Tantissimi games GRATIS da giocare direttamente online.
Vuoi scambiare tua moglie?
www.scambieebaratti.com
SEGNALA UN SITO AGGIUNGI NUTILLA FRA I TUOI PREFERITI CONTATTA LO STAFF
Siamo in 115
» HOME

» PAUSACAFFE'
· GameBox
· La Sai l'Ultima su?
· I Test(icoli)
· Gli Scherzi on-line
· Oroscopo


» PAZZOWEB
·VideoFun
·Immagini Pazze
·Notizie Pazze
·Sfondi Pazzi


» COM.(M)UNITY
·La Messaggeria
·Chat-ti-amo


» UTILITY
·Utility-Desktop
·Buoncompleanno
 Cards

·Bad Cards


» ADULT ZONE

» WEBMASTER
SCHERZACCI...
da provare subito! Fantastici scherzi inviati direttamente in email e personalizzati con il nome
della tua vittima


PAZZE NOTIZIE 
Le notizie più buffe e divertenti
scovate qua e la nel web

BAD CARDS
Non le solite cartoline... Queste faranno uscire gli occhi dalle orbite i malcapitati destintari!!!
Le ultimissime news dal mondo dei cellulari


Nutilla on Facebook


Home > Adult Zone > Racconti Erotici > La Vicina


  
 RACCONTI EROTICI

» la vicina
inviato da: salvatore
Letto 17.996 volte
Al 75° posto in questo momento con 362 voti.
Hanno votato in 13 giorni 90 amici (41 donne e 49 uomini).


Nel mio palazzo erano venuti a vivere una coppia di sposini, appena giunti dal viaggio di nozze, lui sulla 30 impiegato di banca, un tipo monotono e pignolo e lei 28 anni, timida e bellissima, estremamente femmina, mora con i capelli lunghi e mossi, un corpo da favola con un culo mediterraneo tondo e alto, un seno tondo e molto grosso, e un paio di cosce da infarto.
Sembravano molto felici, ed erano gentilissimi, lei salutava sempre ed era molto cordiale, con tutti gli inquilini del palazzo, era sempre indaffarata ad occuparsi da brava mogliettina della casa e della spesa. La incontrai spesso e parlammo per qualche istante, era la tipica brava ragazza della porta accanto, almeno così sembrava, pensai. Io ho 50 anni e sono un noto e ricco avvocato, biondo e alto 180, non dimostro la mia eta ed ho un fisico asciutto e muscoloso, sono sposato con una ragazza molto giovane che in passato era la mia segretaria.
Una mattina tornando dal tribunale, la incontrai nell'atrio tutta presa con le borse della spesa e prendemmo l'ascensore insieme, e con noi salì una vecchietta che abitava all'ultimo piano, faceva caldo e la signora aveva un taier nero, con un'ampia spacca e una camicetta bianca sotto al giacchetta.
Una volta entrati nell'ascensore ci accorgemmo che la luce non funzionava, le due donne erano tutte prese a parlare di figli e di matrimonio, l'odore della sposina era intenso, fresco, il suo profumo si mischiava all'odore intenso della sua pelle, del suo sudore, del suo essere di femmina.
Scherzammo sul fatto di essere al buio e la sposina era molto vicina a me, e visto che l'ascensore era piccolo, un paio di volte, la mia mano inavvertitamente le sfiorò la coscia calda che era velata dalle calze, all'altezza dello spacco.
Cercai di nuovo il contatto con il calore della sua coscia e lei si staccò dalla mia mano, senza smettere di parlare con quella vecchia rompicoglioni.  
Non so cosa mi prese, ma fu un impulso irresistibile. Allungai la mano e cercai la sua coscia, prima come se la sfiorassi inavvertitamente, poi cominciai ad accarezzarle la coscia velata dalle calze, con le dita, la sua pelle era calda e liscia. La sua mano mi afferrò il polso, cercando di staccarsi la mano dalla coscia, ma io ero molto più forte di lei, e contunuai ad accarezzarla sotto lo spacco. Mentre lei parlava con la vecchia cercando di nascondere l'agitazione. Risalii lungo lo spacco e le afferrai saldamente un gluteo, era molto sodo e caldo, cercai il suo spacco e cominciai a farle scorrere le dita tra le labbra della figa, attraverso le calze, bruciava e si stava bagnando, cominciai a spingerle le dita dentro la figa con tutte le calze e sprofondai dentro di lei, pompandola per un paio di volte. Mentre lei per via della vecchia che era con noi in ascensore, aveva dovuto subire passivamente il mio assalto, per non fare scoppiare uno scandalo. Arrivammo al piano della vecchia e sfilai le dita dalla fregna della sposina, che si ricompose, mentre quella rompicoglioni usciva dall'ascensore. Ormai non avevo molta scelta, dovevo prenderla, lei fece per scendere dall'ascensore ma la bloccai prima che potesse farlo e le porte si richiusero.
- Avvocato!! Ma che le prende, la prego, sono una donna sposata. Sussurrò tutta intimidita.
Non le risposi, la schiacciai contro la parete strusciandomi su di lei e le ficcai la lingua in bocca a forza, lei si divincolò per un istante ma poi si lasciò andare, rispondendo con passione al bacio. Cominciai a gustarmi la sua bocca dolce e calda, la mia lingua cercava la sua, mentre con le mani dopo averle alzato la gonna, le stringevo i glutei sodi e caldi. Lei sospirava e gemeva, fermai l'ascensore e lo mandai al 10 piano, sul terrazzo, mentre proseguivo baciarmi al sposina, che protestava ma senza tanta convinzione...
- Avvocato!! Ma che mi sta facendo fare su! Sia buono sono uan donna sposata, e da poco, ho madonna, buono con le mai, è un polipo...
Anche questa volta non le parlai, le rimisi la lingua in bocca, succhiandole la sua, e le mordicchiavo le labbra carnose, aveva un profumo stupendo...
- Avvocato, la prego, non mi lasci segni... Sussurrò
lasciandosi andare tra le mie braccia, remissiva e sottomessa.
L'afferrai per il culo sodo e la sollevai da terra, costringendola ad afferrarsi con le cosce alla mia vita, appoggiando la sua figa sul mio uccello che era già duro, la baciavo mentre con le dita le aprivo il culone e le strusciavo il cazzo sulla passera, bruciava ed era fradicia!!
Bloccai l'ascensore. E mentre la soreggevo con una mano sotto quel culo splendido, mi tirai fuori l'uccello, infoiato come una belva in calore le strappai, le calze tra le cosce, sempre senza smettere di baciarla, di leccarla, di annusarla, le appoggia la grossa cappella del mio uccello, all'imboccatura della figa, bruciava ed era fradicia. Sussultò quando l'uccello le scivolò dentro di colpo, fino ai coglioni, sentivo la sua figa, stringermi il cazzo, avvolgerlo, mangiarselo, mentre lei cominciava ad agitarsi a muoversi sul grosso cazzo che la riempiva, che la possedeva..
- Fottimi, stronzo, fottimi!! Sussurrò, mentre cominciavo a pistarla con furia, gemeva come una cagna, affamata di cazzo. Ciminciò a venire, tremando e sussultando e anche io cominciai a sborrarle dentro a riempirle la figa con la mia sborra bollente.
- Mi hai fatto godere!! Disse.. tremante.
Ci ricomponemmo e le diedi il mio numero di cellulare.
- Voglio rivederti! Le dissi
- Vedremo Avvocato, vedremo! Con lei non lo prendo più l'ascensore! Comunque grazie!
Mi diede un bacetto sulla guancia e uscì sul suo piano.. ero stralunato. Non feci che pensare alla Signora per 1 Settimana, convinto che non mi avrebbe mai chiamato. Ma una mattina presto mi arrivò un SMS, " Avvocato, mio marito è fuori città, e sono tutta sola e triste in casa". Mi sembrò di vivere un sogno, annullai tutti gli appuntamenti e invece di andare in tribunale, bussai alla sua porta e mi intrufulai nel suo appartamento. Ci baciammo subito, il suo profumo era dolcissimo, le sue labbra calde, la sua lingua vellutata e veloce.
Ci sedemmo nel suo ampio salotto e parlammo per un pò anche per conoscerci meglio, mi disse di essere molto timida e riservata, e che il marito era il solo uomo che aveva avuto, dopo una brutta esperienza che l'aveva segnata, con un camionista, che quando era ragazzina l'aveva presa con violenza, ma mi confessò che spesso desiderava essere presa in quel modo e che quindi in ascensore si era eccitata moltissimo.
La presi per i capelli e la tirai verso di me mettendole la lingua in bocca, e cominciando a succhiargliela, mentre con la mano le strappai la camicetta, afferrandogli una grossa tetta, era soda e turgida, la sua pelle scottava, il suo odore di muschio bianco, di femmina, mi stordiva e mi eccitava come un porco. Le cercai il capezzolo cominciando a tirarlo forte e a stringerlo tra le dita, mentre la sposina, gemeva e sospirava come una maiala. Strattonandola per i capelli la le spinsi il viso tra le mie cosce, e lei cominciò a baciarmi l'uccello duro attraverso la stoffa dei pantaloni, stringendolo tra le dita della sua mano e facendo lentamente su e giu, piano e forte. E brava la sposina, pensai, dietro la maschera della brava ragazza si nascondeva una troia in calore, che voleva essere sottomessa.  
- E' grosso, molto grosso, avvocato!! Disse continuando a giocare col mio cazzo, attraverso i pantaloni.
- Le piace signora?
- Moltissimo!
Senza parlare, la strattonai afferrandola e trascinandola sul tappeto, come se fosse un oggetto, infoiato le strappai di dosso i vestiti facendoli a pezzi,

lasciandola tutta nuda e tremante distesa sul tappeto persiano. Era tutta rossa, sottomessa al suo padrone. Ancora vestito mi piegai su di lei, e cominciai ad annusarla, a leccarla, a succhiarle il collo, le grosse tette sode, i capezzoli duri e scuri, la sentivo tremare, sussultare, inarcarsi, mentre la mia lingua e le mie labbra la tormentavano e le mie mani le sfioravano i seni, il ventre, le cosce, la sua pelle era soffice come la seta, la sua carne dura e soda. Solo dopo 10 minuti cominciai a succhiarle le grosse labbra carnose e le mie dita affondarono nel folto pelo nero della sua figa, facendola saltare, era fradicia, gonfia, polposa, aperta come una papaja, il suo clitoride era gonfio.  Tremava si agitava, inarcava la schiena, gemeva, mentre le mie dita le scorrevano tra le labbra della passera, le afferravano il clito lo strofinavano, tormentandolo. Cominciò a venire, in silenzio, mentre io iniziaai a leccarla sul viso, sul collo, mentre lei godeva nella mia mano.. il suo miele caldo le scorreva fuori dalla figa come da una fontanella. Intanto le parlavo nell'orecchio..
- Brava la mia signora! Sei tutta fradicia, da oggi sarai la mia cagna!!
- Si! Sono la tua cagna, padrone!!!
Mi portai le dita intrise del suo succo alla bocca e me le succhiai.
- Hai un sapore dolcissimo, troietta. Le dissi rimettendole le dita nella figa, pulsante, bruciava, le feci affondare 2 dita dentro, la sua figa me le stringeva, mentre io la scavavo...
- Ho mio diooo!!! Continua brutto porco, fottimi!! Che dita grosse che ha avvocato... Gemette lei.
Cominciai a fotterla con le dita, forte, sempre più forte, finchè venne di nuovo, urlando come un'ossessa!!! Allora, le sussurrai...
- Brutta cagna, raccontami del camionista.
- Veramente... mi vergogno, non l'ho mai raccontato a nessuno! Sussurrò...
Le tolsi la mano da dentro la figa e le afferrai la grossa tetta da sotto, era turgida e calda, tonda come un melone, intanto mi guardava intimidita, rossa ed eccitata, improvvisamente le gettai un morso sul grosso seno, affondando i miei denti nella sua tenera carne... Lei urlò dal dolore...
- Troia! Ho detto racconta!!
La Sposina, con le lacrime agli occhi, tutta rossa e tremante, distesa di schiena completamente nuda con le cosce aperte, cominciò a racconatre. Mentre io le stavo affianco, ancora vestito, e intento ad ascoltarla, mentre la leccavo, la succhiavo, la annusavo e le mie dita la penetravano nella figa bollente e pelosa, fottendola senza sosta..
L'odore della sua figa era dolcissimo e si diffondeva per tutta la stanza.
Sottomessa al suo padrone cominciò a raccontare:
avevo compiuto 18 anni da non più di 4 giorni, ero ancora vergine ed ero col mio ragazzo in macchina, litigammo perchè lui voleva che gli facessi un pompino e io non volevo, scesi dala macchina e scappai piangendo...
Camminai per molto tempo lungo una strada provinciale, e stava facendo buio, a un tratto si fermo un grosso camion, e un signore si affacciò chiedendomi se volevo aiuto, mi offrì un passaggio dicendo che era pericoloso camminare lì ed io accettai...
Era un signore grosso pelato, di circa 48 anni, con una canottiera e dei pantaloncini, tutto peloso, e puzzava di sudore ed alcol. Ma era simpatico, a un tratto disse che sentiva un rumore e prese una stradina, sterrata, scese e risalendo disse che non era nulla.
Dovevamo girare il camion ed andammo avanti inoltrandoci nella strada isolata e buia arrivammo sotto un cavalcavia del'autostrada e lui fece per girare il camion, io ero abbastanza tranquilla sembrava una persona apposto.
Ma, quando girò il camion, si fermò sempre sotto quel ponte, e si girò verso di me, e mi gettò un pungo che mi fece svenire.
Quando rinvenni ero nel retro del camion, lui era solo in mutande, e aveva gli occhi tutti rossi, si avvicinò e mi getto una sberla pazzesca...
- Spogliati! Brutta puttana. Mi urlò. Tremavo avevo paura, ma mi resi conto che dovevo assecondarlo, o mi avrebbe ammazzata, era pazzo!!
Mi spogliai tutta.. e tremante gli dissi:
- Sono ancora vergine...
- Bene allora stasera ti svergino io zoccoletta, quanti anni hai?
- 18 Signr Camionista.
Lui si avvicinò e mi afferrò, era fortissimo, mi sollevò letteralmente da terra, mi piaceva il calore che emanava quel corpo grasso e muscoloso, e la situazione violenta mi eccitava, mis tavo bagnando ed ero tutta rossa. E pensai che era tutta colpa mia, era meglio fargli il pompino al mio ragazzo. Anche se in realtà nelle mie fantasie sognavos empre di essere violentata da un bruto.
Il camionista, mi afferrò saldamente e mi attaccò, tutta nuda, come se fossi una vacca, a un gancio che pendeva dal tetto del camion.
- Voglio guardarti! Mi disse eccitato, sei una bellissima vitella, cominciò ad annusarmia sfiorarmi con le sue mani ruvide e callose, lungo le cosce, sul viso, afferrava le mie grosse tette e le stringeva fortissimo, fino a farmi urlare, l'odore del suo sudore invece di nausearmi, mi eccitava e mi stavo bagnando ... Sentii le sue grosse dita affondare nel mio pelo, cercare la mia figa ...
- Puttana!!! Sei fradicia... vediamo se è vero che sei vergine, e mi pianto 2 grosse dita nella figa, spingendole con forza dentro, di me, sprofondarono dentro di me sfondando l'imene  e penetrandomi, cominciò a fottermi con le dita, mentre con l'altra mano cercava il buco del mio culo, e cominciò a penetrarmi anche lì... mi fotteva come un ossesso, con 2 dita nel culo e 2 nella figa, mentre mi succhiava e mordeva le tette.
Venni, urlando, ebbi così il mio primo orgasmo, appesa come una vacca, tra le braccia di un grassone, peloso e muscoloso, lui sfilò le dita e mi uscìì il sangue dalla passera, prese uno straccio e mi pulì tutte le cosce e la figa e si inginocchio tra le mie gambe, cominciò a mangiarmi la figa a leccarmela a succhiarmela mentre mi mordeva il clitoride e mi sbatteva con le dita nel culo e nella passera... venni nella sua bocca, 1-2-3-4-5 volte di seguito contorcendomi e sussultando...
Mi slegò e mi fece mettere a pecora, e mi infilò la sua mazza dentro la figa fottendomi con una forza bestiale poi la sfilò e me la sbatte su nel culo, dio mi stava aprendo in due, avevo 18 anni da 4 giorni e mi stavo facedno fottere come una troia, da un porco di 48 anni, sporco, peloso, sudato e la cosa mi piacevaaa da morireee.
Mi inculò con quell'arnese enorme a lungo, veramente a lungo, allargandomelo tutto, sfondandolo, con una forza bestiale, infilzatain quel palo di carne bollente credevo di morireeeeeee
Venni di nuovo, ancora e ancora, urlando  e gemendo... dio come godevo, mi piaceva...
Lui si sfilò dal mio culo e mi infilò il grosso cazzone in bocca, cominciando a sborrare e afferrandomi per i capelli mi ordinò di ingoiare tutto, mi riempì la bocca e la gola di sborra, era caldissima e non finiva più di schizzare, ed io buona, buona ingoiavo, ingoiavo tutto...
Poi mi ripulì tutta, dalla sua sborra e dal sangue, mi rivestì e mi chiese se volevo essere portata a casa, come se niente fosse, io dissi di si, ero ecciatata, soddisafatta, sfondata...
Sul camion glilo tirai fuori e mentre lui guidava lo presi in bocca di nuovo, io senza che lui mi forzasse, fino a farlo venire...
Il giorno dopo lasciai quel frocetto del mio ragazzo, che palle lui e tutte le sue storie sull'amore. Per  2 anni circa continuai a farmi fottere come una vacca dal camionsita, sotto quel ponte lercio, appesa come una maiala...


  
  




  

  




Se ritieni questo racconto offensivo della dignità altrui, discriminatorio o abbia contenuti non legali
segnalalo subito!

:: INSERISCI UN TUO COMMENTO ::

I Commenti dei lettori:


:: Non ci sono commenti per questo racconto ::


   Racconto successivo:
  "le avventure di una coppia aperta"
  Racconto precedente
  "il mio amico mario (1° parte)"
« SOMMARIO »

Vuoi inviare anche tu
un racconto o una tua esperienza erotica?




 Annunci&Incontri
 Mettiti in Gioco
 Exhibition&Escorts
 Racconti erotici
 Erotic Writers
 Le Donne si Spogliano
 Fotoracconti Hard
 FreeGallery XXX
 Porno Dive
 Video Porno Gratis
 Film XXX Online
 Webcam Streep
 Adult TV Online
 Filmissimi
 Free XXX Hentai
 Sexy Cartoons
 le Porno Barzellette
 Pornogames
 Sex & Bizzarre
 Cards per Adulti
Community
 CONOSCIAMOCI!
 FORUM
Login:
Email:
Pass: 
Accesso auto
Non ricordi i tuoi dati?
Modifica la password
Aggiorna il tuo profilo
Cancella account
::: ISCRIVITI :::
XXX Mobile
Sul tuo cellulare
scarica o vedi gratis i video porno di Nutilla-Mobile


FILMISSIMI
Films hardcore
della durata di circa 30 minuti da godersi davanti al proprio PC


FACCIAMOLO COSI'
In quale posizione preferisci fare sesso?
Vota la tua preferita e lascia un commento!!!


PORNO DIVE
Sono arrivate le splendide:
Far Sarawimol,
Alexis Lee e Brianna Banks


FILM XXX ONLINE
Tantissimi video porno gratis!!!


PORNO GAMES
Per giocare con il sesso direttamente online


Visita la pagina della nostra Community dove trovi tanti amici che vogliono conoscerti...

GRANDE NOVITA'
La TV per Adulti direttamente sul tuo computer.
9 canali con programmazione non-stop tutti gratis!!!


Dimostra le tue doti di Amatore
partecipando
al grande
torneo-game
"Fammi Godere" nella sezione
PORNO GAMES


Sissi
è la concorrente in testa in questo momento con
1709 voti.



la bocca disponibile della mia ragazza
Era un mercoledì pomeriggio di una noiosa giornata d’autunno; mi telefona la mia ragazza concetta e mi chiese di accompagnarla a far shopping ai grandi-magazzi ni; dissi di sì e mezzora dopo ero sotto casa sua ad ...[continua]
messaggi di single, coppie, ecc.
L'ultimo messaggio :
bimbadolce
Per tante coccole dolci e sensuali..contat tami...sono calda e avvolgente come l'estate....
baciiii
Vale< r>p.s *** dalle 15 alle 21.no sms! ...
Tantissimi film
da godersi
direttamente
online
Le Donne si Spogliano
OGGI
Giochiamo a:
Dolce Pompino
Il video di oggi è:

NO, NO, il culo NO!!!



 Segnala un sito | CERCO:Amici!Amore!Sesso! |
  nutilla.com  © 2000>2013 - Tutti i diritti sono riservati CONTATTACI DISCLAIMER HOME PAGE TORNA INDIETRO TORNA SU

PORNO GAMES RACCONTI EROTICI SEX GAMES ANNUNCI E INCONTRI VIDEO DIVERTENTI BARZELLETTE GAMES FOR ALL FORUM PER ADULTI VIDEO PORNO ITALIANI

.