei la fine del mondo. Mi fai morire”. Le esclamazioni di piacere, lanciate da Santa m’indispettivano ed eccitavano allo stesso tempo, tanto da ricercare ancor più il contatto intimo nella profondità della vagina di Sara,h che contorcendosi, gemeva di piacere coprendo addirittura i versi di mia moglie.
Joey, pistonava la fica di Santa, con spinte sempre più potenti, tali che ad ogni imbastita, lei, si sollevava di una spanna dal divano. “Oooh, baby! Oohh, baby! Mi stai succhiando con la tua meravigliosa pussy”: L’esclamazione del nero, dava l’idea di quanto stesse godendo.
Eccitatissimo da tutto quell’agitarsi, e stanco della cavalcata di Sarah, la forzai supina sul divano, poi, postomi tra le sue magnifiche cosce, rituffai il glande nelle profondità della vagina, seguendo il ritmo che stava mantenendo Joey. Il nero era ormai nella dirittura d’arrivo. Vedevo le sue chiappe muscolose, contrarsi e tremare ad ogni affondo, segno inconfondibile che l’orgasmo era prossimo, a conferma dei miei sospetti, si levò la voce dell’uomo.”Ooh! mia piccola italiana , sto per godere, mi vuoi?” chiese rantolando e continuando pompare la fica di Santa con moto lento e profondo.
Mia moglie gridò forte, gli si avvinghiò contro, e quando lui spinse nuovamente, gemette: ”Ah, buon Dio, vengo, vengo. Colpisci, colpisci forte, spingi senza timore, ma per l’amor del cielo non uscire adesso, è troppo bello. Troppo bello sentirti dentro, per favore, per favore resta. Riempimi tutta con il tuo cazzone. Sto venendo ancora. Schizzami dentro il tuo piacere. Santa, singhiozzava, mugolando, e boccheggiando per il troppo piacere.
Sotto di me, Sarah, rispondeva con ardore alle mie spinte, diventate rabbiose ed energiche, a differenza di quanto stava facendo suo marito, che ora spingeva tutto dentro e tutto fuori, fin quasi ad uscire dalla vagina di Santa, il suo enorme pene. Dalla vulva di mia moglie colavano a rivoli gli umori della vagina, ogni qualvolta il sacchetto dello scroto batteva contro il foro del piccolo ano contratto nello spasimo, lei miagolava: ”Ancora!vengo ancora. Ah! Cesare guardami. Guarda. Come, il cazzo d’joey, mi sconvolge. E’ troppo, troppo. Strizzami le tette Joey, strapazzamele, fammi male. Vieni! Vieni anche tu. Non, cela faccio più. Ti prego, vieni, schizzami tutta .”
                                                 (35)

L’incredibile avvenne, il nero, in pieno orgasmo, diede due, tre spinte che sollevarono Santa dal divano, impalandola totalmente e restando infisso in lei profondamente. Con gusto roteava i fianchi sobbalzando e fremendo alle contrazioni della vagina di mia moglie, che pareva voler risucchiare, in lei, non solo il pene ma l’uomo stesso. Il gemito di Santa fece quasi paura, se non avessi saputo che era di puro piacere.”Oddio, Dio!Dio!Dio mio! Muoio, ti sento, ti sento tuttooooo. Ah, sì, adesso! Sborra adesso. Cosiiii…lo sento…. adesso lo sento, Dio come schizza, mi riempie tutta , com’è caldo. Come vibra il tuo cazzo. Questo sì che è un cazzo!Questo, mi uccide, impastami le tette così. Vengo di nuovo. Mio Dio, ma quanta ne fai? Continua, continua, ti prego, resterò certamente pregna ma non ti fermare.”. Ero sconvolto dall’incoscienza di mia moglie, ma ancor di più mi distruggeva vedere il nero corpo di Joey  sobbalzare mentre l’orgasmo lo travolgeva. Vedevo le chiappe, muscolose contrarsi ad ogni emissione di sperma, che dal suo uccello si riversava nell’utero assetato di Santa. Pensai che quell’idiota non si era tirato via, sborrando tranquillamente dentro la vagina di mia moglie. Il corpo ancora scosso dalle ondate di piacere, dell’uomo, si modellò a quello di mia moglie, restandovi coricato sopra immobile. Dopo quanto, non saprei dirlo, ma, il serpentone nero, perse finalmente la sua rigidità: iniziando così un lento ritiro dalla vagina di Santa, un movimento, simile a quello bavoso dei lumaconi che lasciano una scia umida al loro passare. Infine, quando quel tappo di carne, liberò, completamente, la vagina, della mia, cara mogliettina. L’apertura, della vulva, appariva, gonfia e dilatata, a dimostrazione di come, il grosso sesso del nero, l’avesse forzata. Subito, dalla fessura ormai libera, prese a colare una bava biancastra con grossi grumi giallastri. L’utero, stracolmo di Santa, rigurgitava di sperma lasciandolo colare fuori, fino all’ano, per formare, poi, una pozza tra le natiche ed i cuscini del divano. Il grosso pene, ancora gocciolante sperma ed umido d’umori vaginali sobbalzava ancora di piacere. Stavo immobile. Avevo smesso di dimenarmi nella vagina di Sarah, per guardare quello spettacolo.
Joey, nel frattempo, baciava il volto di Santa, in modo osceno. Alternava lunghe, sensuali, leccate alla gola ed ai seni. La rabbia, la gelosia: montarono in cattedra nel mio io. Ero avvilito dal comportamento dei due. Fu quella miscela a suggerirmi di ripagare in eguale maniera, non proprio signorili, i miei ospiti. Ripresi con più vigore a spingere, il pene, nella fica bramosa di Sarah. Avrei voluto penetrarla con tutto me stesso. La creola parve apprezzare molto il mio comportamento, riprese a dimenarsi e mugolare sbuffando. “Ooooooohhh, mio ammmoreeee. Ohhhhhhhhh mio caro, fottimi! Fottimi così duro e profondo. Cacciami il tuo uccello nello stomaco”. Sarah, muoveva i fianchi come volesse inghiottirmi con la fica. Decisi in quel momento, di sfilarmi rapidamente dall’accogliente vagina, ed altrettanto rapidamente di liberarmi dell’odiato “condom”che ricopriva il pene, ed immergermi nuovamente nella fica. Fui tanto rapido che Sarah, pensò che un movimento maldestro mi avesse fatto uscire da lei.”Nooo! Rimettilo dentro, perché sei uscito? Rimettilo dentro, presto” L’accontentai immediatamente, presi a colpirla con spinte profonde ed energiche, come aveva chiesto. Poi, sentii la marea salire dai lombi, con sempre più forza, richiedendo una maggior velocità, di movimento. Diedi gli ultimi affondi, con tale rabbia, che avvertii, il glande battere contro la cervice. Rimasi così piantato nella parte più profonda della vagina di Sarah, godendo beatamente delle contrazioni che mi trasmetteva, i muscoli vaginali massaggiavano la punta del pene come una boccuccia, e finalmente con un sussulto liberatorio, dal glande partì la prima bordata di sperma che andò a colpire la bocca dell’utero, e poi, via, via seguirono le altre.
  
Ne feci un litro, o almeno così mi parve. Pareva non finissi mai di eiaculare. La prostata continuava a contrarsi, in modo doloroso, espellendo liquido spermatico, infine, mentre Sarah, strillava il suo orgasmo, io, crollai esausto su di lei.
“Uuuuaaauuuuu!Oh mio Dio! Mio Dio! Fantastico, sei fantastico. Sto colando come una fontana. Ti ho sentito godere in me con forza. Dio mio che meraviglia, se non avessi ricoperto io stessa il tuo fuciletto con un condom, direi che non ti fossi protetto. Senti come sei ancora duro. Grande, l’ho detto quello che ti manca in misure lo ho in resistenza.”. Le parole di Sarah, mi riportarono alla realtà. Non so se a causa degli spinelli o che altro, avevo ancora l’uccello in pieno tiro, duro come una spranga di ferro, ancora saldamente piantato nella bollente vagina della creola, che contraendosi pigramente attorno al pene, mi succhiava fuori le ultime stille di sperma, non si era accorta di nulla. Ero stato proprio bravo, non aveva capito di avere l’utero colmo di sperma, e che quel poco che vedeva, altro non erano che una o due misere gocce strizzate sulle grandi labbra. In quel momento gioii felice convinto d’averla ingravidata. Quando, Sarah, mi chiese dove avessi messo il condom, però, successe il casino. Sussurrando, per non farsi sentire dal marito, “ che cosa ne hai fatto del condom? Fammi vedere.” Le consegnai l’involucro di lattice , vuoto. Presa dal panico mi disse che ero un’idiota,”Merda! È sperma quello che sta colando fuori, che cazzo volevi fare. Se lo dico ad Joey ti ammazza di botte. Lascia che vada a lavarmi. Non capivo cosa avesse da lamentarsi, forse che suo marito non aveva lasciato il suo seme nell’utero fecondo di mia moglie?ritenevo che fossimo pari. Attorno a noi, il festino continuava. Le coppie si erano miscelate, Santa, ora stava baciando Robert, mentre Gorge lappava a lingua larga, la fica, ormai tornata vogliosa, di mia moglie. Joey si era buttato su Pamela, mentre, Sarah, era stata abbrancata da Artur, che l’aveva intercettata mentre tornava dal bagno. Io, mi trovai ad essere aggredito, è il caso di dire, da Ester e Carole. La quarantenne, pareva avesse una carica erotica inesauribile: mi cacciò la lingua in gola in un bacio sconvolgente, mi stava aspirando l’anima, mentre la sua mano si sbizzarriva in ghirigori eccitanti, sul mio corpo. Carole, ripresasi dall’incazzatura avuta con Gorge, stava massaggiandomi i piedi con una capacità incredibile, salendo lungo la linea dei polpacci, delle ginocchia, su, su fino all’inguine, Joey e Pamela, erano impegnati in un sessantanove acrobatico. Santa: mignotta, in quel momento, stava facendo un pompino, a Robert, mentre Gorge si sollazzava con la sua fica, succhiandone golosamente il clitoride. Sarah, più tranquillamente, stava giocando con il lungo e grosso pene d’Artur. “Questo, è più lungo e più grosso di quello del mio Joey.”. Stava dicendo la donna, mentre giocava con il grosso cazzo del nero. La bocca di Carole, s’era impossessata del mio membro aspirandolo profondamente, fino a toccare l’ugola. Per tutta risposta, inarcai il corpo cercando di cacciarglielo ancora più in profondità. Ester, vista la mia disponibilità, pensò bene di farsi mangiare la fica: quasi mi soffocò, quando fattomi sdraiare supino mi sbatté la sua passerona sulla bocca. Santa, ma quale, Santa? Era impegnata a farsi trombare da Robert, mentre Gorge aveva preso il suo posto tra le sue labbra. Pure le mie due donne si alternavano, ora era Ester, ad avere il mio pene in gola mentre la vulva che mi soffocava era quella di Carole. Sarah, stava portando, il povero, Artur all’orgasmo.”Oh, merda! Oh, troia, mi stai facendo sborrare come un ragazzino, merda! Merda!” ringhiò mentre crollava sulla donna che continuava a muovere i fianchi per prosciugargli ogni residuo di seme dall’uccello. Quando fu in grado di sfilarsi dalla sua vagina, il profilattico era stracolmo di sperma. “ Vedi che faccio bene a farti mettere il condom.”. Disse Sarah, rivolta all’uomo stravolto.
                                              (37)


“ Non restiamo qua, ” suggerì Ester, “andiamo in una camera, saremo più comodi ed il nostro amico non soffrirà più, nel vedere la moglie fottuta dai nostri uomini.”. Detto questo, mi prese per mano e fattomi alzare mi condusse, in compagnia di Carole in una stanza da letto al piano superiore. L’ultima visione che ebbi di mia moglie, fu di lei a cavalcioni di Gorge, che cavalcava a tutta forza, mentre, Robert era tornato a mettere il suo pene in gola alla mia lei. Le stanze da letto, tutte situate al piano superiore, si aprivano su di un lungo e largo corridoio. Ester, mi fece entrare in una di quelle. Un gran letto matrimoniale, troneggiava al centro della stanza. Due porte conducevano, una al bagno ed una alla cabina armadio. Nudi, ci buttammo su quell’enorme letto. Carole, eccitatissima prese a baciarmi in bocca, mentre, la padrona di casa, ospitava il mio glande nella sua cavità orale. Godevo beatamente delle attenzioni delle due, che erano passate ad impalarsi, alternativamente sul cazzo teso ogni oltre limite. La prima a deliziare il mio pene,. Fu la fica di Ester, per prima, ad avvolgere il mio pene Aveva un modo particolare di stringere con i muscoli vaginali, il pene ma non era come quella di Sarah. Mi sentivo potente, invincibile, così non ebbi problemi a far raggiungere l’orgasmo ad Ester, che sconvolta, si abbatté di lato dicendo: ”Incredibile, mi hai fatto godere come una porca e tu niente. Ha ragione Sarah, quando dice che duri una vita.”. Poi, rivolta a Carole, ” dai, tocca a te. Prendi la tua parte.” La donna, a quel punto, manifestò tutti i suoi timori. Non se la sentiva di correre il rischio che aveva già corso con quello stronzo, George. “ Dai, non perderti questo zuccherino. Cosa vuoi che sia, tu stai sopra così sarai tu a sfilarti appena il suo fuciletto schizzerà.”. Ester, riuscì a convincere Carole, che salita a cavalcioni su di me , si diresse il glande nella vagina. Chi dice che le fiche sono tutte uguali, a mio modesto parere non ha capito nulla di fica.
Tenendo conto, delle condizioni, in cui tutto avvenne, io, posso dire che quella notte, non trovai una vagina uguale, né, orgasmi simili. Quello che provai con Carole, fu Nirvana, estasi pura. Forse, la paura che io potessi godere dentro di lei, diede alla sua vagina tali contrazioni e scatti da sconvolgermi. Credo che in misura uguale, se non maggiore, quelle sensazioni le ricevesse Carole, che, ormai senza più timore, si agitava su e giù sopra l’asta di carne, strizzandola e succhiandola con la sua magnifica fica. Presa dalla passione, si chinò in avanti e mi diede un morso. Tale fu la sorpresa, del suo gesto, che, mentre urlavo il mio dolore, diedi un tale colpo di reni da strappare l’ennesimo gemito di piacere alla donna. Mi pompò così bene che, in uno sconvolgimento totale venni. Non era mia intenzione, ma anche avessi voluto, non sarei stato in grado di avvertire Carole. Tanto e tale era il piacere che, per non perdere il contatto, attirai per i fianchi la donna schiacciandola ancor più sul cazzo, e sborrai come una fontana. Carole, non so, se per lo stesso piacere che provavo io, o, perché non si fosse resa conto che le stavo allagando l’utero, continuò a strizzarmi e mungere il pene, fino a quando non esaurii l’ultima goccia di sperma. Poi, con un gemito, si lasciò crollare, su di me. Dal corridoio, venivano rumori di movimento.”Stanno salendo anche gli altri, ” c’informò Ester. Mi appisolai. A svegliarmi, un grido di dolore.”aaaaagggggrruuuuooo.Madonna mia!! Che maleeee. Levati mi spacchi in due. Oddio! Dio!Dio! Che dolore” L’invocazione era in italiano, solo Santa potava aver lanciato quell’urlo di dolore. La voce di Carole, sussurro, calma e subdola, ”stai tranquillo, non è nulla, è solo il cazzo d’Artur che sta rompendo il culo a tua moglie.”. La sua bocca scese a tappare la mia in un bacio che bloccava qualsiasi mia rimostranza, d’altra parte, pensai, quello che stava accadendo a Santa, in parte, lo aveva voluto. Mi liberai, in ogni modo dell’abbraccio di Carole, e nudo com’ero, uscii dalla stanza dirigendomi verso la provenienza dell’invocazione di Santa.
                                                              (37)



La trovai in quella attigua, stava coricata su un letto, simile per grandezza, a quello dove io e Carole avevamo fatto l‘amore, sotto il ventre, un cuscino, in modo che le belle chiappe restassero poste ad un’altezza giusta per essere attaccate dal grosso mazzo dell’uomo. Artur, le stava, quasi totalmente, coricato sulla groppa ed aveva infilato, l’enorme massa nera, del suo uccello, nel piccolo sfintere di Santa, forzandoglielo in modo incredibile. La poverina, gemeva di dolore, contorcendosi, nel vano tentativo, di far uscire quell’enormità dal proprio culo.”. Levalo, per piacere. Così mi storpi tutta. Mi stai sfondando.” Il negraccio, incurante degli strilli e dei gemiti, che lo invitavano a smettere, stava scanalandole il culo avanti e indietro con tranquilla ferocia. Santa piagnucolava, “ Oddio, Dio, oi, oi, oi, oi, oi. Il mio povero, culo, me lo sento, slabbrato.”, gemeva, ansimando, nello sforzo di contenere il grosso, pene, piantato nell’ano Quella vista, anziché sconvolgermi, mi eccitava, godevo del tormento di mia moglie. La mia gelosia mi faceva interpretare la cosa come una punizione giusta: la troia, pensavo, non contenta di civettare, aveva portato il gioco fino all’estremo. Ebbene, ora ne pagasse le conseguenze. Artur, aveva preso a limarle il culo con decisione, strappandole vre e proprie urla di dolore. Restando sulla soglia della porta, badando a non farmi vedere, godevo di quella bestiale penetrazione. Tale era la mia attenzione che non mi resi conto della presenza d’Ester, al mio fianco, fino, quando, la sua mano non si posò sul mio pene, tornato rigido. “Vieni, lasciamoli soli”, sussurrò. Impugnato il pene, mi tirava nella stanza da letto. Le sue attenzioni mi fecero dimenticare tutto e tutti. La sua bocca, mi deliziava, con un pompino da favola. Io, le restituivo il piacere divorandole la fica. Ho detto che quella notte scoprii le differenze che ci sono tra i sessi femminili, bene, Ester, ne era la cartina tornasole. La seconda volta che volle farsi trombare, notai, essendo io meno arrapato, che aveva una gran capacità con la bocca, ma con la fica non era nulla di eccezionale. La sua vagina, era ampia, accogliente, troppo larga, tanto da non sentire le pareti vaginali, ben a contatto con il pene, una delusione. Certo, quella fica era abituata a calibri diversi ma io non riuscii a sentire nulla, impiegai una vita a venire. Quando l’orgasmo sopraggiunse, mi liberai tranquillamente in quella sua enorme vagina, del poco sperma rimastomi nei testicoli, poi, esausto, crollai, di botto, in quello che era un dormiveglia ,fatto di tonfi, gemiti di piacere, di modesta intensità, tali in ogni modo da svegliarmi .
Fu il senso di gelo che avvertivo nelle ossa a svegliarmi definitivamente. Non avevo idea di che ora fosse, da fuori non trapelava ancora la luce del giorno. La bocca, impastata dal troppo bere e fumare mi dava un sapore schifoso. Avevo bisogno di un bicchiere d’acqua e di andare in bagno. Impiegai un po’, prima di collegare tutto: la strana nottata di Halloween, gli spinelli, forse troppi. Lo strano gioco dello scambio dei partner, con Joey che si scopava mia moglie sotto i miei occhi consenzienti, che casino: e mia moglie dov’era finita? Scesi dal letto, evitando di dare disturbo alle due donne che, ancora dormivano saporitamente. . Procedendo tentoni, iniziai la ricerca dei miei vestiti, nudo  uscii nel corridoio, illuminato dalla luce delle aplique. Le porte delle stanze erano tutte aperte, chiunque, poteva vedere all’interno quanto accadeva.

(38)


Curiosai, andando porta per porta, e trovai la mia dolce metà: stava, completamente nuda, coricata sul fianco destro, la gamba sinistra, ripiegata sopra la destra, in modo tale, che mostrava completamente la fica, perfettamente rasata, dove, il grosso pene di Joey, stava ancora alloggiato. L’uomo, posto alle sue spalle, doveva averla fottuta da tergo e, a giudicare dalle tracce di sperma rappreso, che stavano attorno alle grandi labbra, dovevano essere stati parecchi gli uccelli che avevano lasciato il loro succo nella vagina di Santa.
Rabbia, gelosia, schifo. Cosa di queste cose mi fece uscire da quella casa? Non lo saprei dire. La realtà, che in quel momento, mi trovavo, il giorno dopo, Halloween, a camminare, solitario, nell’umida alba di New Orleans. Trovai un Drug aperto, feci colazione e pregai la cameriera di chiamare un taxi. Quando la vettura si fermò davanti all’ingresso dell’albergo, erano le sei. Pagai la corsa del taxi e mi precipitai nella mia stanza, dove, dopo una bella doccia mi ficcai sotto le coperte. A svegliarmi, questa volta, definitivamente, gli

insulti di mia moglie, che accompagnata dagli amici, era rientrata.
“ Allora! Mi vuoi dire cosa ti è venuto in mente? Sei venuto via senza avvisare, come un ladro. Non hai pensato a me? Non hai pensato ai nostri ospiti? Ti sei dimenticato di cos’hai fatto questa notte in casa di Artur?”. No! Cazzo, non avevo voglia di ricordare quella notte e glielo dissi: ” so di non essermi comportato bene, e te ne domando scusa. ,ma il tuo comportamento, è stato, a dir poco, indecente. Lo scoprire che, ti eri. Depilata la fica perché Joey amava le vulve imberbi delle adolescenti, mi ha sconvolto. Il vedere mia moglie, godere e farsi brutalizzare da più persone, mi ha sconvolto. Vederti concederti, senza riserva alcuna ed implorare, addirittura, che il tuo amante, godesse pienamente e liberamente in te, mi ha fatto capire che la storia andava avanti da qualche tempo. Non so più cosa pensare, Santa. Non so se sono stato abilmente manipolato anche da te, o se anche tu sei vittima. Perché, la cosa ormai è chiara, era stata preparata, e tu in tutto questo che parte hai? Sei, vittima, di una macchinazione, oppure, hai partecipato attivamente affinché la cosa riuscisse?. No, non so proprio cosa pensare”, conclusi.
Santa, camminando avanti e indietro, per calmarsi, pensò un po’, prima di rispondere.”Hai ragione, anch’io non mi sono comportata bene. Non so cosa mi sia preso, cosa vuoi che ti dica, forse la novità del momento? O forse, il sapere che tu avevi già fatto la conoscenza intima di Sarah, mi ha fatto sentire autorizzata a comportarmi in quel modo. Non fare quella faccia: l’ho sempre saputo, sin dalla prima volta. Sì, devo dirti la verità, fino ad oggi sei stato usato. Avevamo già programmato tutto ma, dopo questa notte, basta, torneremo la coppia che era. Ho capito che ti amo e non voglio perderti. Hanno detto che, Halloween, sia la notte delle streghe, bene la strega cattiva è andata via, è accaduto e basta. Perdoniamoci a vicenda, e riprendiamo dall’arrivo. Posso giurarti, e non mento, che fino all’arrivo di Joey, non ho mai fatto nulla che potesse ferirti. Poi sapendo che ti scopavi sua moglie, beh, ho pensato che non dovessi sentirmi in colpa, sarei diventata loro complice. Possiamo buttarci tutto alle spalle , oppure scannarci. Pensaci”.
Santa, rimase tranquilla aspettando in silenzio. Faceva presto, lei, ma io? io come dovevo comportarmi,io? Come potevo confessare a mia moglie che pur morendo di gelosia, tutto quello che avevamo fatto, mi era piaciuto, anche se mi aveva sconvolto.

No, non potevo. Dovevo accettare i fatti, così, come stavano. Avevo le mie colpe, meglio, molto meglio dimenticare. Strinsi Santa, in un abbraccio, che voleva trasmetterle,tutta la mia comprensione e sigillare il definitivo “oblio” di quella serata. Ci baciammo con passione, fino, a quando, il desiderio, non divenne irresistibile. Ci strappammo, letteralmente, gli abiti di dosso, sempre continuando a baciarci. Feci coricare Santa, sul comodo letto, mentre mi dichiarava tutto il suo amore, io, percorrevo, con le labbra, la linea del suo collo, delle spalle, del suo seno. Stavo succhiando un capezzolo, quando vidi una cosa che mi disturbò. Sul collo, un segno, tondo, di un viola bluastro, che, mi riportò alla notte trascorsa in casa di Artur. Quel succhiotto, sul collo, di mia moglie, pareva essere il timbro che lasciava Joey, come già aveva fatto in Italia. Dimenticare sarebbe stato molto difficile. Il desiderio d’amore di Santa, era sempre più pressante, tanto che non resistendo più, mi si mise sopra, ponendosi nel classico 69. La mia lingua trovò immediatamente, la gustosa fessura di Santa. Alla prima lappata seguì il suo gemito di dolore. Dolore? “Piano! Fai piano, mi brucia, ancora” gemette, lamentandosi. Incuriosito, guardai cosa potesse procurarle quel dolore. Da quel che vidi, capii che buttarci tutto alle spalle, sarebbe stato, veramente difficile.
Le labbra della vulva, apparivano tumefatte, gonfie, lasciavano vedere il vestibolo ampiamente dilatato dalle notevoli misure che, la poveretta, doveva, aver assorbito. L’ano, poi, appariva incredibilmente infiammato, gonfio ogni limite immaginabile e lo sfintere aveva tracce d’escoriazioni. Era facile, intuire che, JOey, e compagni, prima, di accompagnare, mia moglie in albergo, se la erano spassata con lei, facendole più volte, visita nel culo, con i propri cazzi.
Fui, tenero, come, lei mi aveva chiesto, ma troppo rude, per l’irritazione delle mucose, troppo infiammate per fare l’amore. Restammo, abbracciati, sul letto, per parecchio tempo: ognuno perso nei propri pensieri. Molto tempo, dopo, avvertì, il timido tocco, delle dita di Santa. Visto, che non la respingevo, la mano, si fece più ardita: fino ad impugnare il pene. Sentii che mia moglie si muoveva con delicatezza, come se avesse timore di svegliare il mio risentimento, poi, il piacevole contatto delle sue labbra sul glande, dapprima, molto timidamente, poi, più deciso fino trasformarsi in un favoloso pompino. Era il suo modo di, sancire una pace, forse ancora più bello del solito, perché dichiarava il suo amore. “ Amore! Ti amo come nessun altro.”, borbottò Santa, avendo la bocca piena del mio sperma.
Il giorno dopo , vedere le altre coppie , mi creò qualche problema. Fu, Joey, a risolvere la situazione, mi prese la mano e con uno smagliante sorriso disse:” non crearti problemi,ieri, era la notte di Halloween. La notte delle streghe, dei morti, del woodu. Tutto era ammesso tutto poteva accadere. Bene, è accaduto, ci sono state nuove conoscenze. Tu, hai gustato il sapore delle nostre donne: noi della tua, finito, chiuso. Oggi si deve dimenticare, fa parte del gioco, almeno fino al prossimo anno. Chi sa, cosa può accadere tra un anno.” Concluse l’uomo. Trascorremmo, quella che doveva essere l’ultima giornata a New Orleans, in compagnia dei soci di joey. La giornata, fu monotona: si parlò, o meglio, parlarono solo di viaggi, offerte e agenzie , concorrenti. Io continuai a vivere male la situazione. Mi pareva, che quegli uomini , fossero ancora, impegnati, con i loro sessi, a slargare, le mucose uterine di mia moglie. Il tormentone, finì il giorno dopo, quando all’aeroporto, ci salutammo, con la tiepida promessa di rivederci, ma era chiaro che nessuno ci credeva.
                                                  (40)


Mentre, seduto accanto al finestrino, guardavo il suolo degli Stati Uniti, scorrere, sotto le ali del 747, in volo per Malpensa, stringevo teneramente , la mano di mia moglie Pensavo che ora, forse sarei riuscito a mettere quella pazza nottata dietro le spalle e, con feroce sadismo, sperai, anche solo per un momento, che, chissà, se tra poco nel ventre di Sarah e Carole non avesse preso forma e vita , un bel bimbetto dagli occhi azzurri. Otto giorni, dopo, la notte di Halloween, io e Santa riprendemmo a fare l’amore con gran soddisfazione. L’apice, della nostra, ritrovata, gioia di vivere . Lo raggiungemmo, quando Santa, si accorse di essere incinta. Festeggiammo quell’evento con grande gioia, avevamo pianificato tutto, ed ora, finalmente, la bella notizia. L’ecografia ci rivelò il sesso del nascituro:l’avremo chiamata , Franca.
Trepidai con mia moglie, quando le prime doglie arrivarono. Ci eravamo preparati per l’evento. In sala parto le tenni amorevolmente la mano, mentre l’ostetrica le diceva cosa fare. L’emozione, della sala parto, non è paragonabile a quella del momento stesso della nascita. Franca, con il suo arrivo, mi traumatizzò. Il suo primo strillo, era un inno alla gioia, mi sentivo orgoglioso di quella mia figlia. Poi, vidi lo sguardo dell’ostetrica e mi preoccupai. “Sorpresa!” biascicò la donna. “Cosa, c’è. Qualcosa non va?”, domandai preoccupato. “NO, va tutto bene , la bambina sta benissimo, è sana come un pesce, è solo, che ha preso un po’ di sole. “ Non capii. “ come, ha preso un po’ di sole, come può essere?” ribattei ancora preoccupato, mentre Santa mi stringeva convulsamente la mano. “Ecco, cosa intendo“ Disse l’ostetrica mentre sollevava il fagottino di carne e pelle , che rosa non era, era invece di un bel colore caffelatte, con più caffè che latte con tutte le caratteristiche di quella razza. Restai, incredulo a guardare, quell’esserino, che certo, non era , mia figlia, ma di joey , o,di chi, sa altro, ma per quello ci sarebbe stato tempo per appurarlo.
Era tutto così difficile. Volevo bene a quella creatura indifesa, ma era la prova vivente della notte di baldoria che avevamo fatto, e , questo era motivo di litigate, tra Santa e me.
“Caro, Cesare, il mio amore per te, non è in discussione, e , lo sai. La notte di Halloween, eri con me, hai fatto le stesse cose che ho fatto io. Ora, se c’è un problema, questo è solo tuo. Se vuoi, la bambina è solo nostra,altrimenti ognuno per la propria strada” La decisione di mia moglie, mi convinse ad accettare quella bimba. Amavo, ed amo moltissimo Santa, per non stare accanto a lei. Questo, accadeva più di un anno fa: ora Santa , vuole che noi si abbia un figlio solo nostro, mio e suo. Preso dall’euforia, ho trascinato mia moglie sul letto. Non pareva però entusiasta, di doversi mostrare nuda, “Stanotte, caro, lo facciamo stanotte, ora c’è la bimba”, la scusa era buona ma io ero impaziente di farmi una scopata come da tempo non ne facevo. Infine, vinta la sua resistenza, l’ho scaraventata sul letto e subito le sono andato sopra. Tra una risata ed una negazione, le ho tolto le mutandine ,e, sorpresa, ho visto la sua bella fica completamente rasata. Un dubbio atroce mi coglie, a volte, ritornano. Non dirò nulla a Santa, almeno, per il momento, ma dubito fortemente che la causa sia, il prossimo arrivo di Joey in ITALIA
A me le fantasie di vedere mia moglie con un altro sono passate. Questa volta, però, se il bimbo che nascerà, dovesse avere la pelle nera, lascerei definitivamente mia moglie.
      Cesare, un marito furbo, o, come credo: un povero pirla, usato?.
Gui24marzo



















.
Non so come iniziare, non so neanche cosa dire: e come dirlo. Quello di cui sono certo, è che mi trovo in un gran casino, ma proprio grosso da non sapere che cosa fare.
Ma andiamo per ordine, altrimenti anche Voi come me non ci capirete nulla. Mi chiamo Cesare e sono, un semplice idraulico.
E' la prima volta che scrivo alla redazione di una rivista. Lo faccio con la Vostra perché ho avuto modo di leggere alcune pubblicazioni con lettere che, a seconda dei casi apparivano divertenti ed eccitanti. La mia storia non so se può essere definita comica od interessante ma certamente si può dire che è molto, molto incasinata.
Quello che ho scritto l’ho fatto nei momenti di riposo con il piccolo computer che ho nella mia officina. La storia, tutta, dimostra che un uomo semplice può essere preso per i fondelli da una donna astuta che approfitta della ingenuità del maschio innamorato.
Ho conosciuto mia moglie, Santa, ad una festa in casa di comuni amici. Dove ero stato trascinato quasi a forza. Uscivo, fresco, da una storia, finita male, ero stato scaricato dalla mia compagna per un tipo più interessante (almeno cosi diceva la tipa che mi aveva mollato.) Stavo appunto rimettendo insieme i cocci del mio amor proprio quando avevo avuto l'invito da parte del mio amico "Forza, "aveva detto non puoi stare a piangerti addosso devi reagire. Non mi sentivo certo in vena di frequentare persone che avevano solo voglia di divertirsi, ma il mio amico Ignazio , tanto fece, tanto disse che riuscì a convincermi. Cosi, eccomi a fare da tappezzeria, con un bicchiere in mano. La ragazza, come me, stava per le sue. Tutta intenta a guardare fuori della finestra non dava confidenza a nessuno. Non ricordo, come io, sia riuscito ad avere la sua attenzione, so, solo che mi trovai a chiacchierare con quell’angelo dai capelli corvini e con due meravigliosi laghi turchesi come occhi. Tutto iniziò cosi. Un anno dopo ero sposato con Santa, una siciliana tutto pepe di 28 anni. Lavora, come operatrice turistica, in una grand’agenzia, e, spesso é in viaggio per mettere in contatto altri operatori ed accertarsi, che i villaggi turistici offrono veramente ciò che prometto. Questo suo girovagare per il mondo sollecita la mia gelosia. Lei ne ride e mi sfotte inventandosi qualche aneddoto piccante, quanto ci sia di fantasia e quanto ci sia di reale nei suoi racconti non mi è dato sapere. E' però vero che nonostante la mia gelosia, sentire Santa, descrivere situazioni strane tipo quella accadutale nell'ascensore di un grande albergo. Un tipo le ha, fatto, delle proposte, prima verbalmente, poi, visto che nell'ascensore erano solo loro due, ha allungato una mano in modo sfacciato fino a posarla sul suo splendido fondo schiena. Alle rimostranze della mia lei, ovvero di smettere immediatamente i toccamenti, il tipo, solo aveva tolto la mano, ma cingendola per la vita con un braccio l'aveva attirata a se baciandola appassionatamente mentre la mano libera viaggiava speditamente sotto la minigonna, che lei indossa magnificamente per valorizzare le sue bellissime gambe: Santa, confessò che se inizialmente aveva contrastato l'operazione dell'uomo, poi si era lasciata andare, rispondendo al caldo bacio e schiudendo nello stesso tempo leggermente le cosce per agevolare la mano invadente che, rapida s'era insinuata decisa sotto il cavallo del tanga brasiliano di mia moglie. Quel suo racconto mi fece salire il sangue alla testa ma nello stesso tempo mi aveva eccitato a tal punto, che mentre insultavo Santa, dandole della troia, le strappavo la camicetta e la gonna lasciandola in reggiseno, mutandine, calze e reggicalze. Gli odiati, collant, sono l'unico, indumento, che le ho proibito d'indossare. La mia rabbia era tale che la forzai sul letto slargandole con forza le gambe strappandole via quel suo microscopico tanga, infine, postomi tra le burrose cosce la penetrai senza delicatezza nella vagina ancora asciutta.Non sono un super dotato, diciamo sui 18 centimetri, non mi lamento perché le donne che ho avuto: poche per la verità, sono rimaste soddisfatte.L'entrare a secco nella fica di mia moglie le procurò dolore."Esci!Mi stai facendo male.Bestia!!"Gemette, Santa, mentre la pompavo con vigore. Non passò molto, che la sua splendida vagina iniziò a pulsare di piacere lubrificandosi in una maniera indecente lasciando fuoriuscire il dolce miele mungendomi il pene con strette voluttuose fino a farmi raggiungere l'orgasmo. Venni urlando il suo nome con rabbia mentre lei s’inarcava sollevando in alto le gambe per meglio assorbirmi.Sparai una bordata di sperma talmente violenta che se non fosse stata protetta dalla pillola Santa sarebbe stata fecondata in quel momento."AAAAUUUFFFFFF!"si rilassò dopo essersi ripresa, i capelli arruffati, lo sguardo torbido, la lingua impastata: dicevano che aveva goduto come voleva lei.Mia moglie, Santa lo era solo di nome.La mia bellissima moglie raccoglieva nel suo metro e sessanta d’altezza per cinquantatré chilogrammi di peso, tutta la forza dell'Etna,e come quel vulcano eruttava tutta la sua libido.Nell'orgasmo agitava la sua folta capigliatura nera a destra e sinistra ,il volto, di un ovale dal colore ambrato si trasfigurava mentre gli occhi assassini di color cobalto mostravano il bianco del bulbo.Dio, come amo questa donna.Per Santa non ci sono tabù, in letto da e chiede tutto.Gli amici, tutti, mi dicono che è una gran fica.Io ne sono orgoglioso. Spesso le domando cosa l'attrae di me, lei candida risponde: "Un metroottanta per 85 chili, due occhi azzurri, capelli biondi, peloso come un orso che mi tiene tanto caldo d'inverno, ecco quello che mi ha fatto perdere la testa, per buon peso, poi, sei pure idraulico e oggi trovarne uno è un vero affare". Cosi mi risponde ridendo quando le pongo la domanda. Lei asserisce di amarmi follemente e che la mia gelosia la rende felice ma nello stesso tempo l’umilia."Amo solo te. Non hai motivo di dubitare di me,. Non hai fiducia in me. Io, non potrei mai tradirti". Lo dice per tranquillizzarmi ma riesce solo a confondermi.Quando la conobbi, vergine non lo era più da qualche tempo.Veniva da una storia con un collega di lavoro.Certo avrei voluto essere il primo ma pazienza.Non potevo certo pretendere di trovarla vergine e disinibita allo stesso tempo per di più bella com'era.Di lei adoro tutto, anche la sua mania di farmi apprendere le lingue: si era fissata con l'Inglese."Se non proprio impararla, almeno arrangiarsi un poco, no?".Accettai per farla contenta.Fu al ritorno da uno dei suoi viaggi che mi parlò di una coppia conosciuta ad un mitin in Roma."Favoloooosaaaa", cinguettò felice."Sono americani, di religione ebraica, mi hanno talmente colpita che li ho invitati a casa nostra ."Avevo lasciato che fosse Santa ad andare all'aeroporto a ricevere i suoi amici, circa dieci giorni dopo, mentre io restavo a casa per preparare aperitivi e stuzzichini. Ero pronto, quando suonarono alla porta, gli aperitivi erano pronti. Pronto non ero io. Aprendo la porta d'ingresso mi trovai davanti un armadio d’uomo, alto più di due metri, con delle pale al posto delle mani che quasi stritolarono la mia quando la strinse presentandosi" Salve, sono Aaron", disse in inglese l'armadio scuotendomi tutto il braccio energicamente. Impiegai un poco a riprendermi dalla sorpresa, perché quel gigante era nero come il carbone. Mi resi conto anche che non capivo molto di quello che diceva perché parlava in slang. Capii solo che l'apparizione, favolosa, alle sue spalle,era sua moglie Sarah.Una creola di un metro e ottanta, inguainata in un’aderentissima mini vestito che scopriva più che coprire." Hallo, io sono Sarah": la fata aveva una voce calda ,sensuale ,bellissima!Era tutta bellissima, capelli crespi,occhi neri come la notte:Uno sguardo di fuoco che ti va diritto al cuore sconvolgendoti l'anima: la mano che mi porgeva era affusolata con unghie ben curate,talmente morbida che pareva carezzarti nel toccarti. "Biondo, occhi azzurri.Proprio come piacciono a me,"cinguetto l'apparizione.Dopo le presentazioni ed un aperitivo ci recammo al ristorante. Tutta l'attenzione del locale
Era per la coppia,Sarah,Aaron.Fu una serata piacevole trascorsa in allegria con compagni di gran simpatia. Il giorno dopo, la mia cara mogliettina, accompagnò il suo, collega, trentasettenne, in un giro d’agenzie turistiche alle quali era interessato:sì perché Aaron era socio di un'agenzia turistica di New Orleans ed approfittava dell'invito di Santa per prendere contatti su possibili lavori. Ero un poco preoccupato, avevo visto quanto successo aveva avuto il colosso nero la sera prima,avevo anche notato l'interesse che attirava su Santa:come potevo non essere geloso di quel Dio greco?Purtroppo tutto era già stato programmato,cosi,facendo buon viso par non sfigurare,io accompagnai la bella creola in un giro turistico della città. Fu in quella circostanza che ringraziai l'insistenza di Santa nel voler che io imparassi l’inglese differenza del marito Sarah parlava in un modo che a me restava facile comprenderla I nostri coniugi, sarebbero stati, impegnati per tutta la giornata sicché noi, Sarah ed io, andammo a pranzo, prima di salire sulle alture della città da dove si godeva uno spettacolare panorama. Stavamo comodamente seduti in macchina bevendo un digestivo e gustando la pace che quel posto isolato ci dava.La città si estendeva sotto di noi con tutto il caos del traffico pomeridiano"Mi piace il maschio italiano".Era stato solo un sussurro,quasi che stesse parlando a se stessa,la sua mano poggiata con indifferenza sul mio ginocchio.La guardai sorpreso del suo comportamento:Ebbi timore di aver capito male.



Per paura di essere frainteso, domandai a Sarah di ripetere."Mi piaci! Mi piace il temperamento latino."Mentre ripeteva lentamente per meglio farmi capire, Sarah, si accostò maggiormente.I suoi occhi catturarono i miei annullando completamente la mia volontà.La sua lingua, rossa come il peccato, si muoveva lentamente umettando le labbra.Non c'era possibilità di equivocare sulle sue intenzioni.Un momento dopo la sua bocca calava rapace sulla mia.Resistere non era facile e neanche lo volevo.Fu un bacio pieno di passione che m’infiammò i sensi.Infine, le nostre bocche, trovarono la forza di separarsi, io ero già totalmente in suo potere."Baciami, mio, piccolo italiano. Baciami! Baciami tutta!. Ti voglio!. Entra, in me. ti prego!!". Il suo era un lamento d'amore. “Fammi vedere il tuo gallo. E’ vero che voi latini non siete circoncisi?", chiese, civetta. A cazzo nudo, e con un’erezione da cervo, guardavo quella meravigliosa creola, che si esibiva in un incredibile strip integrale. Nuda, ansante, lo sguardo torbido dal desiderio, Sarah, mi si buttò letteralmente addosso. Impugnò con decisione, il pene, muovendo la sua manina con spasmodica lentezza."Bello!Piccolo ma bello!!"ansimava.Le sue labbra, vorac,i parevano indecise se consumare le mie oppure, impadronirsi del pene, ormai prossimo ad esplodere.Con un ultimo barlume di ragione cercai di fermare quella piacevole tortura.
"Non possiamo farlo. Io, ho moglie, tu marito. Pensa, se vengono a saperlo. Santa, mi, caccerebbe di casa, per non parlare di tuo marito. " Gemetti ormai vinto dalla dolcezza della sua bocca.
"Non c'è problema, non ti preoccupare.Non ne saprà niente nessuno.Non sarò certo io a dire quello che stiamo facendo. Quanto ad Aaron non aver timore, se anche viene a saperlo, penso, non farebbe proprio nulla. Noi siamo una coppia moderna, aperta a nuove esperienze Il nostro amore, è così forte, che non è messo in discussione da un piccolo capriccio."Non ci volle altro per convincermi.Risposi con calore ai suoi abbracci, ai suoi toccamenti, ai suoi baci."Oh, darlin, prendimi.Non resisto più.Metti un coso e penetra la mia pussy. Cacciami dentro il tuo bell'affare."Miagolò stringendomisi tutta contro.
Frastornato balbettai: "Cosa?...che.. cosa.. devo prendere?Un coso?Un coso…. cosa?", farfugliai stranito.
"Come cosa?Un condom, no!che altrro!!"Eslamò rabbiosa Sarah.
Un condom?Un fottutissimo, un volgarissimo goldone!!. Cazzo! Dove lo trovavo un goldone, di merda, sulle alture della città?"Non l’ho un condom", gemetti frustrato."Non uso circolare con i preservativi nella tasca.Non sono avvezzo ad avere avventure.Non immaginavo certamente, neanche sognavo, quello che sta accadendo qui.
"NO!NOO!!. Non può essere!!. Il più imbranato, dei ragazzini, in America, ha in tasca uno stupidissimo condom: "Urlò esasperata, Sarah.
"Non devi preoccuparti.Con me non corri nessun pericolo.Sono sano come un pesce."Cercavo di tranquillizzarla mentre la forzavo sul sedile reclinato dell'auto. Ero arrivato, ad un tale grado, d’eccitazione, che, fermarmi, era impossibile. Le mie mani presero a percorrere quel favoloso corpo spogliandolo completamente: vero è che c'era poco da togliere.Aspirati dalla mia bocca e titillati dalla mia lingua, i grossi capezzoli della creola s’indurivano allungandosi nell'eccitazione. Con la lingua segui i contorni di quel corpo ambrato: giù, giù fino all'inguine, che, con somma sorpresa, trovai completamente glabro. Era la prima volta che vedevo una fica totalmente depilata. L'impatto non fu, dei migliori. Io ho sempre sbavato per quelle belle patatone nostrane con tanto pelo, ancora meglio se il vello è corvino come quello di Santa.Davanti a quella vulva, nuda come quella di una bambina, rimasi imbarazzato.
"che cosa aspetti?leccami!. Metti la tua lingua sul mio fiore, spicciati.Non hai mai visto una pussy delicatamente depilata?Oh, merda!, ficca quella tua linguaccia nel solco caldo della mia passera e fammi
godere!", m'incitò impaziente Sarah.
Come un affamato mi buttai sul prelibato boccone. Quale delizia. Un sapore di frutto marino. Dopo l’iniziale sorpresa e lieve repulsione gustai appieno quella fica eccitata che colava umori in modo incredibile. Lappai fino a quando Sarah, sconvolta dal piacere, si abbandonò totalmente. Approffittando del momento favorevole, con estrema attenzione, mi posi tra le sue cosce completamente spalancate. Tenevo il pene saldamente in pugno per meglio guidarlo tra le vermiglie valve di quella fica oscenamente offerta.Il glande si aprì la strada penetrando nella vagina schiumosa d'umori.
"Ooohh, yes", gemette, mentre sprofondavo in lei fino ai coglioni.Avevo appena iniziato un lento dentro fuori che Sarah si divincolò dal mio abbraccio."Nò!!, No!NOOOOO!!"Il suo grido, unito ai pugni che mi vibrava contro il petto, mi colse di sorpresa."Esci!Esci!Non puoi restare dentro se prima non hai messo un condom", strillò continuando a contorcersi facendo sì che il pene scivolasse fuori di quel piacevole astuccio, subito fui investito dalle sue parole.
"Non ti azzardare mai più di mettere quel tuo cazzetto dentro la mia succosa pussy.Aaron, non ha nulla da ridire se io voglio togliermi un piccolo capriccio con un uomo. Posso anche scoparmelo, se questo mi fa piacere, ma devo essere discreta e prendere tutte le precauzioni possibili per non restare pregna.Il mio uomo non vuole che usi nessun tipo di contraccettivo perché, quando lui lo deciderà, dovrò essere pronta per essere fecondata dal suo seme, e non da quello di un qualsiasi altro amante.La stessa regola vale per lui.Può fottersi chi vuole ma deve stare attento a non lasciare in giro dei figli.Ora conosci il motivo perché devi usare il condom."
Ero senza parole. Stavo lì come un idiota, una mano sulle sue tette, l'altra a ravanarle la fica con Sarah che gemeva e si contorceva sotto quel massaggio.
"Aspetta. Lascia fare a me. Dentro No. Dentro non si può, ma non ti lascio a metà.”.
Le sue labbra scesero al mio inguine impadronendosi poi del glande. Mi aspirò fino alle palle facendo ruotare la lingua velocemente tuttattorno al glande mentre la sua gentile manina si muoveva su e giù lungo l'asta, gonfia, di desiderio. Quella bocca mi stava sconvolgendo. Mai avevo provato tali sensazioni, neanche con mia moglie che pure era notevole nel fare pompini, Sarah, quel giorno, lasciò, solo, che la stordissi, con un potente ditalino, fino a farle raggiungere un nuovo orgasmo, simultaneo al mio. Il piacere lo avvertii nascere dai lombi, salire prepotente, con tale forza che mi trovai con le gambe tese, i piedi puntati contro il cruscotto, gorgogliai gemendo per avvertire Sarah dell'arrivo imminente del mio succo ma tutto quello che usciva dalle mie labbra erano solo dei flebili"Sarah, oh Sarah, Saarraaaahhhh."L'ultimo strozzato singulto mentre scaricavo nella bocca vorace della creola una quantità di sperma incredibile che, senza scomporsi, trangugiò tutto fino all'ultima goccia continuando a pompare con ingordigia.Stavo impazzendo, la pregai di smettere che mi stava distruggendo il cervello tanto aspirava.Solo quando con un: "AUAGFHHH"lasciò il biberon di carne riuscii a connettere."Merda!. Ragazzo mio: il tuo fuciletto ha sparato tanta di quella roba, che quasi mi affogavo. Se avessi lasciato che tu me lo mettessi dentro, come volevi fare, mi avresti certamente impregnata di due gemelli." Mi fece notare sputando e ridendo.
Sconvolto dalle forti sensazioni che quel pompino mi aveva dato me ne stavo lì con l'uccello al vento, i calzoni abbassati alle caviglie.Sarahh, recuperate le sue microscopiche mutandine le indossò con tranquillità terminando poi di vestirsi.Fu solo in quel momento che capii quello che avevo fatto: avevo tradito mia moglie con quella gran fica, ma non era certo una giustificazione.Preso dal panico rammentai quanto aveva detto Santa una volta che avevamo toccato l'argomento corna."Se, un giorno scoprissi, per caso., che mi hai messo le corna. Ti mollerei immediatamente."Messa al corrente dei miei timori, la bella creola si dimostrò donna di carattere.
Con molta, calma, ribadì, che nulla sarebbe trapelato dalla sua bocca.”. Nel caso, improbabile, che tua moglie, dovesse sapere di quanto accaduto, qui oggi, non credo che avrebbe argomenti sufficienti per dire qualcosa a te prima che a se stessa.”. Poi, mentre finiva di aggiustarsi l'abito, aggiunse come per caso:"non ti è venuto il dubbio che magari la tua cara mogliettina, in compagnia di mio marito, non abbia girato, solo, per agenzie e tour operator?:"Con quel commento sibillino .Sarah volle che la riaccompagnassi in albergo.
L‘osservazione su Santa e Aaron, aveva acceso in me la gelosia."Che cosa vorresti dire?Che cosa intendi con quella tua osservazione?"domandai, mentre guidavo nervosamente verso il suo albergo. Sarah, mi guardò come fossi un povero scemo."Ti ho detto che noi:, Aaron ed io, siamo una coppia che non si pone problemi. Se a me piace uno, me lo posso scopare. Lo stesso vale per lui. Posso garantirti che tua moglie ad Aaron piace tantissimo."Ero servito, avevo voluto la spiegazione e Sarah mi aveva detto chiara come stavano le cose, tu scopi me. Mio marito scopa tua moglie,e no cazzo!Non ci stavo, il solo pensare che quel colosso, nero come la pece, potesse mettere le sue manacce addosso alla mia dolce Santa, mi faceva impazzire.
Tornato a casa, dopo aver accompagnato Sarah in albergo non mi restava altro che rimuginare sulle parole della creola. No!!la mia cara, Santuzza, non avrebbe certamente commesso adulterio: lei mi amava. Lei cosi dolce, cosi tenera. Forse, ad un attento esame dei fatti, c'era da aver qualche dubbio sul comportamento di mia moglie dopo l'arrivo dei due americani. Santa, mi pareva più attenta alla sua persona.Curava con attenzione l'abbigliamento, in particolare quello intimo.Più di una volta l'avevo sorpresa a rimirarsi allo specchio con occhio critico, cambiando più di una combinazione: mutandine, reggiseno e reggicalze. Quella notte, le parole della creola mi vennero in mente folgorandomi. Ero intento a dare, baci voluttuosi a Santa. Dalla bocca ero sceso al collo, al seno suggendo avidamente i capezzoli strappandole miagolii di piacere. Preso dal desiderio, scesi giù fino al pancino, della mia donna. Bello, caldo, accogliente, morbido, poi ancora più giù a cercare con le mie labbra le altre sue più intime dell'amata fessura. Sorpresa!!il folto triangolo di pelo nero si era ridotto ad un misero ciuffetto di peluzzi rasati e delineati a rasoio quasi a zero."Be?Cos'è questa novità?dove sono finiti quei bei peli?"Riemersi dall'apnea investendo mia moglie."Cos'hai combinato, dov'e il bel tosone?", incalzai. Santa, mi guardò stranita, sbattendo gli occhi sorpresa. Emergendo dal torpore della passione gemette: "Come?"
"Il tuo pelo!Dov'è finito il tuo bel pelo?Che cosa ne hai fatto?", incalzai deciso.
"Ah!Quello?Ho seguito il consiglio di una mia amica: ho fatto un Po di pulizia depilandomi, cosi da poter mettere il tanga quando andremo al mare.Ora continua quello che stavi facendo: era bellissimo."Cinguetto invitante mia moglie.Non persi tempo e ripresi a lappare la sua sugosa fessura, pur non gradendo particolarmente la fica depilata la leccai con passione, anche perché mi ricordava troppo un'altra vulva totalmente rasata e il senso di colpa per aver tradito mia moglie cancellò i miei dubbi.
Il mio lavoro fu un valido motivo per respingere l'incarico di accompagnare Sarah nelle escursioni in città: Volevo veramente cancellare quanto era accaduto, Santa non meritava tutto quello.
Cercavo nello stesso tempo di non pensare a mia moglie in compagnia d’Aaron. Non avevo fatto i conti con le voglie della creola. Santa, era da poca uscita per andare in ufficio dove avrebbe trovato l'amico americano per gli impegni di lavoro.
il cicalino, del citofono, suonò più volte, pensai che mia moglie si fosse dimenticata qualche cosa, capitava a volte. Aprii lo scatto del portone e contemporaneamente la porta d'ingresso: sorpresa, dall'ascensore emerse Sarah."Allora!Cesare, perchè non vuoi portarmi in giro per la città.Non si preoccupò neanche di attendere la mia risposta, si avvicinò e molto naturalmente mi prese il volto tra le mani e mi baciò.I capelli mi si rizzarono sulla testa, e non solo quelli."Ti volgio, ti voglio.Voglio sentirti in me, ora!!.La sua voce era dolce, suadente piena di promesse peccaminose.Era impossibile resistere al bacio, prima e a quell'invito ora."Questa volta ho pensato io a portare il necessario", cosi dicendo Sarah, mi porse una confezione di preservativi. Stavo miseramente crollando. Non potevo evitarlo. Sapevo che era sbagliato. Il solo pensare a Santa, e, alle conseguenze se, avesse saputo di quella storia, mi sconvolgeva: eppure tutto ciò non m’impedì di trovarmi avvinghiato alla creola e spingerla deciso verso la nostra camera. Il corpo di Sarah per me non era una novità, ma vederla languidamente adagiata sulle candide lenzuola. Era da favola. Non pensai più a nulla, mi buttai su quel corpo grandioso, era tutto fantastico.Non mi disturbava neanche la fessura implume cosi esposta impudicamente.Non c'era neanche un peluzzo, più simile al sesso di una bambina che a quello di una gran fica come Sarah.No!non mi disturbava, in quell'occasione l'apprezzai.Il profumo di donna che emanava quel corpo era irresistibile.Tuffai la testa tra le cosce favolose oscenamente spalancate e presi a lappare con decisione fino a quando Sarah non prese a colpirmi con i pugni chiusi sulla testa implorandomi di smettere ."Fottimi!!Mettiti il condom e scopami fino a farmi urlare.", mi ordinò.Odiavo quegli affari di gomma ma se volevo trombarla dovevo obbedire. Strappai la bustina di plastica, con i denti. Estrassi il preservativo, ponendolo, sul glande e srotolandolo poi lungo l'asta di carne. Sarah, segui l'operazione. Assicurandosi, che il condom, fosse messo bene. Impugnato il cazzo, con decisione, controllò accuratamente, tirandomi, subito dopo, a se. Guidò con impazienza il glande lungo la vulva fradicia d’umori. Una scarica d’eccitazione m'investi facendomi rabbrividire, poi, finalmente lasciò che il pene scivolasse completamente in lei. Fu una sorpresa: la sua fica era gustosa ed umida come non avrei mai pensato ma quello che mi sconvolse fu la strettezza di quella vagina, pareva di entrare in una ragazzina vergine. I muscoli vaginali mi stringevano delicatamente adattandosi come un guanto. La creola si muoveva seguendomi nel ritmo, altalenante, mungendomi allo stesso tempo il glande con la fica. "Cosi, cosi. Colpisci duro e veloce che vengo.Ora!Ora!Oraaaaaaa!aaaaagggghhhhsssssiiiiii."Gemette mentre scuoteva la testa a destra e a sinistra graffiandomi la schiena.I suoi fianchi parevano essere mossi da una forza incontrollabile.Andavano su e giù convulsamente.Puntò i piedi inarcandosi tutta con tale violenza che quasi mi disarcionava. La vagina si contraeva aspirandomi sempre più dentro. Il glande, fu risucchiato fino alla cervice, pareva fossi penetrato nell'utero. La cappella, aveva certamente varcato, una nuova porta, stretta ed accogliente come una boccuccia che la aveva succhiato avidamente.
"No!Nooo!!.NOOOOOOOOOOOoooooo!è troppo!. E’ troppo!! Basta!cosi mi uccidi."Rantolò, Sarah mentre la vagina m'inghiottiva ancor di più.Presi a colpirla con spinte secche e profonde. Le gambe di Sarah, stavano, ora, sollevate ed appoggiate sui miei lombi. Con le mani la sostenevo sotto le natiche, per meglio attirarla a me, cosi da sentire e gustare ogni più piccola piega della vagina. venni. Venni urlando il suo nome, venni digrignando i denti, riempii il profilattico sobbalzando e contorcendomi per sprofondare, se fosse stato possibile, ancor più in quella sugosa fica.
Fare l’amore con Santa era bello, coinvolgente. Farlo con Sarah era indescrivibile. Piacere puro, sconvolgimento dei sensi, Nirvana, non ci sono parole per descrivere quel vulcano di donna. Ci vollero altri due preservativi. Infine, stremati, ci alzammo dal letto."Quello che ti manca in misure, lo hai in resistenza e in produzione di seme."Sussurrò, tenera, Sarah, mentre la sua mano carezzava amorevolmente il pene ormai molle. Dopo esserci rivestiti, vigliaccamente da parte mia, manifestai nuovamente il timore che Santa, potesse sapere di quanto accaduto.Dopo avermi aiutato a mettere in ordine la stanza per nascondere ogni minima traccia del nostro operato, Sarah, ribadi: "Stai tranquillo non dirò nulla ad Aaron, cosi la tua cara mogliettina non saprà d’oggi."Preso dall'enesimo, tardivo, senso di colpa, dissi che sarebbe stato meglio non vedereci più da soli.
"OK, ok, ok.Ho capito.Il maschietto italiano se la fa sotto.OK, fine della storia.In fondo quello che ci rimette sei tu."Quell'ultima frase Sarah la disse con sufficienza.
La sera, ero teso ed agitato.Fui contento che mia moglie rincasasse tardi, erano le 23 quando stanca ed affaticata entrò in casa."Sono distrutta", gemette la poverina lasciando cadere la borsetta sulla poltroncina del salotto."Amore, che hai fatto, per essere stravolta dalla stanchezza come sei?", domandai perplesso, controllando, anche l'ora tarda che era rientrata."Oh, le solite cose. Abbiamo visitato alberghi, che propongono pacchetti turistici, appuntamenti, con Tour Operator della regione. Una vera sfacchinata", concluse guardandomi mentre si lasciava cadere sulla poltrona. Esausta, lasciò scivolare la borsetta sul pavimento e si tolse le scarpe. La guardai con attenzione: scrutai ogni dettaglio del suo abbigliamento in quel momento di rilassamento, poi, si alzò decisa andando verso il bagno."Ho proprio bisogno di una doccia", disse chiudendosi la porta del bagno alle spalle.La seguii, come già avevo fatto altre volte, contrariamente al solito, però Santa, pareva non gradire la mia presenza, né il mio abbraccio."Sono tutta sudata, lascia che prima faccia un doccia. Mi lasci sola due minuti, e quando esco sono tutta profumata per te.”. cinguettò, dandomi un bacio sulla guancia e rifiutando la mia richiesta di entrare con lei sotto il getto della doccia. Vedendo che non accennavo ad uscire dallo stanzino, scrollò le spalle e prese a spogliarsi.Era bellissima nella sua nudità, anche senza quel bel triangolo di pelo nero che le ricopriva la fessura.Glielo dissi mentre mi beavo della vista del suo corpo, delle sue forme.Stavo notando che il cespuglietto di peli era sparito completamente, avevo aperto la bocca per chiedere spiegazione della sparizione, quando notai i lividi:, uno sotto il seno destro, l'altro sul collo.Erano i classici segni lasciati da un succhhiotto.Guardai intensamente mia moglie negli occhi.Vidi passare, nei suoi meravigliosi laghi di montagna, il timore, di quello che avrei potuto chiederle: infine la rassegnazione su quello che sarebbe seguito."Siamo sicuri che con Aaron, tu ti sia limitata a fare, solo, dei semplici incontri con Tour Operator ?Non è, che magari, in uno di questi posti, ti sia trovata molto, dico, moltissimo vicina al tuo amico americano, tanto che lui abbia fatto cosi?"dissi mentre avvicinatomi a Santa l'abbracciavo eccitandomi al pensiero che l'altro avesse fatto lo stesso. "O", continuai, "ha fatto cosi". Portai la mano sulla fessura ormai imberbe. Penetrando con un dito la vulva, la trovai incredibilmente viscida. Santa, Appariva sconvolta dalle mie domande. Scuoteva il capo negativamente.Furioso, continuai: "Oppure cosi?", spinsi il dito profondamente nella vagina, colma d’umori. Con rabbia posai le labbra sul suo bel collo succhiando golosamente."Nooo", gemette flebile, "no!"ripetè spaventata. "Non negare. Non mentire, questi, sono succhiotti.", incalzai rabbioso.
Non so, cosa mi stesse accadendo in quel momento.Ero furioso, pazzo di gelosia al solo pensare che Santa si lasciava baciare da Aaron, ma allo stesso tempo l'idea che le mani nere del colosso avessero palpato, strizzato le tenere carni di mia moglie mi procurava un'erezione.Santa, notò il fenomeno sfruttandolo prontamente a suo favore, non più intimorita da un mia reazione incontrollata miagolò piagnucolando: "Oh, Cesare! Io non volevo ti giuro.Ho cercato di resistergli ma lui è cosi forte, cosi forte, cosi maschio che non sono riuscita a negargli un bacio. Ti giuro si è trattato solo di un bacio,
non essere arrabbiato, ti prego.Porcone, vedo che ti stai eccitando, lo sento sai." Cosi dicendo Santa, impugnò, decisa, il mio povero pene bramoso solo delle sue attenzioni. La mia adorata mogliettina fu sublime. Carezzò a due mani la mia appendice infiammata facendola gonfiare maggiormente. Tanto era il suo impegno e la sua delicatezza che ebbi timore di scaricare all'istante.Accortasi della situazione, Santa, pensò bene di guidare il glande contro la sua dolce fessura sfregandolo sulla clitoride già gonfia di desiderio.Non impiegai più di un momento a spogliarmi nudo, poi spinsi mia moglie contro la parete del bagno, le presi una gamba e la guidai fino a farle poggiare il piede sul bidè, poi in un crescendo di libidine, guidai il glande nella vulva depilata che mi aspirò fino ai testicoli. Stando in piedi, e puntellandomi alla meglio, presi a spingermi in lei per poi ritirarmi. .Dentro e fuori, dentro e fuori. Ben presto dalla fica di Santa colarono gli umori che erano abbondanti, forse dovuti ad una precedente eccitazione della donna da parte dell'americano, che delizia.Con un: "Oooooooohhh", mi si afflosciò contro gravandomi con tutto il suo peso.La sostenni in piedi reggendola con le mani sotto le chiappe mentre la pistonavo nella vagina con rabbia."Tieni!Tieni!Brutta stronza, tieni!Troia!Tieenniiiiiii!", gemetti infine mentre il mio pene sparava bordate di sperma nell'utero assetato di Santa: fortuna che lei prendeva la pillola.Ansante, per lo sforzo sostenuto, rimasi incollato a lei fino a quando il povero pene, ormai molle, scivolò fuori della vulva lasciando colare un rivolo di sperma che mia moglie bloccò con la mano a mo’ di tappo posta sulla fessura.Quella sera nella tranquillità della camera, discutemmo dell'accaduto.Santa, giurò di amarmi più d’ogni cosa al modo e che mai più avrebbe permesso ad Aaron di ripetere quanto era avvenuto quel giorno.Le credetti ma ero curioso di sapere come si erano svolti veramente i fatti.Non avevo dimenticato quanto aveva detto Sarah.
Con una comprensibile reticenza, Santa, ammise, che Aaron, le faceva una corte discreta, già dalla prima volta che si erano visti."Nulla di male, ti giuro.Aveva iniziato con l'offrirmi l'aperitivo, poi la cena.Mi faceva sentire importante, bella, desiderata.Forse ho sbagliato io a non fermarlo per tempo spiegandogli che ero sposata, forse, visto il mio silenzio, lui si è sentito autorizzato a continuare.Oggi, dopo aver pranzato in un ristorante tipico, mi ha invitato a prendere un digestivo nel suo albergo.Lo avevamo fatto altre volte. Dopo il digestivo, mi ha chiesto di salire in camera con lui per vedere degli appunti. Poi, un volta in camera, ha fatto venire dei drink. Ripeto, era tutto come altre volte, non ci vedevo nulla di male. Eravamo lì a parlare di lavoro, io con il bicchiere in mano ed ecco che me lo trovavo vicinissimo, pericolosamente vicino.Non nascondo che provo una certa attrazione per lui, credo che non si possa negare.Il suo braccio mi circonda, improvvisamente, la vita e mi attira contro il suo torace.Resistere?Impossibile: le sue braccia erano cosi' forti mentre mi teneva stretta contro il suo petto che lo sentivo vibrare in preda all'eccitazione. Mi limitai ad alzare gli occhi. La sua bocca, fu sulla mia in un bacio sconvolgente. Ti giuro, mai avrei pensato che un solo bacio potesse essere cosi' esplosivo, coinvolgente.Le gambe non mi reggevano, non avevo più volontà, ne forza per reagire.Ho lasciato che mi continuasse a baciarmi.Non ho posto la minima resistenza quando mi ha spinta con decisione verso il letto.Non ho neanche impedito alle sue manone di percorrere avidamente il mio corpo. E’ bravo, e sa come far vibrare il corpo di una donna. La sua bocca lascio' la mia per cercare il collo e baciarlo con passione, sconvolta lasciavo fare. Le sue labbra s'impossessarono del seno.Gemetti di piacere, poi di terrore. In un lampo di lucidità mi resi conto che tu avresti certamente notato quei succhiotti. Fu quello a fermarmi in tempo per non commettere un adulterio. Pensai, che se avessi lasciato, che continuasse a baciarmi ed accarezzarmi, avrei ceduto alle sue avance, ed ora, non sarei qui a raccontarti quanto successo in quella stanza. Tengo troppo a te, però fermarlo mi è costato sacrificio, lo devo dire. Sentivo il suo desiderio contro il ventre ed era di tale consistenza da farmi paura.”.
La bocca di Santa era alla ricerca della mia.Quel suo racconto mi aveva messo in uno stato d’eccitazione pazzesco.Risposi al bacio stringendomela contro.Solo in quel momento mi resi conto della bestialità che stavo comettendo. Nonostante, fossi geloso di mia moglie ,mi stavo eccitando. Facemmo l'amore come due assatanati.D'allora,Santa,per ravvivare la passione di quella notte,ripetè più volte il racconto volte aggiungendo ,a volte variando qualche particolare.Era un tormento.I suoi racconti in parte mi eccitavano,ma allo steso tempo la mia gelosia mi portava a domandarmi se Santa,veramente avesse fermato Aaron o avesse invece corrisposto lasciandosi andare fino in fondo.Poi c'era il dubbio se la cosa era finita o continuava?Non ebbi pace,tutte le domande,tutti i dubbi mi tormentarono fino al meraviglioso giorno che mia moglie mi disse della fine del soggiorno d’Aaron e sua moglie,il giorno successivo sarebbero partiti per gli States.Gran festa,gran gioia:un po' di tristezza sia da parte loro sia da parte nostra,ma gran sospiro di soddisfazione da parte mia:con loro partivano i miei dubbi.
Gradualmente la nostra vita tornò alla normalità:anche il pelo pubico di mia moglie stava ricoprendo nuovamente la calda fessura di Santa. Quale gioia. Quale soddisfazione, poter, nuovamente immergere, il volto, nel folto vello nero. Ma non aveva detto di essersi rasata per andare al mare in tanga?.Ecco riaffacciarsi il dubbio che rimase per tutta l'estate.Avevamo ripreso a fare delle scopate goderecce,piene di passione,coinvolgenti e sciocce.Grande la mia Santa,ancor più grande quando una sera mi arrivò a casa con una bottiglia di spumante per festeggiare la proposta fattale."vuoi sapere la novità,"esordi." Mi hanno proposta per un tour di ricerca negli Stati Uniti. Pensa, vedere New York. La Louisiana ed infine il Canada con le famose cascate. Poi ,potremo andare a far visita agli amici Aaron e Sarah."concluse felice mia moglie.
"potremo hai detto?"domandai curioso."Certo,sciocco, il viaggio è, per due persone .Non vorrai mica che vada da sola no."Santa non aveva avuto dubbi.Mi resi conto, con un certo fastidio,che mia moglie aveva già pianificato tutto senza preoccuparsi minimamente dei miei impegni di lavoro. La cosa mi dava fastidio. Era soprattutto dover incontrare gli amici americani a mettermi a disagio. Temevo il nuovo incontro di Santa ed Aaron. Avevo impiegato parecchio tempo a digerire i segni dei succhiotti che il bellimbusto aveva lasciato sul corpo di mia moglie. Espressi i miei timori, ma Santa, mi convinse, spiegandomi che quello era l’unico ostacolo alla sua promozione: dopo non ci sarebbero più stati viaggi di ricerca ma solo lavoro d’ufficio a livello direttivo. “ Pensavo”, continuò tenera,” che non sarebbe solo un viaggio di lavoro, ma anche un momento speciale per noi. Credo sia venuto il momento di pensare ad un erede. Smetterò di prendere la pillola da oggi.” Quella notte, mentre mi guidava con la sua manina dentro la calda vulva, mi sussurrò:” Amore, da questo momento e per almeno tre mesi, dovrai stare molto attento a non venirmi dentro. Cosi’ ha detto il ginecologo. Giusto per evitare ogni minimo problema. Sai, ha detto che se il tuo seme dovesse fecondarmi in questi giorni, potrebbero essere due gemelli.” Riuscii a tirarmi via per tempo, ma fu uno sforzo non indifferente. Ero abituato a fare l’amore con mia moglie in modo libero, le nostre scopate erano mitiche, lei prendeva la pillola, ed io potevo, riversare nella vagina di Santa fiumi di sperma. Ora dovevo riabituarmi a fare retromarcia , almeno per tre mesi. Nelle orecchie avevo ancora il rantolo di mia moglie , che sconvolta dal piacere e dimentica di quanto mi aveva detto poco prima farfugliava:” Scopami, non ti fermare . Falla tutta dentro,non farne uscire neanche una goccia.” Poi rendendosi conto di quello che stava dicendo si dimenava pregando:” Esci! Esci, per favore e stai attento.” Conoscendola , non mi lasciavo convincere dalle sue richieste. Stavo , molto attento, a non lasciare cadere dentro la vagina nemmeno l’ombra di uno spermatozoo. Sandra, però risentiva di questa situazione e per paura che la potessi prendere in parola e non uscissi da lei per tempo , continuava a ripetermi per tutto il tempo che i pene restava immerso nella vagina, di stare attento, di non venirle dentro , anche se lei continuava a chiedermi di riempirla di sperma.
Di comune accordo, decidemmo, che per evitare guai avrei potuto, godere, dello stretto culetto di Santa: Lei parve gradire molto la Sodomia, mi diceva, singhiozzando dal piacere:” Lo hai della misura giusta. Amore, è fantastico, non so se godo di più dal culo o dalla fica.” Restava sfinita dal numero degli orgasmi. E per tutta la notte me la trovavo incollata con la mano sul cazzo, quasi avesse paura di perderlo.
Fu in quella maniera che mi convinse a salire su un aeroplano 747 dell’Alitalia in volo da Malpensa a New York. Santa mi aveva concesso giusto il tempo per sistemare i lavori più urgenti.
Quasi a farsi perdonare questa sua imposizione, Santa, mi colmava d’attenzioni, .Pareva di avere accanto una baccante, pronta a soddisfare ogni mio capriccio sessuale, qualsiasi fantasia erotica.
Fu la notte precedente l’arrivo a New Orleans che mia moglie si presentò a letto con la fica rasata a zero. Alla mia naturale sorpresa, come suo solito fece la gattina tutta moine dicendo:” Caro ho voluto rifarmi a qui momenti che tanto ti hanno eccitato. Ricordo, sai, come ti sei arrapato quando ti ho raccontato di come si è comportato Aaron in quell’albergo. Ti era venuto un cazzone da cervo.”Mentre parlava aveva preso con tenerezza il pene che già si stava gonfiando per massaggiarlo con tutto il suo amore.
Ricordando quello che il nero le aveva fatto, mi venne l’atroce dubbio che tutte quelle moine fossero fatte a bell’apposta per farsi perdonare qualcosa. Poi , se avessi avuto qualche dubbio, la fica completamente calva di Santa mi dava certezza. Dopo la sosta di New York, partimmo per Nuova Orleans, dove ad attenderci all’aeroporto Aaron e la bellissima moglie. L’accoglienza fu veramente grande. Aaron aveva fatto le cose per bene organizzando incontri con altri Tour Operator. Grande fu anche Sarah che, alla prima occasione favorevole mi trascinò a casa sua, più precisamente nel suo letto. Dire che fu una giornata di folle passione, non rende l’idea di quello che fece quella splendida femmina con la bocca. Che fosse una bomba di sesso, lo sapevo, non ero però preparato al favoloso pompino che mi fece. Le sue labbra aspiravano il glande premendolo con la lingua contro il palato inghiottendo il pene fino all’inverosimile per poi sputarlo fuori. La sua dolce manina carezzava delicatamente lo scroto scendendo fino al perineo finendo con il titillamento dell’ano. Anche se avessi voluto oppormi a quell’assalto erotico, dopo il primo bacio non ero più padrone delle mie facoltà mentali. Conquistato dalla sua bocca lasciai che mi portasse al culmine dell’estasi. Non mi opposi neanche quando avvertii il suo dito forzarmi lo sfintere e penetrare profondamente in me. Venni, venni con un gemito che nulla aveva d’umano. Lei, impassibile continuò a pomparmi l’uccello tirandomi fuori l’anima. Continuavo a schizzarle tutto lo sperma in gola. Quando stremato mi divincolai per liberarmi da quel supplizio di piacere, lei mi bloccò stringendo la sua manina gentile attorno ai testicoli .stringendo con delicatezza ma con decisione continuando a succhiare il decisa il glande. Ben presto il pene, prese nuova forza, .crescendo fino a poter tornare in quel paradiso, con un’erezione dolorosa, tanto era diventato duro. In quel momento, ogni senso di colpa, in me era sparito, esisteva, solo, la fantastica Sarah. Avevo solo voglia di penetrare in quella sua calda vagina e pomparla , pomparla fino a farla urlare di piacere. Tremavo, tanto era il desiderio, avevo paura di schizzarle tutto il mio piacere nelle mani che con abilità consumata srotolavano il profilattico lungo l’asta di carne. Guardavo voglioso ma nello stesso tempo contrariato l’operazione di Sarah, che intuendo il mio disappunto per l’uso di quella pellicola, sollevò lo sguardo.” Qualcosa non va? Dov’è il problema?”, chiese sorridendo la creola. “Cazzo!!”, sbottai.” Io odio questi affari, non li sopporto è più forte di me non mi fanno sentire nulla “. Scuotendo la testa negativamente, la donna precisò,:” Ti ho già detto che senza condom non puoi mettere il tuo bel galletto dentro la mia pussy.” Era talmente piacevole quello che stava facendo con il mio uccello che, in quel momento le avrei permesso di mettermi su un pneumatico, non solo un fottuto. Goldone, la pregai di continuare in quel meraviglioso trattamento del cazzo. Ci trovammo girati a 69, La bocca di Sarah aspirava il glande con voracità mentre la lingua non dava tregua roteandole attorno per poi colpirne la punta. Da parte mia ero impegnato a restituirle il piacere lappandole, a lingua larga, la fessura fradicia mordicchiandole poi il bottoncino del clitoride. Sentendo salire il piacere, avvertii la creola che se avesse continuato a succhiarmi con quel ritmo presto sarei venuto. Per tutta risposta, Sarah lasciò il mio gingillo rantolando,:” vieni, vienimi dentro.” Si pose supina e, senza mollare il suo giocatolo mi tirò su di lei, poi guidò la testa gonfia del pene contro l’apertura della vulva. Sprofondai in quel mare di delizia e subito presi a spingere con rabbia. Davo colpi violenti, avrei voluto che il glande le penetrasse nell’utero per farle male, almeno tanto quanto io stavo facendone a mia moglie. Non solo non riuscii nel mio intento e quasi svenni tanto l’orgasmo mi colse di sorpresa. Fu cosi’ intenso che avverti i testicoli rientrare e risalire fino al ventre. Il mio cannoncino, come lo chiamava, Sarah, sparò schizzi su schizzi, tanto da riempire il preservativo che cosi’ colmato lasciò debordare una parte di liquido seminale.
“ Fortuna che non ho ascoltato la tua idea di non mettere il condom. Guarda che pasticcio hai combinato. Vuoi proprio che mi venga il pancione!.” Strillò, Sarah, mentre si toglieva , con un fazzoletto le tracce di sperma più vicine all’ingresso della vulva. Alzatasi dal letto si diresse velocemente verso il bagno per lavarsi via ogni minima traccia del mio seme. Esausto, giacevo sul letto, aspettando il ritorno di Sarah, il pensiero andò a mia moglie.
Era quello un pensiero molesto: probabilmente, mi dicevo, lei starà facendo la stessa cosa con il suo collega Aaron, il mio senso di colpa però non diminuiva. Sarah, tornò dal bagno più bella che mai. Se il rapporto appena concluso potevo attribuirlo alla tentazione della novità, quello che incominciammo in quel momento era dettato dal desiderio di entrambi. Quando lasciai la venere nera, avevo riempito tre condom e mi sentivo piuttosto stanco a causa dell’ultimo urlo di piacere che mi si era strozzato in gola mentre il mio era inghiottito dalla vorace creola. Rientrato in albergo mi coricai esausto. Strana situazione la mia, stavo, sforzandomi di non pensare che, forse, mia moglie stava in un altro letto. Avevo ancora quel pensiero in testa quando Santa rientro in albergo. La guardai con particolare attenzione. Non notai nulla di strano, solo quell’inquietante fica completamente implume, e guarda caso ad Aaron piacevano proprio cosi’. Il secondo giorno fu una ripetizione del primo, unica differenza quella della stanza: non più quella di casa sua ma quella del mio albergo. Sarah volle che la prendessi da dietro.” Nel culo. Ti voglio nel culo, il tuo è della misura giusta. Quello di Aaron quando entra fa un male boia. Pensa che ogni volta che me lo mette nel culo sanguino e per giorni mi brucia talmente che non posso mettermi a sedere.” L’accontentai più volte compromettendo le mie energie. La sera ero distrutto per poter fare l’amore con mia moglie che ebbe molto a ridire, visto il poco impegno da me dimostrato per mettere in cantiere un figlio. Dal nostro arrivo a New Orleans non avevo avuto un momento d’intimità con Santa e la cosa pareva destinata a continuare visto il grande numero d’impegni che avevamo, ogni sera una festa, una cena, al rientro in albergo, colpa anche delle scopate con Sarah, io, crollavo miseramente addormentandomi come un sasso.I soci azionisti del grosso gruppo di Tour Operator dov’era affiliato Aaron, organizzò per, Halloween, una serata danzante in maschera. Il party si sarebbe svolto nella villa del presidente, com’era tradizione ormai da anni.
Finalmente, io e mia moglie avevamo la giornata tutta per noi. Impiegammo la mattinata in giro per negozi a fare spese. Al nostro ritorno in albergo avevamo scatole e scatolette ed i costumi noleggiati per la festa di Halloween, che essendo a soggetto avevamo avuto ben poca scelta. Io, avevo optato per un conte Dracula con mantello, mentre Santa, in opposizione al proprio nome, aveva scelto un costume da vampira.
Alle nove PM, come dicono gli americani, Aaron, accompagnato dalla moglie venne a prenderci al nostro albergo. Salirono fino alla nostra stanza esibendo i loro costumi. Lui, Aaron, si era trasformato in un perfetto capo tribù Masai, Sarah, indossava vaporosi calzoni trasparenti da perfetta Baiadera: un mini giubbino cercava di coprire un reggiseno che comprimeva il favoloso seno della creola spingendolo esageratamente verso l’alto, creando un effetto davanzale sconvolgente. I capezzoli, incredibilmente duri, tendevano la stoffa del corpino accentuandone la provocazione. Veniva voglia di toccarle, strappazzarle un poco quelle tette da sogno. A completare l’effetto esplosivo di quella miscela di sesso, c’era il lungo spacco che si apriva lateralmente sui calzoni rosso fuoco che arrivando fino ai fianchi partendo dalle caviglie, permetteva di godere della vista di due magnifiche gambe e la maliziosa apparizione di un tanga in leggero pizzo bianco che appena copriva l’inguine. Con uno sforzo riuscii a distogliere lo sguardo da quella meraviglia, mi accorsi allora di essermi reso ridicolo, tanto che la donna, sorridendo, domandò: ” Allora, cosa ne dici? E’ di tuo gradimento? Ti eccito? Posso andare?”. Non smise un momento di guardarmi con i suoi occhioni assassini che invogliavano a seguirla, mentre la lingua continuava ad umettare le labbra con un movimento lento e sensuale.
“Non guardare con quell’aria da idiota. Questa è la notte magica di Hallowen, dove tutto è permesso. Domani tutto sarà dimenticato, tutto svanito nella notte degli spettri.” La voce d’Aaron, mi riscosse dalle mie fantasie. Il grosso capo tribù si era avvicinato a Santa e, tirandosela contro con un braccio attorno alle spalle, ” vedrai, piccola, ci divertiremo, ” le alitò nei capelli. “ Allora! Uomini! Vogliamo andare? La voce di Sarah scosse tutti da quella strana atmosfera; prese Santa e me sottobraccio e ci trascinò fuori.
Nel prendere posto sulla loro vettura, la creola spinse mia moglie sul sedile accanto al marito che stava alla guida.” Tu vai davanti con Aaron, io devo dire due cosine a tuo marito, ” disse spingendomi sul sedile posteriore. Mentre la vettura procedeva lentamente nel traffico cittadino, Sarah, mi s’accostò stretta contro. La mano, mollemente posata sulla patta dei calzoni, s’impadronì con decisione del pene.Quasi mi strozzavo dalla sorpresa: guardavo con timore i due seduti nella parte anteriore, se per caso mia moglie avesse girato il capo verso i di noi, si sarebbe certamente accorta delle manovre della creola. “ Fermati! Fermati, per piacere!” riuscii a sussurrare all’orecchio di Sarah, che ubbidendo in parte alla mia richiesta, dopo aver dato un’ultima strizzatina all’uccello lo lasciò di malavoglia, poi, accostate le belle labbra al mio orecchio, cacciò la sua diabolica lingua nel padiglione auricolare sconvolgendomi i sensi. Non paga del tormento che stava infliggendomi prese a canticchiare: ” Questa è la notte di Halloween. La notte delle streghe, dove tutto può accadere. Domani, domani tutto sarà dimenticato. Tutto sarà perdonato perché questa è la notte più pazza, più misteriosa dell’anno. Tu questa notte sarai mio. Non temere per domani. Domani tutti avranno qualcosa da farsi perdonare.” Finita la filastrocca, Sarah, con indifferenza, tornò al proprio posto. I miei timori sparirono solo quando la vettura sulla quale viaggiavamo varcò il cancello della villa dove si svolgeva la festa.
Il padrone di casa., Artur, un mulatto di quarantotto anni, affiancato dalla moglie Ester, una quarantenne con una carnagione ambrata, di donna bianca avvezza a fare lunghi bagni di sole, riceveva gli ospiti sotto il porticato di una villa da sogno. Abitazioni come quella, io le avevo viste solo al cinema. La villa era del tipo Hollywdiano, intendo dire che si trattava di mega villa con tanto di piscina ed un salone delle feste enorme. Artur, oltre ad essere socio maggioritario dell’Agenzia Turistica, era pure azionista d’altre attività. La moglie, gran bella donna, era stata la sua segretaria per un po’ di tempo, poi, ne era diventata la moglie. Dopo le presentazioni del momento, Aaron prese sotto braccio me e Santa, guidandoci a far conoscenza degli altri ospiti. Conobbi così gli altri soci, tipi veramente simpatici. George, un altro bestione nero di quarant’anni con la moglie, Pamela dalla pelle d’ebano, più giovane di cinque anni. A seguire Robert, un altro socio di ventotto anni, manco a farlo apposta grande e grosso, biondo occhi azzurri: al suo fianco Carole, ventunenne sposata da poco.
Dopo le presentazioni, io e Santa, ci trovammo a ruotare separatamente attorno ai vari gruppi che si formavano e si scioglievano secondo i balli che si susseguivano, dell’età e degli interessi alternati da beveraggi vari e gustose tartine.
Rimasto momentaneamente solo, ebbi modo di ammirare quella meraviglia di salone: tre grossi lampadari lo illuminavano, alle pareti quadri d’autore e clip per un’illuminazione soffusa, sotto le quali erano stati posti dei divani. Il buffet era sistemato su tavoli messi in veranda così da lasciare il massimo dello spazio per ballare. L’abbigliamento, pur essendo la serata a soggetto era vario, oltre a mostri, scheletri e streghe, circolavano baiadere, guerrieri africani ed altri costumi. Una grande porta finestra a vetri, scorrevoli, si apriva sul giardino permettendo di andare a rinfrescarsi e riposare su comode poltrone e divani in vimini, con accanto dei tavoli distribuiti tutt’intorno ad una grande piscina. Piante di banano crescevano per tutto il giardino creando una piacevole foresta tropicale dove, di giorno ci si poteva riposare stando seduti o coricati su comode sdraio e rinfrescare protetti dalle grandi foglie delle piante, la notte invece, complice una studiata illuminazione, ci si poteva nascondere da sguardi indiscreti. Stanco dell’atmosfera fumosa del salone uscii per rinfrescarmi, seguendo l’esempio d’altre coppie camminai lungo i bordi della piscina. Aaron, tranquillamente coricato su di una sdraio chiacchierava con mia moglie, mentre poco più distante Robert, conversava fitto con Ester. Sarah, mi recuperò, ero seduto accanto ad una coppia che, a causa dello stretto slang che usavano non riuscivo a capire. La festa, nel frattempo era arrivata al culmine. Nel salone erano rimaste accese solo alcune applique alle pareti che diffondevano una luce tenue, creando una penombra piena di complicità.
La creola, mi trascinò in una danza lenta e sensuale, il suo corpo incollato al mio, le forme generose compresse nell’abbraccio: Dio, che gran fica. Completamente assorbito dal lento contorcersi di quella donna, gemetti di piacere quando, Sarah spinse sfacciatamente il pube contro la mia erezione. Attraverso il sottile tessuto dei costumi, potevo sentire le sinuosità della vulva contro il pene. Nella penombra potevo vedere le altre coppie incollate alla stessa maniera. Le donne, tutte moto belle, non si preoccupavano di esibire le loro grazie, quelle che indossavano un abito lungo avevano praticato negli stessi, uno spacco sul fianco o sul davanti oppure sulla parte posteriore, di tale ampiezza che rendeva superfluo l’aver indossato la gonna: era come stare dietro una tenda svolazzante molto leggera. In quell’atmosfera irreale, dove ci si scambiava la partner di ballo più volte, mi trovai tra le braccia Ester. Vista così da vicino era fantastica Aveva una pelle liscia, profumata ed abbronzata al punto giusto, chissà quante lampade, per riuscire ad ottenere quella tonalità Con lei ci fu la ripetizione del comportamento di Sarah. Mi si stringeva contro, premendo il florido seno contro il mio torace. Imbarazzato da quel comportamento, ormai lo ero in continuazione, cercai di scostarmi dalla sua stretta, guardandomi attorno per vedere se qualcuno stesse osservandoci. Nella ormai tenue illuminazione, le luci erano state ulteriormente abbassate, ebbi modo di tranquillizzarmi: nessuno badava a noi due. Tutti parevano incollati al proprio partner del momento, intenti a seguire il lento ritmo della musica. Riuscii, aguzzando la vista e non con poco sforzo, ad intravedere Santa che languidamente abbracciata a Robert, pareva rapita in un mondo tutto suo. Lui, più realisticamente, aveva posato le proprie mani sulle sue chiappe e se la tirava contro strusciandosi tutto su di lei. Già in albergo avevo avuto da ridire sul lungo spacco laterale che Santa aveva chiesto alla sarta di praticare nel costume. Troppo esagerato, avevo detto, ora pur nella scarsa luce del salone mi rendevo conto che avevo ragione. Lo spacco era così lungo che saliva sino all’anca lasciando vedere, senza nulla nascondere il perizoma che indossava mia moglie. Incuriosito, pilotai Ester per avvicinarmi maggiormente alla coppia. Lo spacco della gonna non era più posto sul fianco ma era stato ruotato fino ad essere portato sul davanti., che cosa stava combinando Santa? “ Non fare lo sciocco, non guardare tutti con aria stralunata. Questa è la notte di Halloween, questa è la notte dei morti, questa è la notte del mistero.”. La voce d’Ester sussurrava al mio orecchio quella, ormai antipatica tiritera.“ Cesare, ” continuò, “Questa notte può accadere di tutto, tutto è permesso, ricorda. Domani tutto sarà dimenticato, tutto sarà perdonato. Rilassati e goditi la notte delle streghe.”Dovevo avere l’aspetto del perfetto idiota, almeno a giudizio d’Ester. Non nego che l’esposizione di tutta quella carne da parte delle signore mi sconvolgeva piacevolmente. La cosa che m’infastidiva e che non digerivo, era il modo di ballare di Santa. Muoveva i fianchi ondulandoli a destra e a sinistra, roteando nello stesso tempo il bacino con movimento rotatorio e spinta finale, verso l’alto della pelvi, dando così alla danza una carica molto erotica e sensuale. Sapevo che Santa, amava civettare, per lei era come una necessità. Adorava essere al centro dell’attenzione, voleva essere ammirata, coccolata, vezzeggiata, corteggiata: era vanitosa, ma l’amavo e l’amo così com’è. Quella sera, però, stava esagerando con quel suo comportamento, civettando sfacciatamente con il socio anziano d’Aaron. La pelle scura d’Artur contrastava notevolmente con quella chiara di Santa, la quale non cercava minimamente di nascondere la forte attrazione che provava per l’uomo. Ogni qual volta si trovava in coppia con lui, anziché ballare gli s’incollava contro In quel momento i due, si trovavano nell’angolo meno illuminato del salone, erano languidamente abbracciati nelle sinuose movenze di un lento: lui, la gran mano nera posata con possesso sulla natica di Santa, lei, che non solo non faceva nulla per togliere quella mano ma si sollevava nell’intento di far combaciare il proprio inguine con quello di lui. Mi si può dire che sono eccessivamente geloso, ma sfido chiunque, vedendo la moglie, pomiciare con un altro uomo restare calmo e tranquillo. Cercai di osservare con calma quanto stavano facendo i due e, dopo aver scrutato con più attenzione, vidi che le mani dell’uomo erano sparite nel generoso spacco della gonna, ormai completamente posto sul davanti. Come avviene nelle comuni feste, anche in quella c’era l’abitudine di fare il cambio del partner di ballo, Pamela, mia momentanea compagna, vedendomi così interessato a quanto accadeva attorno a noi, volle attirare la mia attenzione su di lai stringendomisi contro. Avrei voluto andare da mia moglie e separarla da quell’uomo, ma Pamela non mi diede il tempo, mi trascinò nella stessa danza, lenta e sensuale. Il corpo di Pamela, era quello di una pantera, nero e lucido di sudore emanava un particolare odore di belva selvatica. Era talmente incollata a me che il suo monte di venere si spingeva contro il glande, ormai completamente scappellato e pronto ad esplodere. La gelosia che provavo in quel momento m’imponeva di richiamare mia moglie ad avere un comportamento più decente ma, con i sensi sollecitati dall’alcol seguii gli stimoli bestiali che mi erano trasmessi dal corpo di Pamela. Presi a dimenare i fianchi seguendola nel ritmo spingendo a mia volta il bacino in avanti fino a quando non arrivai a seguire con il pene la fessura delineata della vulva. Pamela, si sollevò più volte sulle punte dei piedi lasciandosi poi scendere lentamente strusciando, così la sugosa fica lungo l'asta congestionata Cercai, miseramente, di sollevare qualche riserva sul nostro comportamento: per tutta risposta, lei insinuò una mano tra i nostri corpi ed andò decisa ad impugnare il pene attraverso la stoffa del costume. Tenendomi a quel modo mi trascinò verso la finestra. Quasi mi scontrai con George e Carole che stavano rientrando dal giardino. I due, Pamela e George quasi non si guardarono, che cosa stava succedendo a quella festa? La voce di Santa mi riscosse, ”Devi proprio vedere che meraviglia di piscina”, miagolò mia moglie stando abbracciata ad Artur. Mi chiesi, per un momento, dove si fossero spinti. Mi augurai che il loro comportamento non fosse simile al nostro, mio e Pamela, per intenderci. Fu proprio lei a tirarmi dietro la palma di banana nascondendoci alla vista degli altri. Avevamo bevuto, eravamo super eccitati ma non ero pronto a quello che la donna aveva iniziato a fare. Pamela stava facendomi una sega, va bene che era alticcia ma masturbarmi, lì, quasi davanti a tutti mi pareva un po’ troppo. Cosa diavolo avevano quelle donne? Erano tutte in fregola, prima Sarah, poi Ester e Carole che mi si francobollano addosso ed ora Pamela che addirittura melo mena, e non era finita. Con mossa rapida la donna si chinò in avanti e, portata la bocca all’altezza del pene ne abboccò la cappella aspirandola golosamente. Era troppo, tutto quello che avevo cercato di trattenere, esplose. Durai un amen, un secondo dopo che le sue labbra mi avevano aspirato venni. Iniziai a spararle bordate di sperma in gola, mentre lei continuava a succhiare golosamente. Pamela, ingoiò tutto senza scomporsi. Le ginocchia non mi reggevano, tremavo, tanto era stato intenso il piacere. “ Ti è piaciuto?Hai gradito?” chiese mentre si ricomponeva. Rientrammo nel salone dove la festa era al culmine. Mi sentivo un perfetto imbecille, mi pareva che tutti sapessero quello che, la nera ed io avevamo fatto. Mi guardai attorno in cerca di mia moglie ma mi scontrai in Aaron, che, dandomi un amichevole pugno nello stomaco e strizzandomi l’occhio disse: ”Ti è piaciuta la visita del giardino di Pamela?”.Credo che in quel momento il mio volto fosse simile ad un pomodoro maturo, tanto mi sentivo avvampare di vergogna. Da quello che mi aveva domandato, il mio inglese poteva non essere buono ma non tanto da non capire che lui mi aveva chiesto esplicitamente se mi fosse piaciuta la visita nel giardino di Pam e, non se mi fosse piaciuta la visita del giardino con Pam. Ero certo che Aaron sapesse quello che avevamo fatto Pamela ed io dietro il banano. Con la scusa di cercare Santa mi allontanai. Premurosamente Aaron, m’informò:, ” Oh, oh. Capisco, l’ho vista con Artur, ” sorridendo si allontanò.
Il salone, pur essendo grande, non poteva permettere a due persone di nascondersi, anche se gli ospiti erano parecchi. Eppure, per quanto mi guardassi attorno, d’Artur e Santa non c’era traccia. In preda ad un attacco di gelosia uscii dal salone dirigendomi verso quello che il padrone di casa aveva detto essere il suo studio. L’atrio d’ingresso separava il salone, dove si stava svolgendo la festa, dalla stanza dove Artur aveva lo studio e l’ufficio del computer con annesso salottino. Proprio la porta di questo era accostata. L’illuminazione di quel corridoio era quasi inesistente, mi avvicinai all’uscio socchiuso per guardare dentro, il cuore mi s’arrestò. Stagliati, contro la luce esterna proveniente dalla finestra , si vedevano, nitidamente la silhouette di due figure, un maschile e l’altra femminile, nell’intento di baciarsi. Sforzando un poco gli occhi, che nel frattempo avevano avuto il tempo di adeguarsi alle condizioni di bassa luminosità, notai le mani dell’uomo che stavano impastando le chiappe nude della donna, che con una mano si teneva sollevato il vestito e con l’altra accarezzava il pene, in erezione, dell’uomo. Avevo trovato Santa e Artur. Mi preparai ad entrare nello studio e prendere a cazzotti il padrone di casa che, così vilmente aveva approfittato di mia moglie, nello stesso tempo dare un paio di schiaffoni, salutari alla mia dolce metà. La risata di Santa, seguita dalla sua voce, mi giunse nitida da un’altra direzione: seguita da Artur, stava uscendo dal corridoio che portava alla cucina e alle stanze di servizio.“ Sei tremendo”, stava dicendo al robusto uomo che l’accompagnava. Per non fare la figura dell’idiota gelosone, scivolai silenziosamente dentro lo studio, dove con sorpresa di tutti riconobbi le due figure stagliate contro la finestra. Robert, stava solazzandosi tenendo le mani dentro le mutandine d’Ester, che vedendomi si allontanò velocemente dall’uomo dando un’aggiustatina alla bella meglio. Mi scusai ed uscii rapidamente dalla stanza.
Non so esattamente che ora fosse quando i primi invitati decisero d’andarsene, so per certo che alla fine ci trovammo in cinque coppie sedute attorno ad un tavolino con in mano l’ennesimo bicchiere di spumante. Artur, il padrone di casa ci consigliò di restare a dormire da loro, visto le condizioni d’Aaron e di tutti noi presenti. “ Qui la polizia non scherza. Guidare in stato d’ebbrezza ti porta dritto in prigione, e poi, detto tra noi, la festa inizia ora.”. Detto questo, Artur si alzò ed avvicinatosi ad un mobile ne aprì un cassetto dal quale prese un cofanetto e lo portò sul tavolino. Apertolo ne estrasse una busta di cellophane e delle cartine per sigarette. Devo essere sincero, avevo bevuto parecchio, l’avventura con Pamela, dietro il banano mi aveva sconvolto ottenebrandomi i riflessi, ma non ero ancora così fuso da non capire cosa stava accadendo, ” forza ragazzi, facciamoci una bella fumatina prima di andare a nanna”, rise Artur. Aaron, prese una cartina e pescato nel sacchetto tirò su due prese d0’erba. Era proprio erba, almeno a vederla così .” Marijuana? “. La domanda mi venne spontanea.
“ Certo, e di quella buona. Il nostro Artur, prende solo roba di prima qualità”, Rispose George.
Non sono un bacchettone moralista, ma fumare canapa proprio no. Non l’ho mai fatto, fumo, tre, quattro sigarette il giorno: a volte neanche quelle, figuriamoci l’erba. Alle mie rimostranze, tutti mi fecero notare che per una volta non avrei notato nessuna differenza da un sigaretta normale. Mia moglie poi, fu la più aggressiva definendomi un antiquato. “ Dai, Cesare , siamo in compagnia di amici, che vuoi possa succedere? “
” Non fare il guasta feste, dai. Prova a fare un paio di tiri, sentirai che roba, ti sentirai meglio, te lo garantisco: questa è roba veramente speciale.” Parlando, Aaron, messa la miscela d’erba su di una cartina, arrotolò uno spinello porgendolo, poi, a Santa. Sarah, alzatasi dal proprio posto venne a sedersi al mio fianco.“ Dai, cucciolone, prova almeno una volta: cosa vuoi che sia mai, non ti farà certamente male. Non crederai mica che noi si faccia uso di porcheria. Questa è erba, non robaccia pesante . Anche noi siamo contrari a le droghe, cosa credi.” La creola accompagnò l’invito porgendomi una sigaretta appena avvolta. La voce di Santa richiamò la mia attenzione, “ dai Cesare, lasciati andare per una volta. Siamo qui per divertirci, cosa vuoi che possa farci uno spinello. Dai, fammi compagnia.” Invitante, mia moglie, accese lo spinello e me lo porse. Non volendo fare quello che rovina tutto, presi la sigaretta e tirai una prima boccata. Ester, nel frattempo aveva posato sul tavolino un vassoio con delle tartine: suo marito, dopo aver inserito nel lettore cd alcuni dischi, andò a prendere delle nuove bottiglie di spumante. La musica lenta si diffondeva nella stanza. Io, dopo aver bevuto da un bicchiere il vino frizzante della California, tirai una lunga boccata dallo spinello. Aveva ragione mia moglie, quella roba non faceva nulla. Avevo letto e sentito da amici, che magari solo per vantarsi, raccontavano d’esperienze fantastiche. Io, non vedevo colori meravigliosi, non avvertivo neanche la voglia incontrollata di scopare come un mandrillo: sentivo solo il desiderio di spegnere l’arsura che mi seccava la gola bevendo in continuazione calici di spumante. Ballai con Santa, l’alito pesante di chi ha bevuto parecchio, da come mi pesava addosso doveva essere arrivata al limite, gli occhi le brillavano dall’eccitazione. Con aria sognante mi baciava .” Ti amo. Dio mio, come mi gira la testa. Ammore mmmio, baciami, leccami, fammi godere, ne ho tanta voglia.”, mormorò estasiata mentre mi si strusciava contro procurandomi un’erezione dolorosa. Avevo voglia di farmela subito, non mi fregava nulla degli altri. Aaron, versò altro spumante, Robert fece nuovi spinelli. Io vivevo tutto quello in maniera distaccata, era come se fossi sdoppiato. Ero nel mio corpo, mi vedevo dal di fuori, strana sensazione, mi pareva di essere sdoppiato. Nell’aria aleggiava un profumo di Sandalo, proveniente da vari bastoncini infissi nella sabbia di un contenitore di bronzo, che ardevano lentamente. Sarah, mi si avvicinò con decisione trascinandomi in una languida danza, lo stesso fece Aaron con mia moglie. Artur, ballava con Pamela, Ester faceva coppia con Robert e George stava con Carol. Stavamo tutti abbracciati stretti stretti. La luce tenue nascondeva solo in parte quello che avveniva nella stanza. Pareva che tutti seguissero il movimento del corpo del proprio partner. Nell’aria si avvertivano vibrazioni erotiche tali che era impossibile ignorare. Incollato a Sarah potevo osservare gli altri e vedere che i vestiti delle donne erano di molto sollevati oltre le ginocchia, su, su, fino alle cosce. Pur vedendo le mani d’Aaron ravanare nelle mutande di Santa, non mi arrabbiai, era come se non fosse mia moglie a pomiciare con il colosso nero, così era per le altre coppie. Pareva avessero acceso altre luci, tutto mi appariva più chiaro, più ben definito. La musica cambiava alternando ritmi latino americani, salsa merenghe, lambada ed altri. Non sono mai stato un drago in questi balli, ma con la scatenata Sarah divenni bravissimo. Improvvisa mi colpì la voglia di farmi Sarah. La libido mi stava sconvolgendo i sensi. La temperatura della stanza saliva ad ogni ballo. Mi trovai seduto sul divano con un nuovo spinello tra le dita. Aspiravo con gusto il fumo dolce della sigaretta, non ero ubriaco. Mi sentivo bene, era come se vedessi con la mente anziché con gli occhi, percepivo i pensieri di chi mi stava intorno, nell’aria una nebbiolina azzurrina, in bocca il sapore dolciastro dell’erba che non riuscivo a levarmi, pur bevendo in continuazione.
Santa ed Aaron erano impegnati a stare perfettamente fermi pur muovendo i fianchi, lui le massaggiava la schiena salendo e scendendo con le mani lungo l’incavatura della spina dorsale. Lei spingeva il pube contro la grande virilità dell’uomo che gonfiava anomalamente i calzoni.
Forse era la mia immaginazione, forse tutto era dovuto a quella strana sensazione di percezione di sentire i pensieri altrui ma avrei giurato che Aaron stesse dicendo a Santa che la voleva, che la desiderava. Mi pareva di udire tutti i presenti che dicevano quanto fosse bella mia moglie e quanto, loro, desiderassero mettere il loro cazzo, nella fichetta della mia dolce metà. Mi pareva di sentire Santa gemere sotto gli inviti espliciti degli uomini. Era forse la mia immaginazione oppure Santa, oltre a gradire le attenzioni d’Aaron, ne condivideva i pensieri?
Era fantasia la mia o Santa, veramente stava dicendo: ” Aaron, diavolo tentatore, anch’io vorrei essere penetrata da questo tuo meraviglioso affare, ma dimentichi che sono sposata e mio marito è qui”. Certo ero lì, ma questo non impediva ad Aaron di posare quelle sue manone sul culo di mia moglie prendendola sotto, le natiche e tirandosela contro l’uccello teso. Pensavo di aver letto nel pensiero ma mia moglie mi tolse ogni dubbio esclamando:, ” Oddio! Dio! Dio mio! Cesare! Aaron, ha detto che vuole fottermi. Ha bevuto troppo, credo di aver bevuto troppo anch'io.” Santa rideva nel dire questo.
Abbracciato, avvinghiato o meglio aggrovigliato a Sarah, non ero in condizioni di controbattere. La musica languida, lenta, saturava la stanza. Ipnotizzato dall’atmosfera del momento non opposi resistenza quando Sarah, con naturalezza, prese a sbottonarmi la camicia. Iniziò dal colletto dandomi teneri baci sul collo. Lasciavo fare aiutandola e seguendola nei movimenti al ritmo della musica. “ Ole!”, esclamò, quando sbottonata completamente la camicia me la sfilò dalle braccia facendola roteare per poi lanciarla in aria. L’applauso che esplose fece sì che mi guardassi attorno e vedessi le altre coppie battere le mani con calore. Pareva fosse il via a qualcosa di veramente piacevole. La prima fu Santa, ” tu spogli il mio uomo, io, spoglio il tuo.” Gridò eccitata, “ anche noi”, ripresero in coro le altre donne. Con distacco, come se la cosa non mi riguardasse, seguii i contorcimenti della danza eseguita da mia moglie, mentre con mano ferma sbottonava e sfilava la camicia ad Aaron. Il possente torace del nero brillava di sudore dando riflessi ai pettorali notevolmente sviluppati. Le mani di Santa, carezzavano voluttuosamente il petto privo di peli. Le altre coppie stavano seguendo l’esempio dato da mia moglie, tutti gli uomini erano senza camicia. “ Volete sfidarmi?bene, vediamo chi è più brava”. Con voce resa roca dall’eccitazione, Sarah incitò le donne a seguirla mentre già sbottonava il corpetto e toglieva il reggiseno mostrando così il suo bellissimo busto
Santa, che se stuzzicata non era seconda a nessuno, seguì l’esempio della creola incitando le altre a fare lo stesso. Devo dire che, a mano a mano che le donne mettevano in mostra i seni, la mia attenzione nei loro confronti, aumentava. Pur essendo più piccolo, il seno di mia moglie non sfigurava e reggeva benissimo il confronto con quello di Sarah e Carol per solidità. Anta, offriva, immobile, la parte denudata del suo corpo allo sguardo goloso d’Aaron, aspettando la mossa successiva di Sarah, che ormai lanciata, s’inginocchiò ai miei piedi mettendo mano alla fibbia della cintura dei calzoni. Rideva mentre, guardando mia moglie, slacciava la cinta e mi calava i calzoni fino alle caviglie. Stavo lì, in mutande sotto lo sguardo divertito dei presenti. La creola, malignamente, invitò le compagne a fare la stessa cosa con gli uomini. Tutte quattro le signore raccolsero la sfida. In un unico movimento s’inginocchiarono davanti all’uomo, che in quel momento le stava di fronte e, con pochi, ma studiati gesti, li lasciarono in mutande. Tutti parevano divertirsi molto, ed a giudicare dai bozzi che tendeva i boxer dei signori, dovevano essere alquanto eccitati. Era Aaron a dominare la scena con quel suo fisico palestrato. Con sensualità, il gigante nero trascinò Santa in una danza che poco aveva di ballo. Seguendo il suono struggente del Sitar i due pareva mimassero un amplesso. Tutti stavano guardando le contorsioni dei due corpi. Con un movimento lento ma calcolato, Aaron, impugnò un lembo della gonna di Santa e facendola ruotare portò lo spacco sul davanti. Con mossa altrettanto decisa sganciò il fermo della gonna, poi, con un: ”Voilà!” strattonò via l’indumento facendolo volare sopra la testa, lasciando la stupefatta Santa in tanga. La reazione degli altri uomini fu immediata, in un amen tutte le donne erano in mutandine, se quel nulla che avevano davanti si potevano chiamare mutandine. Quello di Sarah era un tanga di pizzo, sostenuto da un microscopico filo che si perdeva tra le favolose chiappe della creola. Le donne si guardavano con aria di sfida, erano tutte bellissime. Santa, seguendo l’esempio della creola aveva sollevato in altro le braccia esibendo, come tutta la propria nudità. Le note del Sitar, saturavano la stanza in modo ossessivo, su di noi aveva un potere ipnotico, irreale. Non saprei dire se a causa degli spinelli o dei molti drink, tutto mi appariva distante, come se osservassi attraverso un vetro quanto accadeva attorno. Le stesse reazioni erano staccate come se guardassi un film hard. Mi sentivo eccitato come un toro senza la minima gelosia verso mia moglie che ne era l’interprete. Tutti, pur essendo in mutande, avevamo ripreso a ballare. Incollati l’uno all’altra era impossibile notare le enormi erezioni che tormentavano noi maschietti e, ci spingevano a puntarle contro il cavallo delle mutandine delle nostre compagne di danza. Santa, a giudicare dalla posizione ingobbita e contorta d’Aaron doveva avere contro una bella stanga.
“ Diamo libertà al gallo, perché tenerlo allo stretto, sento che vuole uscire per entrare nella mia pussy”, Sarah, completamente partita, si scostò da me e come già fatto con i calzoni, s’impossessò dell’elastico che mi stringeva le mutande in vita e tirò verso il basso. Il pene, libero da strettoie, saltò impettito verso l’alto.“ Guardate che meraviglia di cazzo duro ci presenta il nostro Cesare!”. L’esclamazione di Sarah, attirò l’attenzione di tutti. Le coppie guardavano divertite il mio uccello al vento, io guardavo loro. Non provavo assolutamente vergogna, anzi ero convinto di avere un bel pene. Sarah, instancabile, dopo averlo impugnato, gli diede un paio di scrollatine scoprendo per intero il glande, poi assicuratasi che l’erezione non venisse meno, si allontanò un poco e rivolgendosi alle altre persone disse: ”Non lo trovate tenero?“, poi, rivolta solo alle donne, aggiunse, “Ne avete mai visto uno non circonciso? Guarda Ester, come scorre la sua pelle. Hai visto Carol che glande liscio presenta, è proprio un amore, ed è buono te lo garantisco.”Detto questo con un volteggio rapido si avvicinò al marito che teneva stretta a se mia moglie, tanto che fece fatica a separare i due.“ Ora vi farò assistere ad uno spettacolo del cazzo, o se preferite, ad un cazzo da spettacolo.” Detto questo, s’inginocchiò ai piedi del marito e preso saldamente l’elastico della cintura dei boxer d’Aaron tirò lentamente verso il basso. Credo che in quel momento la miscela d’alcol e spinelli cominciò a fare effetto. Centimetro dopo centimetro, i boxer scendevano scoprendo una parte del corpo che nulla di normale. Ho sempre pensato che la letteratura si fosse sbizzarrita sugli uomini di colore, in particolare sui loro attributi, lasciando che la fantasia creasse delle leggende. Non erano favole, davanti a me, Aaron, esibiva il proprio corpo senza veli. Guardai attentamente mia moglie che in estasi ammirava la grossa proboscide uscita dalle mutande dell’uomo. A mia volta, pur colpito dalla gelosia non potevo fare a meno di riconoscere in quel corpo una perfezione da bronzo di Riace. Aaron, era tutto proporzionato, ogni muscolo sviluppato in maniera perfetta. Tra le gambe, la grossa sacca dello scroto scompariva, coperta dall’enorme asta di carne nera che a fatica si teneva in una parziale erezione. Era veramente un’enormità. Il glande completamente libero del prepuzio, essendo di religione ebraica, era stato circonciso, colpiva per la sua forma e grossezza: non aveva la classica forma tondeggiante, era un tronco di cono esageratamente largo alla base, posato sopra un’asta di carne dello stesso colore nero che si allargava ancor più verso la base, si poteva raffrontare con le misure di una bottiglia di Coca Cola. La domanda che mentalmente mi posi fu spontanea, come poteva una cosa del genere entrare nella tenera vagina di Sarah, giacché io, pur non essendo superdotato, avevo faticato a penetrare in lei. Ero meravigliato della docilità con la quale Santa, lasciava che Sarah dirigesse il tutto. Come la regista di uno spettacolo più volte provato, infatti, la creola, invitò le donne a fare lo stesso. Le meraviglie continuarono. Miraggi? Visioni dovute alla miscela esplosiva che avevo in corpo? Non saprei: ritengo di non aver sognato quando vidi Ester ai piedi Robert con le mutande ai piedi ed un cazzo altrettanto grosso. Non sognavo neanche quando Carol scopri l’apparato di George che pur se leggermente più piccolo di quanto potessi vantare Aaron era d’uno o due pollici più lungo, un’enormità. Pamela, con la grazia che la distingueva, fece lievitare l’obelisco d’Artur, un minareto con una cappella enorme, cazzo! Quelli lì erano tutti supercazzuti. Io, con il mio uccellino di diciotto centimetri non raggiungevo neanche la terza parte di quelle dimensioni. Guidata da quella dell’uomo, la mano di mia moglie si chiuse, ad impugnare, il grosso pene nero. Non fui sorpreso di vedere che, per chiudersi attorno a quello sproposito di cazzo, le dita avrebbero dovuto essere più lunghe di svariati centimetri.“ Hai visto che meraviglia di stanga ha il mio Aaron.”, disse Sarah, senza rivolgersi a nessuno in particolare. Non avevo nulla da dire, pensavo solo al fatto che quell’affare era almeno il triplo del mio, non sapevo quello che ne pensasse mia moglie ma mi spaventò quello che disse.“ Aaron, sei una favola. Ogni volta che lo vedo, mi sconvolge.” La mente, pur ottenebrata dalla miscela d’alcol e fumo, captò il tutto. Un pugno nello stomaco mi avrebbe fatto meno male. Quella era la conferma dei miei dubbi, dei fantasmi passati. La creola, volpona, prese in mano la situazione ponendosi velocemente al mio fianco ed impadronendosi velocemente dell’uccello.” Mio Sesar, lascia che sia io a prendermi cura del tuo bel gallo”. La sua mano sull’asta congestionata, fu un vero toccasana.Il momento dei chiarimenti per quanto aveva detto Santa, sarebbe venuto in seguito, dovevo solo pensare a gustarmi le piacevoli sensazioni ed osservare quanto stava accadendo attorno a me che era molto eccitante. Mia moglie stava accarezzando con la stessa passione e delicatezza di Sarah, il serpentone nero d’Aaron. Ero incavolato per come Santa, stava baciando il grosso glande. Ero geloso, sì, ma non di mia moglie: ero geloso di quell’enormità, avrei voluto avere io una bestia del genere tra le gambe. Quasi mi avesse letto nel cervello Sarah, sussurro: ” dì la verità ha un bel cazzo mio marito, eh!Ti garantisco che una volta che l’ha provato, una donna non lo dimentica più”. Non ne dubitavo. La stanza era un unico gemito di piacere, la serata si era trasformata in un’orgia con scambio di mogli. I divani che erano nella stanza erano stati occupati dalle coppie intente a scambiarsi effusioni, mentre sui tavolini erano apparsi, come per magia dei cofanetti contenenti dei preservativi. Ester si premurò di ricordare ai presenti che "Sarah e Carole non usano nulla, perciò, ricordatevi di coprire il proprio gingillo” disse, poi si chinò sul pube di Robert per impossessarsi del pene e iniziare una lenta masturbazione. Artur, da parte sua stava con la testa tra le cosce spalancate di Pamela, mentre Carol succhiava avidamente il glande a George.La mia cara mogliettina era impegnata nello stesso esercizio con Aaron. A causa delle dimensioni del pene, aveva però difficoltà a ciucciare il grosso glande. Riusciva a malapena a prendere in bocca la sola punta, fu il nero, che posate le mani sul capo di Santa, glielo spinse deciso verso il basso facendole inghiottire quasi tutta la cappella. Con un conato di vomito, la mia povera moglie quasi si strozzava ma prese a pompare su e giù con la bocca come le ordinava l’uomo. Il gemito d’Aaron era nitido mentre incitava Santa.” Così! Così che è bellissimo. Continua così, mia piccola fica italiana. Sarah, ormai completamente dimentica delle altre coppie, si dedicava esclusivamente al mio cazzo. “Questo tuo bel fuciletto mi piace. Certo non è come quello di mio marito, però ha il vantaggio di essere sempre duro e pronto a sparare. Quello di Aaron, come puoi vedere è così grosso che riesce a fatica a mantenersi duro per tutto il tempo. Guarda un po’ tu”: disse finendo baciandomi. A conferma delle sue parole, il serpentone del marito, nonostante le cure amorevoli di mia moglie, stentava a restare impennato. “Vado in aiuto a Santa», sussurrò la creola, Mi lasciò, portandosi accanto all’amica per aiutarla nelle carezze e nei baci della nera proboscide.Dpop che insieme, riuscirono a fare stare dritta quella colonna, Sarah, invitò mia moglie ad alzarsi, poi, rivolta al marito, suggerì: ”Caro, non pensi sia venuto il momento di vedere la splendida ostrica della nostra ospite.” “ Certa mente, ma, OOHH, mi spiace farle interrompere quello che sta facendo, quei suoi bacetti sono favolosi. Oh, cazzo! Mi sta succhiando la punta del cazzo in modo grandioso.” Ansimò Aaron, baciando sua moglie. Pamela, aveva momentaneamente lasciato Artur, per prendersi cura della mia coda lasciata libera. Artur si posizionò dietro Sarah. Santa, la bocca spalancata al massimo aveva abboccato completamente la grossa cappella.“ Lecca bene, sì così, sei bravissima. Succhia bene la testa del mio gallo!” Aaron era in estasi. Ero invidioso, lui quella sberla di cazzo si ostinava a chiamarlo gallo, mia moglie però nello sforzo di prenderlo in bocca, quasi si smascellava. Era impressionante vedere Santa, intenta a fare quel pompino incredibile. Nella stanza i gemiti stavano facendo da colonna sonora. Carol, con tra le gambe, la testa di George, grugniva come una scrofa dal piacere, che la lingua dell’uomo le dava. “Aaaaaaaaaggggghhh. Uuuuuuuaaaaaaaaaaaaggggkhhhh.”, rantolò ancora quando la lingua di lui la penetrò dentro la fessura standole in mezzo alle gambe aperte.
“ Ooooooooooooo”, Ester, si lasciò fuggire un gemito, quando, Robert, dopo averle divaricato le natiche, prese a spennellare con la lingua, la delicata rosellina del’orifizio anale. Nel quartetto, composto da Aaron e consorte, Santa aveva, di mala voglia lasciato il grosso boccone alzandosi poi in piedi. Complimenti, Cesare, hai proprio una gran bella fica di moglie”, il complimento veniva da Aaron. I due corpi allacciati in un appassionante bacio creavano un contrasto molto erotico. Era il corpo di mia moglie ad essere esaltato in ogni sua più remota parte, anche se ancora indossava il minuscolo tanga brasiliano. Sarah, pensò bene di porre rimedio, tutte le altre donne erano ormai nude da tempo. “Giù l’ultimo velo”, annunciò decisa e preso tra due dita l’elastico, che le stringeva i vita le mutandine, tirò verso il basso lasciando mia moglie completamente nuda davanti al marito.
“ Guarda, Aaron è proprio come piace a te. Liscia come quella di una bambina” sussurrò, con tenerezza rivolta al marito, mentre, allo stesso tempo, accarezzava l’implume fichetta di Santa. Solo in quel momento capii che, la mia cara mogliettina, si era totalmente rasata la vulva. Solo tre sere prima avevamo fatto l’amore ed era coperta da un rigoglioso bosco di bel pelo nero, proprio come piaceva a me. “ Non sarai mica geloso?” domandò, cattivo, il colosso, poi, gurdandomi negli occhi aggiunse: “ ho visto che anche tu con Sarah ti sei divertito.” Non potevo negare che la cosa mi dava fastidio. Certo, con sua moglie mi ero divertito, però non mi piaceva come stavano andando le cose. Non mi piaceva quello che Santa aveva fatto, e che stava facendo.Ciò nonostante non riuscivo ad impedirlo, la mente diceva di lasciare che le cose andassero avanti, per vedere fino a dove si sarebbero spinti, anche se non ci voleva uno studio speciale per capire che stavamo in un’orgia con scambio dei partner.
Sarah, allontanatasi dai due li osservava mentre, a dispetto delle altre coppie che si erano già disposte sui vari divani, Aaron e Santa avevano ripreso ad ondeggiare in una parvenza di ballo seguendo la musica. Lui premeva l’enorme erezione premuta contro il suo ventre sussurrandole all’orecchio frasi tenere. Mia moglie, ascoltava ridendo sollevandosi sulle punte dei piedi per meglio catturare quel contatto.“Oh, sì, così, leccami bene la fica”: L’implorazione veniva da Pamela, che aveva allacciato le gambe al collo d’Artur. Robert, dal canto suo stava sopra un’Ester in estasi pistonandola con energia. La scopava con tutte le sue forze; le alzava il sedere per meglio affondare dentro la sua fica e poi si ritraeva, lasciando solo il glande appoggiato alle tremanti labbra vaginali.
Carol, mi pareva che, al pari di me e Santa, non avesse l’abitudine di partecipare a quei festini, stava cercando di convincere Gorge a mettere un condom. “ Devi metterti qualcosa, hai sentito cos’ha detto Ester, Sarah ed io, non usiamo contraccettivi e non ho nessun’intenzione di trovarmi con un figlio tuo.” Stava dicendo con un certo timore. Pareva che nessuno fosse interessato a quanto avveniva tra i due, solo io seguivo attentamente cosa facessero tutti in quella stanza.
La voce di George era suadente mentre la blandiva cercando di convincerla.“ Dai non fare la bambina. Non sono mica un ragazzino, stai tranquilla che mi tiro via per tempo”, George, era così eccitato da non capire nulla, certo era comprensibile perché Carol, era una gran bella fica. Le allargò le gambe, lei lo guardava mentre, lui, si sistemava fra le sue cosce. Carol, alzò le gambe, per meglio offrirsi, sul volto un’espressione di pura libidine, quando l’omo la penetrò. “Cristo! Carol, sei fantastica è bellissimo starti dentro”, singultò George. Lei, calma, pareva volersi gustare quella penetrazione. “ Sì, George, è bellissimo, mi stai facendo bene però stai attento, vieni fuori, non voglio guai.”.
Sarah, nuovamente al mio fianco, mi distrasse da quello che mi circondava, completamente nuda, mi stava dicendo:, “Non dovrebbe più meravigliarti, visto le volte che te l’ho mostrata.” , travisando il mio sguardo fisso sulla sua fica pelata, lo disse ridendo. L’attenzione di entrambi fu attirata dagli squittii di Santa, che cercava di divincolarsi dalle braccia di Aaron che, a sua volta, cercava di trascinarla verso il divano. “ Oddio! Oddio! Dio! Dio mio, no!, no! Oddio, Cesare, sai cosa vuole fare quest’omaccio alla tua tenera, piccola mogliettina? Vorrebbe ficcare questo suo salsicciotto nella mia piccola pussy”. Rideva di gusto mentre teneva ben stretto, nella mano il grosso salame nero.
Sarah, pigramente, era tornata accanto alla coppia e, rivolta a mia moglie la tranquillizzo, “ vedrai che ti piacerà, se ancora non lo hai provato” Rapidamente la creola s’avvicinò a me ed impugnò il mio pene. Con fare amorevole prese a menarmelo lentamente, su, giù. Mi stavo godendo quella piacevole masturbazione mentre con molto distacco, guardavo il grosso Aaron, baciare appassionatamente mia moglie, che contraccambiava in modo languido e voluttuoso. Nello stesso tempo che, lui, s’inginocchiava davanti a Santa, come fosse in adorazione, io, stavo beatamente godendomi le labbra di Sarah, sul glande, impegnata in uno sconvolgente pompino. La vista d’Aaron, che inginocchiato tra le cosce nervose di Santa, le mani posate bramosamente artigliate ai glutei di mia moglie, per meglio attirare il giovane corpo verso la bocca vorace e presentare l’implume fessura del suo sesso ai colpi della lingua assassina dell’uomo. Un improvviso attacco di gelosia mi bloccò l’orgasmo, scatenando il malcontento di Sarah, che, prese a succhiare e pompare, con maggior vigore, il glande congestionato. Intanto la bocca del gigante nero s’impadronì della vulva di Santa, che gemendo piegò, sollevando e allargando maggiormente le cosce. La rugosa lingua di Aaron picchiettava veloce il clitoride, dando poi rapide leccate a lingua larga, alla fessura sbrodolante umori. Santa, ormai gemeva senza ritegno, le mani piantate sul capo del nero per meglio cercare il contatto più intimo tra le due bocche. L’atmosfera diventava, di minuto in minuto, più bollente. Per me, poi, vedere che Aaron, continuava a lappare con vivacità la vulva di Santa, salendo poi velocemente, su, su fino alla nera rosetta dell’ano contratto, era ancora più eccitante, ma nello stesso tempo, non so per quale strano fenomeno mi sentivo forte, avevo solo voglia di gustarmi le sensazioni, gli stimoli che mi venivano da Sarah, sentivo che ero in grado di resistere all’infinito prima di avere all’orgasmo. Lo stesso non doveva essere per le altre coppie che, avendo iniziato a trastullarsi prima di noi, stavano arrivando al traguardo. La prima a gemere e gridare il proprio piacere, fu Ester che, tenendo abbrancato per le natiche Robert, lo incitava a gran voce” Adesso, Robert, adesso, ti prego! Chiavami forte, fottimi l’anima, dammelo tutto, vieni bene in fondo non perderne nemmeno una goccia: ” L’uomo pareva aspettasse quell’invito perché s’impennò spingendosi il più profondamente possibile nella vagina d’Ester e dopo un paio di spinte rapide, si accasciò sulla donna che rispose gemendo mentre Robert le riempiva l’utero di caldo sperma.”Aaaaaaaagggghhhhheeeeee! Così! Così, lo sento tutto, dio quanta ne stai facendoooooooo” In risposta a quel primo orgasmo, si levò la voce di Pamela.” Artur, hai sentito? Quella troia di tua moglie è venuta sotto i colpi di Robert, tu cosa aspetti ad infilarmi quel tuo magnifico cazzo? Adesso, mettimelo dentro adesso. Lo voglio. Oh, Dio non ne posso più! Entra, sfondami, fammi gridare.” Lui l’accontentò immediatamente, accompagnando con la mano la grossa cappella all’ingresso della vulva, poi spingendo lentamente ma costantemente, fece inghiottire il lungo pene alla fica di Pamela, che con grugniti di dolore e gemiti di piacere, riuscì a prenderlo tutto. Coricato sopra un divano mi trovai la fica della creola sulla bocca. La visuale completamente occupata dal bel culo della donna .”Leccami, leccamela bene come sai fare.” Era un ordine non una richiesta, presi a lappare, succhiare, mordicchiare quel suo grosso clitoride fino a sentirla gemere di piacere. Aaron, nel frattempo, era riuscito a trascinare mia moglie su di un divano a forma di L molto vicino a quello dove, Sarah ed io, stavamo leccandoci reciprocamente. I due, Santa ed Aaron, si posizionarono in modo tale che, io e la creola potevamo vedere ogni minimo particolare dei loro sessi. Quello enorme dell’uomo e la tenera fessura che appariva indifesa e incredibilmente piccola, per ricevere un cetriolo di quelle dimensioni.
Fu la volta di Santa, a smascellarsi nel tentativo di prendere in bocca l’enorme cappella nera. Il tentativo le permise di succhiare solo metà del glande. Aaron, era in stasi “Oh, yes, ohh, sì, mia piccola cara, succhiami così, succhiami bene. Sei grande, piccola troia italiana. Sei top, ” gemeva piano. La testa di Sarah, pareva seguire il ritmo della coppia, mentre mi spompinava
Ester e Robert, ripresisi dall’orgasmo, stavano seguendo pigramente lo spettacolo offerto da Santa e Aaron. Anche Artur e Pamela, lei ancora con la spropositata misura del suo pene, stretto nella mano, dopo che lo aveva sfilato ancora gocciolante dalla fica sconvolta della donna, stavano ammirando l’esibizione di Santa. Oltre a me e Sarah, erano ancora impegnati nella danza dell’amore, il nero George e la mulatta, peraltro fantastica, Carole, Lui la stava scopando con calma, con metodo. Si spingeva dentro la vagina lentamente, soffermandosi, poi, quando arrivava a toccarne il fondo e roteando i fianchi affinché lei lo sentisse bene. Il pensiero di Carole era però alle possibili conseguenze, perché George, era riuscito a convincere la donna a farsi fottere senza che lui mettesse l’antipatico condom. “ Mi raccomando, tirati via quando ci sei”, continuava a ripetere ansiosamente la donna.
“ Piccola, non resisto più, devo metterlo in quella tua fichetta tanto dolce, così gustosa, così tenera”. Il gemito d’Aaron, non lasciava dubbi sulle intenzioni del nero. Arrivat a quel punto c’era ben poco da fare la logica conclusione era quella.
“Cesare!Oh Cesare, lascia che mi ami. Lascia che metta quella sua meraviglia in me.Lasciami fare questa pazzia, non essere geloso, questo è solo sesso, io amo solo te”. Ansimava, Santa, le sue parole erano piene di desiderio, di lussuria. Rivolta poi, al suo amante, ”amami, caro, amami con tenerezza.” Non che avessero bisogno del mio consenso, era solo per stuzzicare la mia gelosia., infatti, l’uomo nero, non si preoccupò minimamente del sottoscritto, che stava a pochi centimetri dai loro sessi, con molta delicatezza sistemò Santa, in modo tale che Sarah ed io non perdessimo il minimo particolare di quanto si accingeva a fare. Fatte allargare le gambe di Santa, a compasso, Aaron vi si pose al centro, poi, preso il grosso serpentone in mano ne guidò l’enorme testa verso la vulva, che pur grondante umori palpitava di desiderio ma anche di paura. Quando il glande arrivò a contatto con le labbra schiuse della passera, mia moglie ebbe un gemito d’apprensione. La voce dell’uomo tremava di desiderio nel dire: ”Ohh, baby. Oh, baby. Sei fradicia, guarda come coli.”Aveva ragione, dalla fessura di Santa, colava un rivolo di bava biancastra, collosa: erano i succhi vaginali che le continue ed intense manipolazioni d’Aaron avevano stimolato, in preparazione alla penetrazione.
“ Piano, eh, fai piano. Lo voglio ma è veramente grosso.” Santa si era resa conto delle reali misure di quel cazzo.
“ Non temere sarò delicato”, la rassicurò ancora l’uomo, preparandosi alla penetrazione. Santa, cercava di agevolare la cosa aprendosi tutta, pronta ad accogliere la dura virilità che batteva imperiosa contro la vulva. L’entrata si presenta subito difficile, il grosso glande ha difficoltà ad aprirsi la via tra le labbra contratte del sesso di Santa. “ aaaaaahhhgggrrr! Fermati! È troppo grosso. Fai piano, mi stai facendo male. Aspetta un poco, mettilo dentro piano.” A far gemere mia moglie, era stata l’introduzione dell’enorme cappella, che aveva forzato alla grande le labbra vaginali. Dalla mia posizione, potevo vedere la parte del grosso glande, ancora fuori, tendere inverosimilmente le labbra della fessura di mia moglie. Stentavo a credere che quel grosso salame avrebbe trovato alloggio nella fica di Santa. Sarah, parlando delle misure del marito, aveva accennato a qualcosa come 11 pollici di lunghezza per un diametro di 2 e1/2: un’enormità, a mio giudizio.
“Calma, baby, rilassati, non ostacolarmi, cerca di agevolare l’entrata. Non contrarti, vedrai che scivolerà dentro9 come burro.” Aaron, cercava in tutti i modi di tranquillizzare mia moglie, pure continuando a spingersi in lei, il pene la forzava però, dolorosamente, strappandole gemiti e sospiri di sofferenza.”Uaauuff! Ce l’hai veramente troppo grosso, mi pare di aprirmi in due. Spingi piano; ti prego, così mi sventri.”Il gemito di santa, aveva accompagnato, la totale entrata, in vagina del glande d’Aaron.
“ Ti stai eccitando?Brutto porcone ” Mi sussurrò all’orecchio Sarah. Aveva notato l’impennata improvvisa del mio cazzo. A posteriori devo dire che chiamare cazzo i miei 18 centimetri, in quella sede era ridicolo, perché il meno dotato era Robert con ben 9 pollici inglesi di uccello. Sarah, aveva ragione, il vedere la vulva di santa, deformata dall’introduzione di quell’affare, mi eccitava da matti.
“ Te la sta aprendo bene, eh, il mio bravo maritino. Dopo che è passato lui, c’è il vuoto. L’avrà slargata talmente tanto, che il tuo non lo sentirà neanche più.” , continuò, la creola, ridendo. Intanto, l’incredibile stava accadendo. Tra un gemito di dolore, un rantolo di piacere, uno schizzo di ciprigno, molto abbondante, aiutato dalle contorsioni che Santa, faceva per agevolarne l’avanzata. Il nero palo di carne stava scomparendo lentamente nella pancia di mia moglie. Non saprei dire quanto tempo ci volle ma alla fine, Aaron, mise tutto il suo fottutissimo cazzone dentro la fica di Santa. Lo mise proprio tutto, fino a posare i grossi testicoli sul buco del suo culo, che a gambe spalancatissime, gemeva nello sforzo di contenerlo tutto. “Piano! Fermo! Stai fermo, non muoverlo, per amor di Dio. Dammi il tempo di adattarmi alle tue misure. Me lo sento nello stomaco, mi sembra mi ci abbiano infilato una bottiglia nella fica.” Aaron, obbedendo alla preghiera di lei, si bloccò sfilando un poco del serpentone dalla vagina di mia moglie, lasciandone dentro poco più della metà. Dopo un poco di tempo, la vagina parve ammorbidirsi adattandosi, stirandosi ed allargandosi, alle dimensioni dell’ingombrante visitatore.
Prima delle parole, fu il lento movimento dei fianchi, a far capire ad Aaron che era giunto il momento tanto atteso, poteva iniziare il lento movimento dell’amore. Seguendo quanto gli stava dicendo mia moglie, spinse in avanti i fianchi, immergendo nuovamente, nelle profondità più remote della vagina, il colossale glande.
“Aaaaaggggggrrrrrruuoo! Non così in fondo!”, rantolò, Santa. “ Così mi cacci l’utero in gola”. Ormai Aaron, aveva iniziato a muoversi molto lentamente dentro e fuori, ad ogni affondo i gemiti di dolore di mia moglie si tramutavano in gemiti di piacere. In quel momento mi resi conto che una donna può prendere nella fica un cazzo di qualsiasi dimensione, tutto sta nella preparazione e nella buona lubrificazione delle pareti vaginali. Il nero, aveva ripreso a muoversi lentamente, dentro e fuori. Ad ogni affondo, il pene trascinava le labbra della vulva all’interno della vagina, strappando un gemito di dolore a Santa, ogni volta che il glande batteva contro la cervice. Quando il grosso cazzo risaliva dalle profondità dell’utero, pareva che le piccole labbra della vagina non volessero più lasciarlo, continuando a tenerlo stretto ed estendendosi per seguirlo nella corsa d’uscita. Ben presto il lento movimento dell’andirivieni, dapprima lento, ora che la vagina si era adattata alle misure del pene, si tramutò in ritmo a spinte lente ma profonde. Il pene quasi usciva completamente dalla fica di Santa, per poi tornare a precipitarsi in profondità fino a battere contro il muso di tinca dell’utero. Pur provando dolore, almeno a giudicare dai gemiti che mia moglie emetteva, i suoi fianchi risalivano decisi ad incontrare quelli di Aaron. Il movimento ormai regolare della chiavata, andava aumentando, segno evidente che ormai nessun ostacolo poteva bloccare la logica conclusione.
Il vedere l’abbandono totale, da parte di mia moglie, a quell’amplesso che la sconvolgeva, fece suonare in me un campanello dall’arme. Pur essendo in bambola per gli spinelli e le libagioni, mi ricordai che mia moglie non faceva più uso della pillola contraccettiva, di conseguenza non era protetta contro una gravidanza indesiderata. “Aaron!”, mi trovai a dire, gemendo: ” vedi di stare attento a non sborrare dentro la fica perché non sta usando nulla e potresti metterla incinta.”. L’uomo si fermò, poi girando il volto nella mia direzione disse: ” Ok, uomo bianco, non dubitare, non farò nulla che Santa non voglia, non la lascerò pregnat.”Subito riprese a pompare con energia la fica di mia moglie. Aaron doveva trarre sensazioni favolose dalla vagina di Santa, tanto che passò le sue manone sotto le natiche contratte di santa, tirandosela ben contro l’inguine, così da spingere più in profondità possibile il proprio pene. Tutti presi, com’eravamo, dall’esibizione, di Santa e Aaron, c’eravamo dimenticati della coppia, Pamela, George, ancora impegnati in una lenta gustosa chiavata. La voce di Pamela che incitava George, fece sì che tutti, voltassimo la testa nella direzione del divano dove stavano coricati.
“Ooooooooohh!Così, pompami così, George. Dammene ancora tanto! Tutto! Colpisci forte e duro che sto godendo. Godo! Godo!” strillò Pamela. Le fece eco, George.” Aaaaaaaah! Cosììììì! Godo! Pamela, godo!Ti riempio!” Quello dell’uomo era un rantolo, un gemito liberatorio.
“ Sì, godi, ma stai attento a non godermi dentro, ” gli ricordò ancora lei con preoccupazione.
“ Ecco…. Ecco, ci sono! Sto per venire! Aaaaaaaaaahhh che fica, che fica! Sborro, sborrooooooo, Pamelaaaaaaa!” l’uomo strillò il suo piacere mentre dava l’ultimo affondo di cazzo nella vulva, restando poi saldamente immerso, immobile, fino a svuotarsi completamente nella vagina di Pamela.
“Oh, nò! Merda! Tiralo fuori, brutto stronzo!” gridò preoccupata e subito dopo, ” Merda!Merda.! Mi sei venuto dentro!”. George la teneva stretta a se. Pamela, ansimante dalla fatica amorosa, non riusciva a muoversi, aveva le guance di fuoco e lo sguardo da incenerire mentre diceva: “ Stronzo! Sei uno stronzo di merda.Sono fritta, hai sborrato dentro, come un bambinetto stupido. Che cosa credi che abbia voglia di restare incinta?E lasciami andare che almeno vado a levarmi via la tua schifezza: ” con un forte strattone riuscì a liberarsi, almeno dall'abbraccio dell’uomo. Quella sua postura faceva sì che, Sarah ed io, non perdessimo nulla delle immersioni e delle risalite, dalle profondità vaginali del supersalsicciotto nero. La mia attenzione dalla coppia fu, ancora una volta, distolta dalle calde labbra di Sarah. Che stanca di succhiare il cazzo del sottoscritto, aveva pensato di passare a qualcosa di più. Con amore srotolò sul glande, paonazzo, un preservativo.”. Non credi sia venuto il momento di darci dentro anche noi?” miagolò la creola. Con gentilezza mi spinse di spalle sul divano, poi, con tutta calma, si mise cavalcioni come un’amazzone. Con la mano impugnò il pene per guidarlo nella giusta posizione davanti alla vulva, infine, lentamente s’impalò, calandosi sull’asta. La piacevole sensazione, provocatami dalla fica di Sarah, che con il lento movimento di salire e scendere mi di sentire, con il cazzo, la più piccola piaga della vagina. Il piacere era ancor più accentuato dalla sconvolgente vista del grosso cazzo nero che scanalava, ormai in tutta la sua lunghezza e senza riserva alcuna, la fica devastata di Santa. Mia moglie s’inarcava per meglio farsi penetrare dall’anomalo palo di carne, gemendo ad ogni affondo feroce dato dal nero, e non più di dolore ma solo di piacere.”Aaaaaaaaahhhh! Oooooooooooohhhhhh! Iiiiiiaaahhhgggg!. Dio, come ti sento! Dio mio! Aaron, mi stai spingendo l’utero in gola. Sei grosso, sei tanto, sei la fine del mondo. Mi fai morire”. Le esclamazioni di piacere, lanciate da Santa m’indispettivano ed eccitavano allo stesso tempo, tanto da ricercare ancor più il contatto intimo nella profondità della vagina di Sara, che contorcendosi, gemeva di piacere coprendo addirittura i versi di mia moglie.
Aaron, pistonava la fica di Santa, con spinte sempre più potenti, tali che ad ogni imbastita, lei, si sollevava di una spanna dal divano. “Oooh, baby! Oohh, baby! Mi stai succhiando con la tua meravigliosa pussy”: L’esclamazione del nero, dava l’idea di quanto stesse godendo.
Eccitatissimo da tutto qu4ell’agitarsi, e stanco della cavalcata di Sarah, la forzai supina sul divano, poi, postomi tra le sue magnifiche cosce, rituffai il glande nelle profondità della vagina, seguendo il ritmo che stava mantenendo Aaron. Il nero era ormai nella dirittura d’arrivo. Vedevo le sue chiappe muscolose, contrarsi e tremare ad ogni affondo, segno inconfondibile che l’orgasmo era prossimo, a conferma dei miei sospetti, si levò la voce dell’uomo.”Ooh! mia piccola italiana , sto per godere, mi vuoi?” chiese rantolando e continuando pompare la fica di Santa con moto lento e profondo.
Mia moglie gridò forte, gli si avvinghiò contro, e quando lui spinse nuovamente, gemette: ”Ah, buon Dio, vengo, vengo. Colpisci, colpisci forte, spingi senza timore, ma per l’amor del cielo non uscire adesso, è troppo bello. Troppo bello sentirti dentro, per favore, per favore resta. Riempimi tutta con il tuo cazzone. Sto venendo ancora. Schizzami dentro il tuo piacere. Santa, singhiozzava, mugolando, e boccheggiando per il troppo piacere.
Sotto di me, Sarah, rispondeva con ardore alle mie spinte, diventate rabbiose ed energiche, a differenza di quanto stava facendo Aaron, che ora spingeva tutto dentro e tutto fuori, fin quasi ad uscire dalla vagina di Santa, il suo enorme pene. Dalla vulva di mia moglie colavano a rivoli gli umori della vagina, ogni qualvolta il sacchetto dello scroto batteva contro il foro del piccolo ano contratto nello spasimo, lei miagolava: ”Ancora!vengo ancora. Ah! Cesare guardami. Guarda. Come, il cazzo d’Aaron, mi sconvolge. E’ troppo, troppo. Strizzami le tette Aaron, strapazzamele, fammi male. Vieni! Vieni anche tu. Non, cela faccio più. Ti prego, vieni, schizzami tutta .” L’incredibile avvenne, Aaron, in pieno orgasmo, diede due, tre stimoli che sollevarono Santa dal divano, impalandola totalmente e restando infisso in lei profondamente. Con gusto roteava i fianchi sobbalzando e fremendo alle3 contrazioni della vagina di mia moglie, che pareva voler risucchiare, in lei, non solo il pene ma l’uomo stesso. Il gemito di Santa fece quasi paura, se non avessi saputo che era di puro piacere.”Oddio, Dio!Dio!Dio mio! Muoio, ti sento, ti sento tuttooooo. Ah, sì, adesso! Sborra adesso. Cosiiii…lo sento…. adesso lo sento, Dio come schizza, mi riempie tutta , com’è caldo. Come vibra il tuo cazzo. Questo sì che è un cazzo!Questo, mi uccide, impastami le tette così. Vengo di nuovo. Mio Dio, ma quanta ne fai? Continua, continua, ti prego, resterò certamente incinta ma non ti fermare.”. Ero sconvolto dall’incoscienza di mia moglie, ma ancor di più mi distruggeva vedere il nero corpo di Aaron sobbalzare mentre l’orgasmo lo travolgeva. Vedevo le chiappe, muscolose contrarsi ad ogni emissione di sperma, che dal suo uccello si riversava nell’utero assetato di Santa. Pensai che quell’idiota non si era tirato via, sborrando tranquillamente dentro la vagina di mia moglie. Il corpo ancora scosso dalle ondate di piacere, dell’uomo, si modellò a quello di mia moglie, restandovi coricato sopra immobile. Dopo quanto, non saprei dirlo, ma, il serpentone nero, perse finalmente la sua rigidità: iniziando così un lento ritiro dalla vagina di Santa, un movimento, simile a quello bavoso dei lumaconi che lasciano una scia umida al loro passare. Infine, quando quel tappo di carne, liberò, completamente, la vagina, della mia, cara mogliettina. L’apertura, della vulva, appariva, gonfia e dilatata, a dimostrazione di come, il grosso sesso del nero, l’avesse forzata. Subito, dalla fessura ormai libera, prese a colare una bava biancastra con grossi grumi giallastri. L’utero, stracolmo di Santa, rigurgitava di sperma lasciandolo colare fuori, fino all’ano, per formare, poi, una pozza tra le natiche ed i cuscini del divano.Il grosso pene, ancora gocciolante sperma ed umido d’umori vaginali sobbalzava ancora di piacere. Stavo immobile. Avevo smesso di dimenarmi nella vagina di Sarah, per guardare quello spettacolo.
Aaron, nel frattempo, baciava il volto di Santa, in modo osceno. Alternava lunghe, sensuali, leccate alla gola ed ai seni. La rabbia, la gelosia: montarono in cattedra nel mio io. Ero avvilito dal comportamento dei due. Fu quella miscela a suggerirmi di ripagare in eguale maniera, non proprio signorili, i miei ospiti. Ripresi con più vigore a spingere, il pene, nella fica bramosa di Sarah. Avrei voluto penetrarla con tutto me stesso. La creola parve apprezzare molto il mio comportamento, riprese a dimenarsi e mugolare sbuffando. “Ooooooohhh, mio ammmoreeee. Ohhhhhhhhh mio caro, fottimi! Fottimi così duro e profondo. Cacciami il tuo uccello nello stomaco”. Sarah, muoveva i fianchi come volesse inghiottirmi con la fica. Decisi in quel momento, di sfilarmi rapidamente dall’accogliente vagina, ed altrettanto rapidamente di liberarmi dell’odiato “condom”che ricopriva il pene, ed immergermi nuovamente nella fica. Fui tanto rapido che Sarah, pensò che un movimento maldestro mi avesse fatto uscire da lei.”Nooo! Rimettilo dentro, perché sei uscito? Rimettilo dentro, presto” L’accontentai immediatamente, presi a colpirla con spinte profonde ed energiche, come aveva chiesto. Poi, sentii la marea salire dai lombi, con sempre più forza, richiedendo una maggior velocità, di movimento. Diedi gli ultimi affondi, con tale rabbia, che avvertii, il glande battere contro la cervice. Rimasi così piantato nella parte più profonda della vagina di Sarah, godendo beatamente delle contrazioni che mi trasmetteva, i muscoli vaginali massaggiavano la punta del pene come una boccuccia, e finalmente con un sussulto liberatorio, dal glande partì la prima bordata di sperma che andò a colpire la bocca dell’utero, e poi, via, via seguirono le altre. Ne feci un litro, o almeno così mi parve. Pareva non finissi mai di eiaculare. La prostata continuava a contrarsi, in modo doloroso, espellendo liquido spermatico, infine, mentre Sarah, strillava il suo orgasmo, io, crollai esausto su di lei.
“Uuuuaaauuuuu!Oh mio Dio! Mio Dio! Fantastico, sei fantastico. Sto colando come una fontana. Ti ho sentito godere in me con forza. Dio mio che meraviglia, se non avessi ricoperto io stessa il tuo fuciletto con un condor, direi che non ti fossi protetto. Senti come sei ancora duro. Grande, l’ho detto quello che ti manca in misure lo ho in resistenza.”. Le parole di Sarah, mi riportarono alla realtà. Non so se a causa degli spinelli o che altro, avevo ancora l’uccello in pieno tiro, duro come una spranga di ferro, ancora saldamente piantato nella bollente vagina della creola, che contraendosi pigramente attorno al pene, mi succhiava fuori le ultime stille di sperma, non si era accorta di nulla. Ero stato proprio bravo, non aveva capito di avere l’utero colmo di sperma, e che quel poco che vedeva, altro non erano che una o due misere gocce strizzate sulle grandi labbra. In quel momento gioii felice convinto d’averla ingravidata. Quando, Sarah, mi chiese dove avessi messo il condom, però, successe il casino. Sussurrando, per non farsi sentire dal marito, “ che cosa ne hai fatto del condor? Fammi vedere.” Le consegnai l’involucro di lattice , vuoto. Presa dal panico mi disse che ero un’idiota,”Merda! È sperma quello che sta colando fuori, che cazzo volevi fare. Se lo dico ad Aaron ti ammazza di botte. Lascia che vada a lavarmi. Non capivo cosa avesse da lamentarsi, forse che suo marito non aveva lasciato il suo seme nell’utero fecondo di mia moglie?ritenevo che fossimo pari. Attorno a noi, il festino continuava. Le coppie si erano miscelate, Santa, ora stava baciando Robert, mentre Gorge lappava a lingua larga, la fica, ormai tornata vogliosa, di mia moglie. Aaron si era buttato su Pamela, mentre, Sarah, era stata abbrancata da Artur, che l’aveva intercettata mentre tornava dal bagno. Io, mi trovai ad essere aggredito, è il caso di dire, da Ester e Carole. La quarantenne, pareva avesse una carica erotica inesauribile: mi cacciò la lingua in gola in un bacio sconvolgente, mi stava aspirando l’anima, mentre la sua mano si sbizzarriva in ghirigori eccitanti, sul mio corpo. Carole, ripresasi dall’incazzatura avuta con Gorge, stava massaggiandomi i piedi con una capacità incredibile, salendo lungo la linea dei polpacci, delle ginocchia, su, su fino all’inguine. Aaron e Pamela, erano impegnati in un sessantanove acrobatico. Santa: mignotta, in quel momento, stava facendo un pompino, a Robert, mentre Gorge si sollazzava con la sua fica, succhiandone golosamente il clitoride. Sarah, più tranquillamente, stava giocando con il lungo e grosso pene d’Artur. “Questo, è più lungo e più grosso di quello del mio Aaron.”. Stava dicendo la donna, mentre giocava con il grosso cazzo del nero. La bocca di Carole, s’era impossessata del mio membro aspirandolo profondamente, fino a toccare l’ugola. Per tutta risposta, inarcai il corpo cercando di cacciarglielo ancora più in profondità. Ester, vista la mia disponibilità, pensò bene di farsi mangiare la fica: quasi mi soffocò, quando fattomi sdraiare supino mi sbatté la sua passerona sulla bocca. Santa, ma quale, Santa? Era impegnata a farsi trombare da Robert, mentre Gorge aveva preso il suo posto tra le sue labbra. Pure le mie due donne si alternavano, ora era Ester, ad avere il mio pene in gola mentre la vulva che mi soffocava era quella di Carole. Sarah, stava portando, il povero, Artur all’orgasmo.”Oh, merda! Oh, troia, mi stai facendo sborrare come un ragazzino, merda! Merda!” ringhiò mentre crollava sulla donna che continuava a muovere i fianchi per prosciugargli ogni residuo di seme dall’uccello. Quando fu in grado di sfilarsi dalla sua vagina, il profilattico era stracolmo di sperma. “ Vedi che faccio bene a farti mettere il condom.”. Disse Sarah, rivolta all’uomo stravolto.
“ non restiamo qua, ” suggerì Ester, “andiamo in una camera, saremo più comodi ed il nostro amico non soffrirà più, nel vedere la moglie fottuta dai nostri uomini.”. Detto questo, mi prese per mano e fattomi alzare mi condusse, in compagnia di Carole in una stanza da letto al piano superiore. L’ultima visione che ebbi di mia moglie, fu di lei a cavalcioni di Gorge, che cavalcava a tutta forza, mentre, Robert era tornato a mettere il suo pene in gola alla mia lei. Le stanze da letto, tutte situate al piano superiore, si aprivano su di un lungo e largo corridoio.Ester, mi fece entrare in una di quelle. Un gran letto matrimoniale, troneggiava al centro della stanza. Due porte conducevano, una al bagno ed una alla cabina armadio. Nudi, ci buttammo su quell’enorme letto. Carole, eccitatissima prese a baciarmi in bocca, mentre, la padrona di casa, ospitava il mio glande nella sua cavità orale. Godevo beatamente delle attenzioni delle due, che erano passate ad impalarsi, alternativamente su cazzo teso ogni oltre limite. La prima a deliziare il mio pene,. Fu la fica fantastica d’Ester. Aveva un modo di stringere con i muscoli vaginali, il pene che mandava in estasi. Mi sentivo potente, invincibile, così non ebbi problemi a far raggiungere l’orgasmo ad Ester, che sconvolta, si abbatté di lato dicendo: ”Incredibile, mi hai fatto godere come una porca e tu niente. Ha ragione Sarah, quando dice che duri una vita.”. Poi, rivolta a Carole, ” dai, tocca a te. Prendi la tua parte.” La donna, a quel punto, manifestò tutti i suoi timori. Non se la sentiva di correre il rischio che aveva già corso con quello stronzo, George. “ Dai, non perderti questo zuccherino. Cosa vuoi che sia, tu stai sopra così sarai tu a sfilarti appena il suo fuciletto schizzerà.”. Ester, riuscì a convincere Carole, che salita a cavalcioni su di me , si diresse il glande nella vagina. Chi dice che le fiche sono tutte uguali, a mio modesto parere non ha capito nulla di fica.
Tenendo conto, delle condizioni, in cui tutto avvenne, io, posso dire che quella notte, non trovai una vagina uguale, né, orgasmi simili. Quello che provai con Carole, fu Nirvana, estasi pura. Forse, la paura che io potessi godere dentro di lei, diede alla sua vagina tali contrazioni e scatti da sconvolgermi. Credo che in misura uguale, se non maggiore, quelle sensazioni le riceva Carole, che, ormai senza più timore, si agitava su e giù sopra l’asta di carne, strizzandola e succhiandola con la sua magnifica fica. Presa dalla passione, si chinò in avanti e mi diede un morso. Tale fu la sorpresa, del suo gesto, che, mentre urlavo il mio dolore, diedi un tale colpo di reni da strappare l’ennesimo gemito di piacere alla donna. Mi pompò così bene che, in uno sconvolgimento totale venni. Non era mia intenzione, ma anche avessi voluto, non sarei stato in grado di avvertire Carole. Tanto e tale era il piacere che, p4er non perdere il contatto, attirai per i fianchi la donna schiacciandola ancor più sul cazzo, e sborrai come una fontana. Carole, non so, se per lo stesso piacere che provavo io, o, perché non si fosse resa conto che le stavo allagando l’utero, continuò a strizzarmi e mungere il pene, fino a quando non esaurii l’ultima goccia di sperma. Poi, con un gemito, si lasciò crollare, su di me. Dal corridoio, venivano rumori di movimento.”Stanno salendo anche gli altri, ” c’informò Ester. Mi appisolai. A svegliarmi, un grido di dolore.”aaaaagggggrruuuuooo.Madonna mia!! Che maleeee.Levati mi spacchi in due. Oddio! Dio!Dio! Che dolore” L’invocazione era in italiano, solo Santa potava aver lanciato quell’urlo di dolore. La voce di Carole, sussurro, calma e subdola, ”stai tranquillo, non è nulla, è solo il cazzo d’Artur che sta rompendo il culo a tua moglie.”. La sua bocca scese a tappare la mia in un bacio che bloccava qualsiasi mia rimostranza, d’altra parte, pensai, quello che stava accadendo a Santa, in parte, lo aveva voluto. Mi liberai, in ogni modo dell’abbraccio di Carole, e nudo com’ero, uscii dalla stanza dirigendomi verso la provenienza dell’invocazione di Santa. La trovai in quella attigua, stava coricata su un letto, simile per grandezza, a quello dove io e Carole avevamo fatto l‘amore, sotto il ventre, un cuscino, in modo che le belle chiappe restassero poste ad un’altezza giusta per essere attaccate dal grosso mazzo dell’uomo. Artur, le stava, quasi totalmente, coricato sulla groppa ed aveva infilato, l’enorme massa nera, del suo uccello, nel piccolo sfintere di Santa, forzandoglielo in modo incredibile. La poverina, gemeva di dolore, contorcendosi, nel vano tentativo, di far uscire quell’enormità dal proprio culo.”. Levalo, per piacere. Così mi storpi tutta. Mi stai sfondando.” Il negraccio, incurante degli strilli e dei gemiti, che lo invitavano a smettere, stava scanalandole il culo avanti e indietro con tranquilla ferocia. Santa piagnucolava, “ Oddio, Dio, oi, oi, oi, oi, oi. Il mio povero, culo, me lo sento, slabbrato.”, gemeva, ansimando, nello sforzo di contenere il grosso, pene, piantato nell’ano Quella vista, anziché sconvolgermi, mi eccitava, godevo del tormento di mia moglie. La mia gelosia mi faceva interpretare la cosa come una punizione giusta: la troia, pensavo, non contenta di civettare, aveva portato il gioco fino all’estremo. Ebbene, ora ne pagasse le conseguenze. Artur, aveva preso a limarle il culo con decisione, strappandole vre e proprie urla di dolore. Restando sulla soglia della porta, badando a non farmi vedere, godevo di quella bestiale penetrazione. Tale era la mia attenzione che non mi resi conto della presenza d’Ester, al mio fianco, fino, quando, la sua mano non si posò sul mio pene, tornato rigido. “Vieni, lasciamoli soli”, sussurrò. Impugnato il pene, mi tirava nella stanza da letto. Le sue attenzioni mi fecero dimenticare tutto e tutti. La sua bocca, mi deliziava, con un pompino da favola. Io, le restituivo il piacere divorandole la fica. Ho detto che quella notte scoprii le differenze che ci sono tra i sessi femminili, bene, Ester, ne era la cartina tornasole: aveva una gran capacità con la bocca, ma con la fica era un disastro. La sua vagina, era ampia, accogliente, troppo larga, tanto da non sentire le pareti vaginali, ben a contatto con il pene, una delusione. Certo, quella fica era abituata a calibri diversi ma io non riuscii a sentire nulla, impiegai una vita a venire. Quando l’orgasmo sopraggiunse, mi liberai tranquillamente in quella sua enorme vagina, del poco sperma rimastomi nei testicoli, poi, esausto, crollai, di botto, in quello che era un dormiveglia ,fatto di tonfi, gemiti di piacere, di modesta intensità, tali in ogni modo da svegliarmi definitivamente.
Il senso di gelo che avvertivo nelle ossa, mi svegliò. Non avevo idea di che ora fosse, da fuori non trapelava ancora la luce del giorno. La bocca, impastata dal troppo bere e fumare mi dava un sapore schifoso. Avevo bisogno di un bicchiere d’acqua e di andare in bagno. Impiegai un po’, prima di collegare tutto: la strana nottata di Halloween, gli spinelli, forse troppi. Lo strano gioco dello scambio dei partner, con Aaron che si scopava mia moglie sotto i miei occhi consenzienti, che casino: e mia moglie dov’era finita? Scesi dal letto, evitando di dare disturbo alle due donne che, ancora dormivano saporitamente. . Procedendo tentoni, cercai i miei vestiti, a mano a mano che li trovavo, li indossavo. Uscii nel corridoio, illuminato dalla luce delle aplique. Le porte delle stanze erano tutte aperte, chiunque, poteva vedere all’interno quanto accadeva. Curiosai, andando porta per porta, e trovai la mia dolce metà: stava, completamente nuda, coricata sul fianco destro, la gamba sinistra, ripiegata sopra la destra, in modo tale, che mostrava completamente la fica, perfettamente rasata, dove, il grosso pene d’Aaron, stava ancora alloggiato. L’uomo, posto alle sue spalle, doveva averla fottuta da tergo e, a giudicare dalle tracce di sperma rappreso, che stavano attorno alle grandi labbra, dovevano essere stati parecchi gli uccelli che avevano lasciato il loro succo nella vagina di Santa.
Rabbia, gelosia, schifo: Cosa di queste cose mi fece uscire da quella casa? Non lo saprei dire. La realtà, che in quel momento, mi trovavo, il giorno dopo, Halloween, a camminare, solitario, nell’umida alba di New Orleans. Trovai un Drug aperto, feci colazione e pregai la cameriera di chiamare un taxi. Quando la vettura si fermò davanti all’ingresso dell’albergo, erano le sei. Pagai la corsa del taxi e mi precipitai nella mia stanza, dove, dopo una bella doccia mi ficcai sotto le coperte. A svegliarmi, questa volta, definitivamente, gli insulti di mia moglie, che accompagnata dagli amici, era rientrata.
“ Allora! Mi vuoi dire cosa ti è venuto in mente? Sei venuto via senza avvisare, come un ladro. Non hai pensato a me? Non hai pensato ai nostri ospiti? Ti sei dimenticato di cos’hai fatto questa notte in casa di Artur?”. No! Cazzo, non avevo voglia di ricordare quella notte e glielo dissi: ” so di non essermi comportato bene, e te ne domando scusa. ,ma il tuo comportamento, è stato, a dir poco, indecente. Lo scoprire che, ti eri.Depilata la fica perché Aaron amava le vulve imberbi delle adolescenti, mi ha sconvolto. Il vedere mia moglie, godere e farsi brutalizzare da più persone, mi ha sconvolto. Vederti concederti, senza riserva alcuna ed implorare, addirittura, che il tuo amante, godesse pienamente e liberamente in te, mi ha fatto capire che la storia andava avanti da qualche tempo. Non so più cosa pensare, Santa. Non so se sono stato abilmente manipolato anche da te, o se anche tu sei vittima. Perché, la cosa ormai è chiara, era stata preparata, e tu in tutto questo che parte hai? Sei, vittima, di una macchinazione, oppure, hai partecipato attivamente affinché la cosa riuscisse?. No, non so proprio cosa pensare”, conclusi.
Santa, camminando avanti e indietro, per calmarsi, pensò un po’, prima di rispondere.”Hai ragione, anch’io non mi sono comportata bene. Non so cosa mi sia preso, cosa vuoi che ti dica, forse la novità del momento? O forse, il sapere che tu avevi già fatto la conoscenza intima di Sarah, mi ha fatto sentire autorizzata a comportarmi in quel modo. Non fare quella faccia: l’ho sempre saputo, sin dalla prima volta. Sì, devo dirti la verità, fino ad oggi sei stato usato. Avevamo già programmato tutto ma, dopo questa notte, basta, torneremo la coppia che era. Ho capito che ti amo e non voglio perderti. Hanno detto che, Halloween, sia la notte delle streghe, bene la strega cattiva è andata via, è accaduto e basta. Perdoniamoci a vicenda, e riprendiamo dall’arrivo. Posso giurarti, e non mento, che fino all’arrivo d’Aaron, non ho mai fatto nulla che potesse ferirti. Poi vedendo che ti scopassi sua moglie, beh, ho pensato che non dovessi sentirmi in colpa, sarei diventata loro complice. Possiamo buttarci tutto alle spalle , oppure scannarci. Pensaci”.
Santa, rimase tranquilla aspettando in silenzio. Faceva presto, lei, ma io? io come dovevo comportarmi,io? Come potevo confessare a mia moglie che pur morendo di gelosia, tutto quello che avevamo fatto, mi era piaciuto, anche se mi aveva sconvolto. No, non potevo. Dovevo accettare i fatti, così, come stavano. Avevo le mie colpe, meglio, molto meglio dimenticare. Strinsi Santa, in un abbraccio, che voleva trasmetterle,tutta la mia comprensione e sigillare il definitivo “oblio” di quella serata. Ci baciammo con passione, fino, a quando, il desiderio, non divenne irresistibile. Ci strappammo, letteralmente, gli abiti di dosso, sempre continuando a baciarci. Feci coricare Santa, sul comodo letto, mentre mi dichiarava tutto il suo amore, io, percorrevo, con le labbra, la linea del suo collo, delle spalle, del suo seno. Stavo succhiando un capezzolo, quando vidi una cosa che mi disturbò. Sul collo, un segno, tondo, di un viola bluastro, che, mi riportò alla notte trascorsa in casa di Artur. Quel succhiotto, sul collo, di mia moglie, pareva essere il timbro che lasciava Aaron, come già aveva fatto in Italia. Dimenticare sarebbe stato molto difficile. Il desiderio d’amore di Santa, era sempre più pressante4, tanto che non resistendo più, mi si mise sopra, ponendosi nel classico 69. La mia lingua trovò immediatamente, la gustosa fessura di Santa. Alla prima lappata seguì il suo gemito di dolore. Dolore? “Piano! Fai piano, mi brucia, ancora” gemette, lamentandosi. Incuriosito, guardai cosa potesse procurarle quel dolore. Da quel che vidi, capii che buttarci tutto alle spalle, sarebbe stato, veramente difficile.
Le labbra della vulva, apparivano tumefatte, gonfi e lasciavano vedere il vestibolo ampiamente dilatato dalle notevoli misure che, la poveretta, doveva, aver assorbito. L’ano, poi, appariva incredibilmente infiammato, gonfio ogni limite immaginabile e lo sfintere aveva tracce d’escoriazioni. Era facile, intuire che, Aaron, e compagni, prima, di accompagnare, mia moglie in albergo, se la erano spassata, con lei, facendole più volte, visita nel culo, con i propri cazzi.
Fui, tenero, come, lei mi aveva chiesto, ma troppo rude, per l’irritazione delle mucose, troppo infiammate per fare l’amore. Restammo, abbracciati, sul letto, per parecchio tempo: ognuno perso nei propri pensieri. Molto tempo, dopo, avvertì, il timido tocco, delle dita di Santa. Visto, che non la respingevo, la mano, si fece più ardita: fino ad impugnare il pene. Sentii che mia moglie si muoveva con delicatezza, come se avesse timore di svegliare il mio risentimento, poi, il piacevole contatto delle sue labbra sul glande, dapprima, molto timidamente, poi, più deciso fino trasformarsi in un favoloso pompino. Era il suo modo di, sancire una pace, forse ancora più bello del solito, perché dichiarava il suo amore. “ Amo! Ti amo come nessun altro.”, borbottò Santa, avendo la bocca piena del mio sperma.
Il giorno dopo , vedere le altre coppie , mi creò qualche problema. Fu, Aaron, a risolvere la situazione, mi prese , prontamente la mano, e con uno smagliante sorriso, disse:” non crearti problemi,ieri, era la notte di Halloween. La notte delle streghe, dei morti, del woodu. Tutto era ammesso tutto poteva accadere. Bene, è accaduto, ci sono state nuove conoscenze. Tu, hai gustato il sapore delle nostre donne: noi della tua, finito, chiuso. Oggi si deve dimenticare, fa parte del gioco, almeno fino al prossimo anno. Chi sa, cosa può accadere tra un anno.” Concluse l’uomo. Trascorremmo, quella che doveva essere l’ultima giornata a New Orleans, in compagnia dei soci di Aaron. La giornata, fu monotona: si parlò, o meglio, parlarono solo di viaggi, offerte e agenzie , concorrenti. Io continuai a vivere male la situazione. Mi pareva, che quegli uomini , fossero ancora, impegnati, con i loro sessi, a slargare, le mucose uterine di mia moglie. Il tormentone, finì il giorno dopo, quando all’aeroporto, ci salutammo, con la tiepida promessa di rivederci, ma era chiaro che nessuno ci credeva.
Mentre, seduto accanto al finestrino, guardavo il suolo degli Stati Uniti, scorrere, sotto le ali del 747, in volo per Malpensa, stringevo teneramente , la mano di mia moglie Pensavo che ora, forse sarei riuscito a mettere quella pazza nottata dietro le spalle e, con feroce sadismo, sperai, anche solo per un momento, che, chissà, se tra poco nel ventre di Sarah e Carole non avesse preso forma e vita , un bel bimbetto dagli occhi azzurri. Otto giorni, dopo, la notte di Halloween, io e Santa riprendemmo a fare l’amore con gran soddisfazione. L’apice, della nostra, ritrovata, gioia di vivere . Lo raggiungemmo, quando Santa, si accorse di essere incinta. Festeggiammo quell’evento con grande gioia, avevamo pianificato tutto, ed ora, finalmente, la bella notizia. L’ecografia ci rivelò il sesso del nascituro:l’avremo chiamata , Franca.
Trepidai con mia moglie, quando le prime doglie arrivarono. Ci eravamo preparati per l’evento. In sala parto le tenni amorevolmente la mano, mentre l’ostetrica le diceva cosa fare. L’emozione, della sala parto, non è paragonabile a quella del momento stesso della nascita. Franca, con il suo arrivo, mi traumatizzò. Il suo primo strillo, era un inno alla gioia, mi sentivo orgoglioso di quella mia figlia. Poi, vidi lo sguardo dell’ostretica e mi preoccupai. “Sorpresa!” biascicò la donna. “Cosa, c’è. Qualcosa non va?”, domandai preoccupato. “NO, va tutto bene , la bambina sta benissimo, è sana come un pesce, è solo, che ha preso un po’ di sole. “ Non capii. “ come, ha preso un po’ di sole, come può essere?” ribattei ancora preoccupato, mentre Santa mi stringeva convulsamente la mano. “Ecco, cosa intendi “ Disse l’ostretica mentre sollevava il fagottino di carne e pelle , che rosa non era, era invece di un bel colore nero, con tutte le caratteristiche di quella razza. Restai, incredulo a guardare, quell’esserino, che certo, non era , mia figlia, ma di Aaron , o,di chi, sa altro, ma per quello ci sarebbe stato tempo.
Era tutto così difficile. Volevo bene a quella creatura indifesa, ma era la prova vivente della notte di baldoria che avevamo fatto, e , questo era motivo di litigate, tra Santa e me.
“Caro, Cesare, il mio amore per te, non è in discussione, e , lo sai. La notte di Halloween, eri con me, hai fatto le stesse cose che ho fatto io. Ora, se c’è un problema, questo è solo tuo. Se vuoi, la bambina è solo nostra,altrimenti ognuno per la propria strada” La decisione di mia moglie, mi convinse ad accettare quella bimba. Amavo, ed amo moltissimo Santa, per non stare accanto a lei. Questo, accadeva più di un anno fa: ora Santa , vuole che noi si abbia un figlio solo nostro, mio e suo. Preso dall’euforia, ho trascinato mia moglie sul letto. Non pareva però entusiasta, di doversi mostrare nuda, “Stanotte, caro, lo facciamo stanotte, ora c’è la bimba”, la scusa era buona ma io ero impaziente di farmi una scopata come da tempo non ne facevo. Infine, vinta la sua resistenza, l’ho scaraventata sul letto e subito le sono andato sopra. Tra una risata ed una negazione, le ho tolto le mutandine ,e, sorpresa, ho visto la sua bella fica completamente rasata. Un dubbio atroce mi coglie, a volte, ritornano. Non dirò nulla a Santa, almeno, per il momento, ma dubito fortemente che la causa sia, il prossimo arrivo di Aaron in ITALIA
. Questa volta, però, se il bimbo che nascerà, dovesse avere la pelle nera, lascerei definitivamente mia moglie.

Cesare, un marito furbo, o, come credo: un povero pirla, usato?.






Se ritieni questo racconto offensivo della dignità altrui, discriminatorio o abbia contenuti non legali
segnalalo subito!

:: INSERISCI UN TUO COMMENTO ::

I Commenti dei lettori:


:: Non ci sono commenti per questo racconto ::


   Racconto successivo:
  "mia madre il padrone di casa"
  Racconto precedente
  "la moglie vacca"
« SOMMARIO »

Vuoi inviare anche tu
un racconto o una tua esperienza erotica?




 Annunci&Incontri
 Mettiti in Gioco
 Exhibition&Escorts
 Racconti erotici
 Erotic Writers
 Le Donne si Spogliano
 Fotoracconti Hard
 FreeGallery XXX
 Porno Dive
 Video Porno Gratis
 Film XXX Online
 Webcam Streep
 Adult TV Online
 Filmissimi
 Free XXX Hentai
 Sexy Cartoons
 le Porno Barzellette
 Pornogames
 Sex & Bizzarre
 Cards per Adulti
Community
 CONOSCIAMOCI!
 FORUM
Login:
Email:
Pass: 
Accesso auto
Non ricordi i tuoi dati?
Modifica la password
Aggiorna il tuo profilo
Cancella account
::: ISCRIVITI :::
XXX Mobile
Sul tuo cellulare
scarica o vedi gratis i video porno di Nutilla-Mobile


FILMISSIMI
Films hardcore
della durata di circa 30 minuti da godersi davanti al proprio PC


FACCIAMOLO COSI'
In quale posizione preferisci fare sesso?
Vota la tua preferita e lascia un commento!!!


PORNO DIVE
Sono arrivate le splendide:
Far Sarawimol,
Alexis Lee e Brianna Banks


FILM XXX ONLINE
Tantissimi video porno gratis!!!


PORNO GAMES
Per giocare con il sesso direttamente online


Visita la pagina della nostra Community dove trovi tanti amici che vogliono conoscerti...

GRANDE NOVITA'
La TV per Adulti direttamente sul tuo computer.
9 canali con programmazione non-stop tutti gratis!!!


Dimostra le tue doti di Amatore
partecipando
al grande
torneo-game
"Fammi Godere" nella sezione
PORNO GAMES


Sissi
è la concorrente in testa in questo momento con
1709 voti.



messaggi di single, coppie, ecc.
L'ultimo messaggio :
bimbadolce
Per tante coccole dolci e sensuali..contat tami...sono calda e avvolgente come l'estate....
baciiii
Vale< r>p.s *** dalle 15 alle 21.no sms! ...
Tantissimi film
da godersi
direttamente
online
Le Donne si Spogliano
OGGI
Giochiamo a:
Dolce Pompino
Il video di oggi è:

NO, NO, il culo NO!!!



 Segnala un sito | CERCO:Amici!Amore!Sesso! |
  nutilla.com  © 2000>2013 - Tutti i diritti sono riservati CONTATTACI DISCLAIMER HOME PAGE TORNA INDIETRO TORNA SU

PORNO GAMES RACCONTI EROTICI SEX GAMES ANNUNCI E INCONTRI VIDEO DIVERTENTI BARZELLETTE GAMES FOR ALL FORUM PER ADULTI VIDEO PORNO ITALIANI

.